Emma Lanza dai primi passi all’OGI

Allieva fiesolana fin dall’infanzia, Emma Lanza ci racconta la sua esperienza con la musica nella Scuola.

Hai percorso a Fiesole tutte le tappe della tua formazione musicale… com’è stato il cammino?
Avevo dieci anni, quando decisi di fare l’esame di ammissione a Fiesole. Ad attirare la mia attenzione era stato… il prato enorme davanti alla villa. Una volta dentro, mi resi conto che il prato non era la sola cosa che la Scuola di musica offriva. Dalle lezioni individuali alla musica da camera, dalla storia della musica all’armonia…. ogni giorno, uscita da scuola, salivo a San Domenico e ci passavo quasi tutto il pomeriggio. Si era creata una vita parallela molto impegnativa, ma per tutto quello che la Scuola mi ha dato ne è valsa la pena. Il legame con gli insegnanti che si instaurava anno dopo anno e l’amicizia che nasceva tra gli allievi rendevano tutto ancora più bello. All’interno di un quartetto un’amicizia forte cambiava anche il tuo modo di suonare. Gli insegnanti, oltre che farti lezione, diventavano anche maestri di vita. La mia insegnante di violino, Boriana Nakeva, mi seguiva in tutto quello che facevo, fuori e dentro la Scuola. Mi sosteneva in tutte le decisioni e, quando sbagliavo, mi riportava sulla strada giusta. Ancora oggi rimango in contatto con lei, per aggiornarla su quello che faccio e per chiederle dei consigli.
Quando entrai al triennio, gli esami da dare e i corsi da seguire aumentarono. Ogni esame strumentale richiedeva un vasto repertorio. Ad aprile scorso ho dato l’esame finale e ora guardo con grande soddisfazione al bagaglio che la Scuola mi ha lasciato.

L’approdo all’Orchestra Giovanile rappresenta per tanti una scoperta, la sorpresa di avvicinarsi ad una realtà molto diversa da quanto si era sperimentato in precedenza. Cosa succede, invece, arrivando “da dentro”?
Ho sempre suonato molto nell’Orchestra dei Ragazzi, da quando sono entrata nella scuola. Non posso dire che mi sia mancata. Il maestro Edoardo Rosadini ha insegnato a tutti noi a stare in orchestra e ci trattava come degli adulti. Ogni domenica mattina si provava, anche se non c’erano concerti in vista, e guai a chi non si presentava. Ci ripeteva sempre che le uniche accettabili ragioni di assenza erano di “morte o malattia da ricovero”. Abbiamo fatto concerti davvero grandi, ci preparava arrivando a farci suonare come un’orchestra professionale.
Forse sono stati tutti gli impegni che già avevo, ad impedirmi di prendere in considerazione fin da subito l’Orchestra Giovanile Italiana. Quando decisi di fare l’audizione non immaginavo a cosa sarei andata incontro. Nonostante tutta l’esperienza già maturata in orchestra ed il fatto che la Giovanile fosse da sempre sotto i miei occhi, mi si è comunque aperto un mondo. Non credo ci sia differenza per gli allievi che arrivano da dentro o da fuori. Rimane per tutti un‘esperienza ricchissima.

Grazie all’OGI hai fatto incontri importanti, e compiuto esperienze significative; cosa porti con te, alla fine di un periodo così intenso?
La voglia di riviverlo di nuovo in altre realtà, sperando che non si spenga mai la voglia di fare che abbiamo acquisito. Spero di incontrare nuovamente molti dei compagni con cui ho condiviso questa meravigliosa esperienza e suonare di nuovo con loro.
Porterò con me un bagaglio molto importante, con musica difficile e bellissima, affrontata con grandi maestri come Jeffrey Tate o Daniele Gatti, suonata in teatri meravigliosi. Soprattutto mi porterò dietro la consapevolezza di tutto l’impegno che è necessario mettere nelle cose belle.

Pochi giorni fa sei stata chiamata a partecipare all’esecuzione del Requiem di Verdi sotto la direzione di Myung-Whun Chung, presso l’Opera di Firenze. Vuoi raccontarci com’è andata questa breve immersione nella realtà lavorativa di un’orchestra importante come il Maggio?
Suonare con l’Orchestra del Maggio è stata un esperienza davvero intensa, ed essere diretti dal Maestro Chung rendeva tutto più incredibile. Si muoveva il minimo indispensabile e faceva scaturire dall’orchestra un Requiem meraviglioso.
Sono stati giorni in cui mi sono immaginata come deve essere la vita di un orchestrale. Andare a lavorare in un luogo come il Teatro dell’Opera e fare concerti così importanti è il sogno di ogni strumentista. Vivere quei pochi giorni con i musicisti del Maggio mi ha dato un’ulteriore spinta a non mollare, e a continuare a inseguire il mio sogno.

Eventi

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
Prev Next

5 x 1000

5 x 1000

IO CI METTO LA FIRMA. Sostieni con noi i progetti gratuiti dedicati ai bambini.

Anche grazie al 5 x 1000 potremo continuare a realizzare i progetti didattici per i bambini che...

continua >>

Le Sette Ultime Parole del Nostro Salvat…

In collaborazione con O flos colende
Musica Sacra a Firenze XXI Edizione

F.J. Haydn Le Sette Ultime Parole del Nostro Salvatore sulla Croce

Lettura e commento delle Parole a cura del Card....

continua >>

Weekend di musica da camera

Porte aperte alla Scuola, per il rinnovarsi dell’annuale appuntamento con le classi di musica d’insieme: dalle 12:00 di sabato 1 aprile alle 18:30 di domenica 2, i giovani musicisti fiesolani...

continua >>

Le Sette Ultime Parole del Nostro Salvat…

In collaborazione con O flos colende
Musica Sacra a Firenze XXI Edizione

F.J. Haydn Le Sette Ultime Parole del Nostro Salvatore sulla Croce

Lettura e commento delle Parole a cura del Card....

continua >>

Weekend in musica – Trio Vox

Rassegna concertistica in collaborazione con la Regione Toscana
due visite orario 9.30 e 10.00 seguite da concerto

Trio Vox
Irene Novi pianoforte
Clarice Curradi violino
Augusto Gasbarri violoncello

LUDWIG VAN BEETHOVEN (1770–1827)...

continua >>

Concerto di Pasqua

Momenti Musicali

Graziella Failoni soprano
Maila Fulignati soprano
Clarissa Reali soprano
Paolo Gonnelli pianoforte
Riccardo Foti organo
Quartetto TAAG

Schola Cantorum Francesco Landini
Fabio Lombardo direttore

FRANZ SCHUBERT (1797–1828)
An die Sonne...

continua >>

The Wondrous World of Tala

Momenti Musicali

The Wondrous World of Tala

Antonino Siringo - YekNur pianoforte
Filippo Pedol contrabbasso
Piero Borri batteria

ANTONINO SIRINGO – YEKNUR (1978) Suite The Wondrous World of Tala
STANDARD JAZZ


Un trio...

continua >>

Laura Polverelli - Carmelo Giallombardo …

Momenti Musicali

Laura Polverelli mezzosoprano
Carmelo Giallombardo viola
Matteo Fossi pianoforte

JOHANNES BRAHMS (1833 – 1897)
Lieder op. 43 n. 1 e n. 2 per voce e pianoforte
Von ewiger Liebe ("Dunkel,...

continua >>

Weekend in musica – Duo Images

Rassegna concertistica in collaborazione con la Regione Toscana
due visite ore 9.00 e ore 11.00

Duo Images
Fabrizio Aiello arpa
Gabriella Russo arpa

ALFRED HOLÝ (1866 – 1948)
Festmusik op. 13

FRANCESCO...

continua >>

Weekend in musica – Gianluca Montaruli

Rassegna concertistica in collaborazione con la Regione Toscana
2 visite ore 10.00 e ore 12.00

Gianluca Montaruli violoncello

JOHANN SEBASTIAN BACH (1685 – 1750)
Suite per violoncello n. 6 in re...

continua >>

Cerca