Docenti

Alberto Bocini

Alberto Bocini
Contrabbasso - Corso di Perfezionamento

Nato a Prato, si diploma in contrabbasso presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze nella classe di Alfredo Brandi e prosegue poi gli studi sotto la guida di Franco Petracchi, con cui instaura un duraturo e prezioso rapporto.
Primo Contrabbasso per 5 anni nell' “Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia (Roma) e per 15 anni dell’ Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino . Recentemente ha lasciato la sua posizione in orchestra per dedicarsi all'insegnamento e all'attività cameristica e solistica  che lo ha portato ad esibirsi in Europa, Stati Uniti, Canada, Giappone, Sud America, incidendo per Denon, Velut Luna, NBB records. Quest’ultimo è un marchio/etichetta discografica dedicato al contrabbasso e ideato da Alberto Bocini con l’intenzione di valorizzare la letteratura contrabbassistica, promuoverne la creazione di nuova, riscoprire vecchie registrazioni ed offrire una serie di servizi per i contrabbassisti, studenti e professionisti, attraverso la creazione di un portale internet dedicato. Membro del quartetto di contrabbassi “the Bass Gang”, con cui effettua regolarmente tournée in Oriente (Giappone, Corea, Cina). È titolare della cattedra alla HEM Haute Ecole de Musique di Ginevra, succedendo in quel ruolo al suo maestro F. Petracchi.

 

Was born in Prato, Italy, and graduated from  the L. Cherubini Conservatory Florence as a student of Alfredo Brandi. He continued his studies with Franco Petracchi, with whom he established a long and fruitful rapport.
Bocini held the role of Principal Double Bass player for 5 years in the Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia (Rome) and for 15 years in the Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. He recently left the orchestra in order to pursue teaching as well as chamber and solo concerts, which has resulted in performances in Europe, the USA, Canada, Japan and South America, with recordings for Denon, Velut Luna and NBB records.
​NBB records is a brand/ record label created by Bocini and dedicated solely to double bass, with the intention of highlighting double bass literature, promoting new compositions for the instrument, rediscovering old recordings and offering a range of services for double bass players, both students and professionals, through the creation of an Internet portal.  Bocini is a member of the double bass quartet “the Bass Gang”, with which he regularly tours in the Orient (Japan, Korea, China). He is Department Chair at HEM Haute Ecole de Musique in Geneva, a role previously held by Franco Petracchi.

Alda Dalle Lucche

Saxofono - base

Musica da camera per saxofoni

Saxofono - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Musica d'insieme per fiati

È diplomata in saxofono al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti e la lode. Dal ’90 al ’94 partecipa al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, prima sotto la direzione artistica di Henze poi di Battistelli, dove ha eseguito prime italiane e assolute in orchestra, gruppi da camera e come solista, iniziando un percorso attraverso autori contemporanei fino ad arrivare all’avanguardia di Vinko Globokar e la partecipazione a Festival di musica contemporanea in Slovenia e Germania. Dal ’97 collabora stabilmente con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di Mehta, Prêtre, Maazel, Bychkov, Oren, Bartoletti…e con l’ORT Orchestra della Toscana con la quale si è esibita, diretta da Berio, alla Carnegie Hall di New York, Madrid, Tokyo…; ha inoltre collaborato con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, l’Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari e dal 2009 Claudio Abbado l’ha invitata a far parte dell’Orchestra Mozart.
Parallelamente si dedica alla musica da camera in varie formazioni: in duo con la I arpa dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino Susanna Bertuccioli, con quartetto d’archi, trio, con il Quartetto di Saxofoni “The Sæxophones” per oltre un decennio e con il Quartetto di Saxofoni QSF-Quartetto di Saxofoni di Firenze
Vincitrice di concorsi internazionali come l’”Astor Piazzolla” ’97 di Castelfidardo (An) e il “Trofeo Kawai” ’98 di Tortona (Al).
Ha inciso per le etichette Pentaphon e Musicaimmagine (contemporanea italiana), Amiata Records (From Gesualdo to Sting), Nuova Era (Sæxotango), Videoradio Classica (One life to live: music by Kurt Weill).
È docente di saxofono presso la Scuola di Musica di Fiesole e alla New York University of Florence.
Nel ’02 è stata scelta dalla Yamaha come testimonial per i saxofoni in Italia.

“…estro, bellezza del suono, sensibilità…”
Semyon Bychkov

Aldo Tarabella

Arte scenica - triennio

Compositore e regista italiano, Aldo Tarabella, eclettico, uomo di teatro e d’opera, oggi abbina stabilmente la composizione con la regia lirica. Le sue esperienze al Piccolo Teatro di Milano, compositore di Giorgio Strehler, la commedia dell’arte, Arlecchino, le maschere, il profondo amore per l’opera buffa, hanno influito sul desiderio di comporre altrettante opere, ispirate sì, a questi mondi, ma proiettate verso uno stile leggero, spumeggiante, di grande singolarità, quali Il Servo padrone, ideale continuazione del celeberrimo intermezzo di Pergolesi; Opera bestiale, una divertente ironia del mondo dell’opera interpretata da cinque animali-cantanti con il disegnatore italiano ALTAN, e Tubeo e Violetta tenera ed appassionata parodia del celeberrimo Romeo e Giulietta shakespeariano, opera rappresentata con successo all’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma.
Le sue opere sono state rappresentate al Teatro Regio di Torino, Teatro Comunale di Bologna, Accademia Chigiana di Siena, Enti Lirici e Sinfonici in Italia e all’estero. Nel maggio 2010, è regista della commedia musicale legata al personaggio del Signor Bonaventura, L’Isola dei pappagalli con il Teatro Metastasio di
Prato, Scuola di Musica di Fiesole, OR T-Orchestra della Toscana, un progetto regionale che valorizza giovani attori e cantanti, giovani scenografi, costumisti, tecnici, dedicato a Sergio Tofano e a Nino Rota. Ha debuttato felicemente, in collaborazione con il Teatro San Carlo di Napoli, con La Traviata, scene di Nicola Robertelli, costumi di Giusy Giustino, in Sicilia, nella Stagione lirica del Luglio Trapanese. È in preparazione con lo scenografo Angelo Sala del Teatro Alla Scala di Milano una nuova Boheme con debutto a Novara e un progetto speciale de Il Trittico di Puccini nei Teatri delle Marche e Molise.
Direttore artistico del Teatro del Giglio di Lucca, Teatro di Tradizione, dal 2000 al 2008. Fondatore della Compagnia Sperimentale Opera Bazar, con sede a Lucca, dove si tengono i master di alta formazione per cantanti, strumentisti e ballerini, sui temi della multidisciplinarietà delle arti.

Alessandro Giachi

Contrabbasso - base

Contrabbasso - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale

Musica da camera

Nato a Prato, inizia lo studio del Contrabbasso presso la Scuola Comunale di Musica “G. Verdi” con Alberto Bocini. Dopo il diploma si perfeziona frequentando il corso triennale dell’Accademia “W.Stauffer” di Cremona con Franco Petracchi. Nel 1994 entra a far parte dell’Orchestra Giovanile Italiana avendo il privilegio di collaborare con personalità come Riccardo Muti, Carlo Maria Giulini, Giuseppe Sinopoli. Nel 1996 viene scelto alle selezioni per la Mahler Jugendorchester, la compagine giovanile europea fondata da Claudio Abbado. Riceve anche una borsa di studio dalla Mahler Akademie di Vienna, ed ha così la possibilità di approfondire il repertorio orchestrale del contrabbasso con personalità d’eccezione quali Burkhard Kräutler, Rainer Zepperitz, Klaus Stoll. In seguito viene invitato dalla Mahler Chamber Orchestra, con la quale partecipa a produzioni operistiche e sinfoniche per importanti festival ed istituzioni europee fra le quali Ferrara Musica ed il Festival di Aix-en- Provence.
Nel 1998 vince le selezioni per la Camerata Strumentale Città di Prato. Nel 1999 risulta Idoneo al concorso per Contrabbasso presso il Teatro Comunale di Bologna iniziando una lunga collaborazione tuttora in essere.
Approfondisce in seguito la ricerca strumentale filologica sul proprio strumento, e la prassi esecutiva sul violone barocco. Con l'Ensemble Inegal di Praga ha registrato diverse opere del compositore ceco Jan Dismas Zelenka per la casa discografica Nibiru. Ha fatto parte per anni dell’Orchestra Symphonica Toscanini prendendo parte a numerose tournée in Europa, Stati Uniti, Sud America, Giappone, Russia sotto la bacchetta di Lorin Maazel. Collabora inoltre con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e l’Orchestra della Toscana.

Alessia Sordini

Flauto traverso - base

Flauto traverso - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Alfonso Borghese

Chitarra - base

Chitarra - triennio
Tecnica di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Musica da camera
Pratica dell'accompagnamento estemporaneo

Chitarra - Corsi di Perfezionamento

Ha studiato l'arte della chitarra con Alvaro Company, seguendo poi  i corsi di Andrés Segovia in Spagna. Nel1978 inizia la sua prima tournée negli Stati Uniti con recital alla Carnegie Hall di New York.   Si dedica anche alla musica da camera e fa parte, fin dalla sua costituzione, del Trio Chitarristico Italiano,incidendo tre LP un CD. Il percorso artistico di questa singolare formazione e il fecondo rapporto con Ennio Morricone è illustrato un DVD pubblicato nel 2009.  Particolarmente interessato al repertorio contemporaneo, Borghese è stato interprete di molte prime esecuzioni assolute. Attivo anche come direttore d’orchestra, deve la sua formazione a Franco Ferrara. Con Stefano Martinelli ha composto il musical “Polly, ovvero l’opera del milionario” più volte rappresentata.

 

A representative of the school of Alvaro Company, Borghese studied in Spain with Andrés Segovia. In 1978 he made his first tour of the United States with recitals at Carnegie Hall in New York. For more than 20 years he has devoted himself to chamber music and has been a member of the Trio Chitarristico Italiano since it was founded. Particularly interested in contemporary music, Borghese has performed many world premières. He is also active as a conductor and owes his knowledge in this field to Franco Ferrara. With Stefano Martinelli he composed the musical “Polly, ovvero l’opera del milionario” performed both in Florence, Italy, and in San Francisco.

Alice Gabbiani

Violoncello - base

Si diploma brillantemente con il M° Rocco Filippini presso il Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano e nel 2007 consegue con lode il Diploma Accademico di II livello in Discipline Musicali - Violoncello presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze sotto la guida del M° Andrea Nannoni. Come solista e in ensemble si perfeziona, tra gli altri, con i Maestri: Rocco Filippini, Enrico Dindo, Luca Fiorentini, Andrea Nannoni, Anatole Liebermann, Enrico Bronzi, col Trio di Milano, con Pier Narciso Masi, Piero Farulli, Milan Skampa e Hatto Bayerle. Da sempre svolge un’intensa attività cameristica: nel 1995 fonda il Quartetto Klimt (con pianoforte) col quale ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Musica da camera “G. Zinetti” di Sanguinetto (Varese), dall’ottobre 2003 fa parte dell’Ensemble Nuovo Contrappunto diretto da Mario Ancillotti e dal 2009 crea il Duo Musizieren (violoncello e chitarra). Ha inoltre fatto parte del Quartetto Toscano. In ensembles da camera si è esibita in numerose stagioni tra cui le Serate Musicali di Milano, il Festival di Ravello, gli Amici della Musica di Firenze, l’Holeg Kagan Musik Fest, gli Amici della Musica di Perugia, i Concerti del Quirinale, il Lingotto Musica di Torino, la stagione concertistica dell’ Università “La Sapienza” di Roma, la Società del Quartetto di Milano. Ha collaborato con varie orchestre tra cui l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, la Camerata Strumentale Città di Prato, l’Orchestra del Teatro Regio di Parma e l'Orchestra Simphonyca Toscanini diretta da Lorin Mazel. Da sempre svolge un’intensa attività didattica: insegna presso la Scuola di Musica di Fiesole, la Scuola di Musica “G. Verdi” di Prato e la Scuola di Musica Sinfonia di Lucca.

Alina Company

Masterclass Violino

Allieva di Gabriella Armuzzi, si diploma brillantemente in violino nel 1987 al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze. Successivamente consegue anche il diploma di viola col massimo dei voti presso l’Istituto Musicale Pareggiato “L. Boccherini” di Lucca.
Si perfeziona con Pavel Vernikov, Adrian Chamorro, Zinaida Gilels, Ilya Grubert presso l’Accademia di Portogruaro.
Nel 1988 fonda il “Quartetto di Fiesole” di cui ricopre il ruolo di primo violino, sotto la guida attenta e preziosa di Piero Farulli e Andrea Nannoni presso la Scuola di Musica di Fiesole e l'Accademia Chigiana di Siena. Frequenta varie Master-Classes tenute da Milan Skampa, dal Quartetto Amadeus, da Sadao Harada (Quartetto di Tokio) e da Valentin Berlinsky (Quartetto Borodin).
Già vincitrice di numerose selezioni e borse di studio, nel giugno 1990, ottiene all'unanimità il 1° Premio Assoluto al "Concorso Internazionale per Quartetto d'Archi" di Cremona e nell'ottobre 1996 vince il 1° Premio Assoluto al Concorso Internazionale di Musica da Camera "Premio Vittorio Gui" di Firenze, ricevendo inoltre il "Premio del Pubblico".
Da quel momento intraprende una prestigiosa carriera concertistica con tournée in Russia, Stati Uniti, Africa ed in tutta Europa, esibendosi tra l'altro in sedi come Londra, Parigi, Mosca, Madrid, Bruxelles, Budapest, Praga, Varsavia, Vienna, Copenhagen, Amburgo, Brema, Lugano, Minsk, ecc.
È spesso ospite di importanti società di concerti quali l'Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, Accademia Filarmonica Romana, gli Amici della Musica di Firenze, Bergamo, Pescara, Perugia, Verona, Vicenza e Palermo, l’Unione Musicale di Torino, l’Associazione Ionica, la Società dei Concerti di Trieste, la Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, le Serate Musicali di Milano... e di prestigiosi Festival: Newport e Tanglewood (USA), Sorrento, Mozart a Rovereto, Estate Fiesolana di Firenze, Gubbio, Ravello, Estate Musicale Frentana, Autunno Musicale a Como, Festival Paganiniano, avvalendosi delle collaborazioni di Maria Tipo, Piero Farulli, Andrea Lucchesini, Pietro De Maria, Fabio Bidini, Nelson Goerner, Andrea Nannoni, Alain Meunier, Kostantin Bogino, Antonello Farulli, Tiziano Mealli, Marco Vincenzi, Pier Narciso Masi, Stefano Fogliardi, Tiziana Tramonti, Renato Donà, Giovanni Gnocchi, Marco Dalsass, Stefania Mormone, Luca Ballerini, Stefania Cafaro, Alessandro Marangoni e molti altri, ottenendo sempre un grande successo di pubblico e critica.
Fra i numerosi concerti si ricordano quelli: per l’Accademia Nazionale di S. Cecilia a Roma, dove ha eseguito il "Quartetto per Archi" (1958), in occasione del 90° compleanno di Goffredo Petrassi, alla presenza dell'autore; l’esibizione al Quirinale per il Presidente della Repubblica Italiana; il concerto alla Wigmore Hall di Londra per il 50° anniversario del “Quartetto Amadeus”; il concerto al Ponchielli di Cremona, dove ha avuto l’onore di suonare il meraviglioso Stradivari detto il “Cremonese”.
Registra per le Emittenti Radiotelevisive Nazionali Italiana, Svizzera Francese e Tedesca. Incide diversi CD, per la Frame (Mendelssohn, Malipiero), per la Musikstrasse (Dvoràk-Borodin), il più recente, nel 2011, per la rivista Suonare News (Webern-Shostakovich-Schumann).
Alina Company unisce all’attività concertistica quella didattica alla quale si dedica con passione fin da giovanissima. Dal 1988 insegna violino presso la Scuola di Musica di Fiesole e, nell’ambito dell’Orchestra Giovanile Italiana, dopo essersi dedicata per anni al Corso di Perfezionamento Individuale di Violino, attualmente fa parte del team della Musica da Camera. Membro di giurie presso concorsi internazionali, collabora con il CEMAT e tiene regolarmente corsi di perfezionamento in Italia e all’estero.
È docente di Quartetto presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze.
Molti suoi allievi si distinguono vincendo numerosi premi e spiccano nel panorama concertistico internazionale e nelle orchestre più prestigiose.
Suona un violino Montagnana del 1720 ed una viola del ‘700 francese scuola Castagneri.

Andrea Cappelletti

Violino - base

Nato nel 1961 studia con Giuseppe Principe al Conservatorio di Napoli diplomandosi a 18 anni con il massimo dei voti e la lode. Ha perfezionato i suoi studi all’estero con Vibor Varga, Corrado Romano, Alberto Lysy e Jehudi Menuhin vincendo importanti concorsi. Ancora giovanissimo, inizia una carriera solistica di grande successo tale da permettergli di sviluppare un repertorio di oltre 30 concerti che ha eseguito con le maggiori orchestre in Europa e nel mondo. Si è esibito come solista nelle sale più prestigiose d’Europa: Barbican, Royal Festival Hall, Wigmor Hall, Concertgebouw, Musikverein e Konzerthaus di Vienna; ha suonato con le più importanti Orchestre italiane, Rai di milano e Napoli, S.Cecilia a Roma, La Fenice, collaborando con direttori quali Peter Maag, Gianandrea Gavazzeni, Hans Graf, Moshe Atzmon, Muhai Tang, Michel Stern, Paavo Jarvi, Roberto Abbado. Lo hanno visto ospite i più importanti Festival europei: Bergamo e Brescia, Luglio di Capodimonte, Edinburgh, Montpellier, Wiener Musiksommer, Haydn- Festspiele, Tivoli, Cambridge, Mozart-Fest Wurzburg. Ha effettuato numerose registrazioni televisive e radiofoniche dei suoi concerti in tutto il mondo ivi comprese per la BBC. Descritto “esperto Mozartiano” dalla stampa internazionale, dopo la sua prima comparsa al Festival di Edimburgo nel 1987, Andrea Cappelletti si è fatto conoscere per le sue interpretazioni dei compositori classici viennesi, inoltre è sua cura includere nei suoi programmi pagine meno frequentate della scuola italiana: Viotti, Pergolesi, Busoni e Respighi. Le sue registrazioni di concerti del barocco italiano, nonchè l’incisione integrale dei concerti di Mozart (European Community Chamber Orchestra) sono state accolte con entusiasmo dalla critica musicale internazionale, come pure la prima registrazione delle sonate per violino solo di Tartini, la Manhnheimer sonate di Mozart per violino e pianoforte con Vovka Ashkenazy, i concerti di Haydn con la Scottish Chamber Orchestra (Dir. James Blair), le “Quattro stagioni” di A. Vivaldi con la stessa orchestra (Dir. Ivor Bolton). Particolare interesse ha suscitato l’incisione del Concerto Gregoriano e del “Concerto all’antica” di Respighi con la Philarmonia di Londra, direttore Mathias Bamert.
In campo didattico, tiene numerose Masterclass all’estero ed attualmente insegna violino presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Andrea Cappelletti suona uno Stradivari del 1726.

Andrea Lucchesini

Andrea Lucchesini 
Pianoforte - Corsi di Perfezionamento

Formatosi alla grande scuola pianistica di Maria Tipo, Andrea Lucchesini inizia giovanissimo un’intensa carriera solistica internazionale, dopo la vittoria del Concorso Internazionale “Dino Ciani" al Teatro alla Scala di Milano nel 1983. Da allora suona con le più prestigiose orchestre e direttori quali C. Abbado, S. Bychkov, R. Abbado, R. Chailly, D. Gatti, G. Gelmetti, D. Harding, G. Noseda e G. Sinopoli.
È il primo (ed unico) artista italiano a ricevere il Premio Internazionale Accademia Chigiana, nel 1994, mentre l’anno successivo la critica italiana gli assegna il Premio F. Abbiati. Da oltre vent’anni è molto attivo anche nel settore cameristico, del quale esplora l’amplissimo repertorio nelle più varie formazioni, collaborando con musicisti ed ensemble di altissimo livello; numerosi progetti, anche discografici, lo vedono in duo con il violoncellista Mario Brunello.
Nel luglio 2001 la prima esecuzione mondiale a Zurigo della Sonata di Luciano Berio segna l’apice di una felice collaborazione, che aveva preso l’avvio con il Concerto II “Echoing curves”, eseguito da Lucchesini sotto la direzione di Berio in tutto il mondo, e registrato con la London Symphony Orchestra per BMG.
Andrea Lucchesini ha inciso per Emi, Teldec e Agorà; gli otto cd live delle 32 Sonate di Beethoven (Stradivarius) e l’integrale delle opere per pianoforte solo di Berio per Avie Records hanno ricevuto importanti riconoscimenti dalla critica, unanime nel plauso anche dinanzi al più recente cd dedicato agli Improvvisi di Schubert.
Convinto dell’importanza della trasmissione del sapere musicale alle giovani generazioni, si dedica con passione anche all’insegnamento, presso la Scuola di Musica di Fiesole, e viene regolarmente invitato a tenere masterclass presso le più prestigiose istituzioni musicali europee ed americane; partecipa inoltre a progetti di divulgazione musicale radiofonica, ed in qualità di giurato a numerosi concorsi internazionali nei cinque continenti.
Chiamato nel 2005 da Piero Farulli a condividere la conduzione della Scuola di Musica di Fiesole, dal 2008 al 2016 ne è stato Direttore Artistico; l’eccellenza dei risultati raggiunti nella multiforme ed intensa attività di musicista gli è valsa nello stesso anno la nomina ad Accademico di Santa Cecilia.

 

Andrea Nannoni

Andrea Nannoni
Quartetto d'Archi - Corsi di Perfezionamento

Ha studiato al conservatorio “L. Cherubini” di Firenze con P. Grossi. Si è perfezionato con A. Navarra e A. Baldovino. È vincitore di numerosi concorsi. Nel 1980 gli è stato conferito, per particolari benemerenze acquisite nell’ambito del concertismo nazionale ed internazionale, il premio nazionale “David di Michelangelo”. È stato ospite di alcune fra le più importanti orchestre italiane. Ha suonato con artisti quali U. Ughi, M. Tipo, B. Canino, P.N. Masi, G. Garbarino, F. Petracchi, P. Farulli, M. Campanella. Ha fatto parte del Trio di Fiesole e del Nuovo Quartetto con i quali ha svolto un’intensa attività concertistica. Ha inciso per le case discografiche Denon Nippon Columbia, Frequenz e Fonè. È titolare di una cattedra di violoncello al Cherubini di Firenze. È docente nei Corsi Speciali e nei corsi dell’Orchestra Giovanile Italiana della Scuola di Musica di Fiesole e dal 1988 al 2004 è stato maestro assistente al corso di Perfezionamento di Quartetto d’archi dell’Accademia Chigiana di Siena.

 

Studied cello with P. Grossi at the Cherubini Conservatory in Florence. He further honed his craft with A. Navarra and A. Baldovino. He has won numerous competitions. In 1980 he was awarded the “David di Michelangelo” prize for his achievements in national and international performances. He has played with some of Italy’s finest orchestras. He has also played with artists of the calibre of U. Ughi, M. Tipo, B. Canino, P.N. Masi, G. Garbarino, F. Petracchi, P. Farulli, M. Campanella. He was a member of the Trio di Fiesole and of the Nuovo Quartetto, with whom he had an intensive concert schedule. He has recorded for Denon Nippon Columbia, Frequenz and Fonè. He is Department Chair of cello at the Cherubini Conservatory in Florence and teaches postgraduate courses and the Orchestra Giovanile Italiana courses at the Scuola di Musica di Fiesole. From 1988 to 2004 he was Assistant Professor of string quartet at the Accademia Chigiana of Siena.

Andrea Oliva

Andrea Oliva
Flauto - Corsi perfezionamento

"Andrea Oliva è uno dei migliori flautisti della sua generazione, una stella brillante nel m ondo del flauto”: cosí Sir James Galway definisce Andrea Oliva, primo flauto solista dell’ Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, ruolo che ricopre dal 2003.
Nato a Modena nel 1977, si diploma col massimo dei voti in soli cinque anni all’ Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” di Modena sotto la guida di G. Betti, perfezionandosi poi con C. Montafia, M. Marasco, G. Cambursano, J.C. Gérard, A. Blau e Sir J. Galway ed iniziando subito una brillante carriera.
Fra i numerosi premi vinti nei più importanti concorsi flautistici internazionali spiccano il primo premio al Concorso Internazionale di Kobe (2005, primo italiano ad aver ottenuto tale riconoscimento) ed il terzo premio al Concorso Internazionale ARD di Monaco (2004). La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in alcune fra le più importanti sale di tutto il mondo: Carnegie Hall di New York, Museo d’Arte Contemporanea di Londra in presenza della Regina Elisabetta, nella prestigiosa Bunka Kaikan Hall di Tokyo, all’Hong Kong Academy, in Chile ed a Cuba.
Già membro effettivo dell’Orchestra Giovanile Gustav Mahler, ha frequentato l’Accademia Herbert von Karajan, ed è stato invitato, a soli 23 anni, come Primo flauto ospite dai Berliner Philharmoniker sotto la direzione di prestigiose bacchette quali C. Abbado, L. Maazel, V. Gerghiev, S. Oramo, M. Jansons e B. Haitink. Invitato personalmente da C. Abbado, ha suonato con l’ Orchestra Mozart di Bologna e collabora come docente all’Accademia dell’Orchestra stessa. Nello stesso ruolo collabora con numerose orchestre quali i Bayerische Rundfunk e Orchestra da Camera di Monaco, Bamberger Symphoniker, Mahler Chamber Orchestra e Chamber Orchestra of Europe. Si è esibito varie volte in veste di solista con l’Orchestra Nazionale di S. Cecilia diretto da C. Hogwood, M.W. Chung e nel marzo 2010 da A. Pappano, eseguendo il Concerto di C. Nielsen (trasmesso dai RAI 3). Nel 2012 ha eseguito la prima nazionale del concerto per flauto e orchestra di M. A. Dalbavie diretto da M. Honeck. E’ membro del GlobeDuo (flauto e chitarra con C. Savarese) con il quale si esibisce nelle più importanti stagioni italiane ed estere affrontando repertori nuovi ed inesplorati per questa formazione oltre che essere membro e fondatore del "Quintetto di fiati Italiano" e de "I Cameristi di Santa Cecilia". Richiestissimo ed apprezzato docente, insegna ai corsi di alto perfezionamento all’Accademia di S. Cecilia di Roma "I Fiati", al biennio superiore a Modena ed il triennio di alto perfezionamento presso l’ Accademia Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. E' attualmente Professore di Flauto principale presso il Conservatorio della Svizzera italiana (CSI Lugano). Ha inciso per "VDM Records" 'Sonate’ per flauto e pianoforte (M. Grisanti pf), per “Le Chant de Linos” le Sonate di Händel. Per la rivista Amadeus “Le merle noir” di O. Messiaen e per "Wide Classique" 'Globe' (CD vincitore del Los Angeles Global Award 2013). Ha pubblicato inoltre un DVD didattico sul flauto (Edizioni Accademia2008) ed il CD “Bach Flute Sonatas” insieme alla pianista canadese A. Hewitt per “Hyperion”, con la quale ha debuttato nel 2014 alla Wigmore Hall di Londra e riscuotendo numerosi consensi di pubblico e di critica. Di recente pubblicazione la 'Sonatina' di H. Duttileux e 'Romance' di Saint-Saëns per "Brillant" (A. Makita pf) e la "Sonata da Concerto" per flauto solista e archi di G. F. Ghedini per la "Sony" diretto da Rustioni con l'orchestra ORT. Andrea Oliva suona un flauto Muramatsu 14k all gold SR appositamente progettato per lui.


“Andrea Oliva is one of the best flute of his generation, a shining star in the flute world”: as Sir. James Galways speaks about Andrea, First flute soloist of the “Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia” in Rome, since the 2003. Born in Modena in 1977, graduated with the best grades in only five years at the Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” of Modena under the guidance of G. Betti, followed also by C. Montafia, M. Marasco, G. Cambursano, J.C. Gérard, A. Blau and Sir J. Galway as the beginning of a wonderful future career. Among the best international flute competitions he won we must mention the first prize at the Concorso Internazionale of Kobe (2005, first italian winner) and the third prize at the Concorso Internazionale ARD in Monaco (2004). Thanks to his long concert career Andrea played in some of the most important stages of the world: Carnegie Hall in New York, Museum of Contemporary Art in London min presence of the Queen Elizabeth, in the prestigious Bunka Kaikan Hall di Tokyo, at the Hong Kong Academy, in Chile and in Cuba. Already full member in the Orchestra Giovanile Gustav Mahler, Andrea attended the Herbert von Karajan Academy and has been invited, at only 23, as guest first flute at the Berliner Philarmoniker under the prestigious presence of Conductors as C. Abbado, L. Maazel, V. Gerghiev, S. Oramo, M. Jansons e B. Haitink. Personally invited by C. Abbado, he played with the “Orchestra Mozart di Bologna” and collaborates as teacher at the Academy of the same orchestra.
In the same role collaborates in many different orchestras such as the Bayerische Rundfunk and Orchestra da Camera di Monaco, Bamberger Symphoniker, Mahler Chamber Orchestra and Chamber Orchestra of Europe. Andrea played many times as flute soloist with the “Orchestra Nazionale di S. Cecilia” conducted by C. Hogwood, M.W. Chung and in march 2010 by A. Pappano, with the Concert of C. Nielsen (broadcast on RAI 3 italian television). In 2012 he played the national first of the concert for flute and orchestra M. A. Dalbavie diretto da M. Honeck. Andrea is member of the GlobeDuo (flute and guitar with C. Savarese) playing in the most important italian and international seasons exploring new and unexplored repertoire for this kind of duo, moreover Andrea is also member and founder of the “Quintetto di fiati Italiano” and “I Cameristi di Santa Cecilia”. Requested and appreciated teacher, Andrea teaches at the master classes “I Fiati” of the Academy S. Cecilia in Rome, the upper-two year period in Modena and the three-year high specialization at the Imola International Academy “Incontri con il Maestro”. Nowadays is full professor of Flute at the Italian Swetzlandr Conservatory of Lugano (CSI Lugano). He recorded for "VDM Records" 'Sonate’ per flauto e pianoforte (M. Grisanti pf), for “Le Chant de Linos” the Händel Sonate. For the magazine Amadeus “Le merle noir” di O. Messiaen and for "Wide Classique"
'Globe' (CD vincitore del Los Angeles Global Award 2013). Andrea published also a teaching DVD about flute (Edizioni Accademia2008) and the CD “Bach Flute Sonatas” together with the canadian pianist A. Hewitt for “Hyperion”, with whom he debuted in 2014 at the Wigmore Hall of London with acclamation by critics and audiences. Recently he published the 'Sonatina' of H. Duttileux and 'Romance' of Saint Saëns for "Brillant" (A. Makita pf) and the "Sonata da Concerto" for flute solo and strings of G. F. Ghedini for “Sony" directed by Rusting with the ORT Orchestra.
Andrea Oliva plays with a flute Muramatsu 14k all gold SR specifically designed for him.

www.andreaoliva.com

Andrea Portera

Composizione - base

Analisi musicale

Composizione - triennio
Strumentazione e orchestrazione
Elaborazione, trascrizione e arrangiamento
Schemi armonici e tecniche contrappuntistiche
Techiche di eleborazione per la poesia per musica

 
Inizia la sua attività di compositore da giovanissimo, seguendo i suoi studi al conservatorio Cherubini di Firenze e soprattutto alla Scuola di Musica di Fiesole, dove entra in contatto con la classe di Manzoni e segue l'operato delle maggiori personalità musicali del panorama internazionale.
La sua produzione, sotto il segno di una fertile creatività (attualmente il suo catalogo ufficiale è costituito da 96 lavori, tra brani cameristici, sinfonici , 2 opere teatrali ecc..) ha ottenuto consensi e riconoscimenti da grandi nomi del mondo della musica; è stato infatti premiato da Berio, Fedele, Rhim, Morricone, Nishimura, Corghi, Bussotti, Solbiati, Halfter, Vacchi, Sciarrino, Noseda, Abbado, Osokawa, Luis De Pablo, Talmelli e molti altri... Ha ottenuto oltre 30 riconoscimenti, tra cui il primo premio al IV° concorso internazionale Settimane musicali di Stresa, il primo premio al IV° concorso internazionale ...a Camillo Togni, il primo premio al concorso internazionale G. Viotti, il primo premio al Concorso Internazionale Bucchi, il primo premio al VII° Concorso internazionale Evangelisti, il primo premio al XXIV concorso Castello di Belveglio, il primo premio al concorso internazionale Strumenti di Pace, il primo premio al III concorso "Simone Ciani", il primo premio al VII° concorso internazionale Carella, il primo premio al IV concorso Rosolino Toscano, il primo premio al II Concorso Internazionale A.Gi.Mus. di Varenna, il concorso internazionale Alexander Moyzes Award a Bratislava. Inoltre il secondo premio al Concorso Internazionale Toru Takemitsu, Lutoslawski Award, III premio al Lepo Sumera International, il Franz Schubert und die Musik der Moderne, il Doutilloux, il Guido D'Arezzo, il TICCS (Thailand International Composition Competition for Saxophone), finalista al Mitropoulos ecc... A 28 anni ha ottenuto per meriti artistici la medaglia d'argento dal Presidente della Repubblica Ciampi.
Le suo opere sono state eseguite da prestigiose orchestre e gruppi cameristici, tra cui la Tokyo Philarmonic Orchestra, Bbc philarmonic Orchestra, l'Orchestra sinfonica della Rai, Symphonic Orchestra of the Slovak Radio, Orchestra nazionale dell'Estonia, Orchestra of Colors di Atene, SPCO Chamber Orchestra in Minnesosa, e poi Dedalo Ensemble, Fontana Mix, Quartetto Accademia, Gaudeamus Ensemble, Templum Floridum, Ensemble Italiano, ecc... Inoltre ha collaborato con grandi solisti come il pianista Andrea Lucchesini, la violinista Lorenza Borrani, Siringo, Dillon, Ancillotti, Attademo, ecc... e da direttori altrettanto grandi come Gianandrea Noseda, Chikara Iwamura, Daniel Gazon, Miltos Logiadis, Edoardo Rosadini, Daniel Kawka,ecc..
Ha avuto pubblicazioni da: Suvini Zerboni , RaiTrade, Sconfinarte, Eurarte, Premio Bucchi, Le Monnier, Fondazione Guido D'Arezzo, Hudobne Centrum Slovakia. Nel 2008 la Scuola di Musica di Fiesole ha dedicato al compositore l'evento monografico Musica e Cultura (dedicato in precedenza a figure quali Kurtag, Berio, Sciarrino, Fedele, Vacchi ecc...) Collabora stabilmente con le rivista "Chitarre" in qualità di supervisore delle partiture e grafico musicale. Ha realizzato in veste di autore i manuali didattici per le scuole medie Contesti Musicali e Contesti Musicali Guida all'Insegnante (Ed. Le Monnier & Mondadori). Nel maggio 2008 è stato docente della masterclass di analisi per l'Accademia dell'OGI. Per il teatro ha collaborato con vari autori e attori, tra cui Stefano Massini, Pier Luigi Berdondini, Sandro Lombardo,Michele Placido, Ottavia Piccolo, Milena Vukotic.
Nel marzo 2009 è stato docente di "grafica nella musica contemporanea" all'Accademia Europea del Quartetto.
È docente alla Scuola di Musica di Fiesole di composizione, analisi musicale, video-scrittura e armonia complementare.

Andrea Portera (Canale Youtube)

Andrea Tofanelli

Andrea Tofanelli
Tromba e ottoni jazz - workshop


Andrea Tofanelli (Viareggio, 1965) si è diplomato in Tromba nel 1987 con 10 e lode all’ISSM Boccherini di Lucca. Si è esibito nei festival e teatri più prestigiosi di Stati Uniti, Giappone, Canada, Australia, Egitto e di tutta Europa, esibendosi con Maynard Ferguson, Gino Vannelli, Paul Anka, Randy Brecker, Eric Marienthal, Peter Erskine, Claudio Roditi, Kenny Wheeler, Tom Harrell, Paul Jeffrey, Dave Liebman, Brad Leali, Butch Miles, Carmen Bradford, Dusko Gojkovich, Steve Swallow, Frank Foster, New York Voices, Till Brönner, Carl Anderson, Lee Konitz, John Taylor, Palle Daniellson, Denis DiBlasio e Lew Soloff. Menzionato su Wikipedia in 5 lingue, nel 2008 ha ottenuto dal Governo USA la Visa O-1 per straordinaria abilità nelle arti e nel 2014 è stato chiamato a far parte della prestigiosa Board of Directors dell’International Trumpet Guild americano, primo italiano nella storia. Prima tromba e solista nei più importanti show televisivi degli ultimi 20 anni (più di 100) su Rai, Mediaset, LA7, e Sky, e richiestissimo session man negli studi d’incisione in Italia e all’Estero, ha collaborato e inciso con quasi tutti i più famosi artisti italiani e internazionali, sia nella musica pop che in campo jazzistico. Insegnante molto quotato a livello internazionale grazie alla gigantesca attività professionale che lo ha portato ad accumulare esperienze in tutti i generi musicali esistenti, dal jazz alla musica classica (ha fatto parte anche dell’Orchestra Giovanile Italiana a Fiesole), dal pop alla musica contemporanea, grazie anche alle competenze acquisiste nella conoscenza della scuola trombettistica americana, Andrea è docente presso l’ISSM Vecchi-Tonelli di Modena e viene regolarmente invitato a insegnare nelle maggiori università americane, nei conservatori di tutta Europa e in Giappone. Andrea Tofanelli è artista Yamaha dal 2003.

Andrea Zucco

Fagotto - base

Fagotto -  Corsi di Perfezionamento


Andrea Zucco, torinese, ha iniziato lo studio del fagotto a dieci anni. Si è perfezionato con Sergio Azzolini presso la Musikakademie di Basilea e successivamente con Stefano Canuti. A soli 22 anni è Primo fagotto del Teatro dell’Opera di Roma e dal 2006 Primo fagotto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.
Come Primo fagotto ha tenuto concerti in tutto il mondo invitato da orchestre quali Bayerisches Staatsorchester, Filarmonica della Scala di Milano, Mahler Chamber Orchestra, Camerata Bern e Deutsche Kammerphilharmonie. Nel 2008 è stato invitato personalmente da Claudio Abbado come Fagotto solista della Lucerne Festival Orchestra per suonare l’Uccello di fuoco di Stravinskij al Musikverein di Vienna.
Collabora abitualmente con i più famosi direttori quali Claudio Abbado, Lorin Maazel, Bernard Haitink, Sir Antonio Pappano, Pierre Boulez, Valery Gergiev, Daniel Harding, George Prêtre e Gustavo Dudamel. Accanto all’attività orchestrale e cameristica, Andrea Zucco suona come solista in prestigiosi Festival internazionali come L’IDRS, importante rassegna che si tiene negli Stati Uniti, dove è invitato regolarmente dal 2009. Il suo repertorio comprende i Concerti per fagotto di Mozart, Bach, Vivaldi, Hummel, Villa-Lobos, Rossini e il Capriccio per fagotto e orchestra di Verdi, eseguito anche per il Festival Verdiano di Parma. Recentemente ha eseguito i concerti di Bach e Vivaldi con i Solisti della Mahler Chamber Orchestra, concerto trasmesso da Radio Rai Tre.
Andrea Zucco tiene masterclasses in prestigiose Istituzioni quali il Royal Northern College of Music di Manchester, la Guildhall School of Music and Drama di Londra e il Royal Welsh College of Music and Drama di Cardiff.

 

Andrea Zucco began studying the bassoon when he was 10. He studied, among the others, with Sergio Azzolini at the Musik Akademie of Basel and with Stefano Canuti. At only 22 he was Principal Bassoonist of the Rome Opera House and from 2006 is Principal Bassoonist of the “Orchestra Nazionale di Santa Cecilia” of Rome.
As Principal bassoon he has performed all over the world with Bayerisches Staatsorchester, La Scala Theatre of Milan, Mahler Chamber Orchestra and Deutsche Kammerphilharmonie. In 2008 Andrea Zucco was personally invited by Claudio Abbado as Solo Bassoonist of the Lucerne Festival Orchestra to play Strawinsky’s “Firebird” at the “Musikverein” of Wien.
He works regularly with conductors like Claudio Abbado, Lorin Maazel, Sir Antonio Pappano, Pierre Boulez, Valery Gergiev, Daniel Harding, George Prêtre and Gustavo Dudamel.
Alongside the activity of Principal Bassoonist and chamber musician Andrea Zucco is developing a soloist carreer that sees him active in many Festivals - like the main season of the National Academy of Santa Cecilia of Rome under Antonio Pappano or the “Verdi Festival” of Parma - and in prestigious venues like the IDRS conventions where he performed music by Bach, Vivaldi, Mozart and Fasch. He recently performed Bach and Vivaldi's concertos with the Soloist of the Mahler Chamber Orchestra broadcasted from the Italian Radio Rai Tre.
Andrea Zucco held masterclasses in prestigious Universities like the Royal Northern College of Music of Manchester, the Guildhall School of Music and Drama of London and the Royal Welsh College of Music and Drama of Cardiff.

Antonello Farulli

Viola - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (teoria per tutti gli strumenti e pratica per la viola)
Passi del repertorio orchestrale

Viola - Corsi di Perfezionamento

Direttore Accademia Europea del Quartetto

Direttore/docente Camerata Strumentale Fiesolana
Responsabile Progetto Piagge

Allievo di Piero Farulli, viola del leggendario Quartetto Italiano, ha svolto attività concertistica in tutto il mondo. Ha registrato per la Dynamic, la Stradivarius e la Tactus. Ha, inoltre, sviluppato con passione il suo ruolo di mentore di alcuni dei migliori giovani violisti oggi in attività e di alcuni ensemble tra cui spicca il nome del Cuarteto Casals e quello del Quartetto Adorno. Il suo rapporto con il Mozarteum di Salisburgo continua da oltre dieci anni. Ha tenuto masterclass presso importanti istituzioni in Europa e negli U. S. A. tra cui, recentemente, il Royal College of Music di Londra e nel 2018 all’Interlochen Center for the Arts Program of Music nel Michigan. Dopo aver insegnato per un decennio quartetto d’archi presso la prestigiosa Escuela Superior de Musica Reina Sofia è, oggi, titolare della Cattedra di Viola presso il Conservatorio di Stato “G.B. Martini” di Bologna. La sua presenza nella Scuola di Musica di Fiesole, fin dalla sua fondazione, lo vede impegnato nella strutturazione e lo sviluppo dell'Accademia del Quartetto, di cui è il Direttore, e a capo del Dipartimento  Ricerca, Sviluppo e Progetti Speciali, che unisce alcune delle più brillanti menti nel campo della Neuropsichiatria e della Musicoterapia con l’intento di rinnovare le tecniche di insegnamento nel campo della didattica strumentale.

 

Student of Piero Farulli (violist of the legendary Quartetto Italiano) Antonello Farulli is one of the most active Italian violists both in the concert and the teaching fields. Former member of the European Union Youth Orchestra (EUYO), since 1994 Farulli has served as first solo violist of Claudio Scimone’s Solisti Veneti, with whom he has performed in the most important concert halls worldwide. He is active both as the soloist with orchestra and in chamber music ensembles collaborating with notable musicians. He has recorded for Dynamic, Stradivarius and Tactus. He has taught in Europe, Switzerland and the United States. Guest teacher of the Sommerakademie International at the Mozarteum in Salzburg and of Scuola di Musica di Fiesole, of whose Artistic Committee he is a member. He has often served as tutor at the Mahler Jugend Orchestra Akademie, and at the Accademia dell’Orchestra Mozart in Bologna. After teaching string quartet for a decade at the prestigious Escuela Superior de Musica Reina Sofia he is currently head of the viola department at the “G.B. Martini” Conservatory in Bologna. Member of the artistic committee of the Mahler Foundation in Bolzano, of the Centro Studi Boccherini of Lucca and of the prestigious V. Gui International Competition. Farulli authored a text entitled La viola del Pensiero. Farulli is founder and artistic director of Sesto Rocchi Festival, the first of its kind in Italy dedicated to amateur and professional musicians of all ages.

Antonino Siringo

Pianoforte - base

Pianoforte - triennio
Tecniche di improvvisazione musicale e introduzione al jazz
Lettura della partitura composizione
Tecniche di lettura estemporanea e trasposizione tonale
Ritmica contemporanea

Si diploma a 19 anni al Conservatorio di Firenze. La sua formazione classica si consolida a Fiesole con i corsi dell’OGI, poi all’Accademia Chigiana con J. Achucarro. Collabora con l’Orchestra della Rai di Torino sotto la direzione di R. De Burgos, M. Chung, G. Noseda, W. Marshall. Nel 2008 incide la colonna sonora del film di P. Benvenuti “Puccini e la fanciulla” presentato alla 65° Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2009 è docente di Improvvisazione alla Scuola di Musica di Fiesole, e vince il Concorso Pianistico Jazz Luca Flores.

Antonio Sicoli

Trombone - base

Trombone - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Trombone - Scuola Francese

Nato nel 1973. Si è diplomato in Trombone nel 1992 presso il Conservatorio di Musica «S. Giacomantonio» di Cosenza sotto la guida di Lino Lappano. Si è perfezionato presso la Scuola di Musica di Fiesole con Roger Bobo e Vinko Globokar e successivamente con Michel Becquet, Joseph Alessi, Jacques Mauger e Rex Martin. Nel 2004 ha conseguito la Laurea in DAMS presso l’Università della Calabria con una Tesi in Drammaturgia Musicale sul Teatro Musicale di Nino Rota e nel febbraio 2009 la Laurea Specialistica in Trombone presso il Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze. Ha collaborato con le seguenti Orchestre Lirico-Sinfoniche: RAI-Scarlatti di Napoli, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Bellini di Catania, Teatro Comunale del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro dell’Opera di Roma, Orchestra di Padova e del Veneto ecc. e dal 1997 collabora stabilmente come 1° Trombone presso l’ORT–Orchestra della Toscana di Firenze. Ha al suo attivo diverse registrazioni discografiche presso Naxos, Bongiovanni, Azzurra e pubblicazioni (sia pezzi originali e sia revisioni per trombone e anche diverse trascrizioni per quintetto di Ottoni) presso le case editrici Bruno UETZ in Germania (http://www.uetz.de/music), Editions ANDEL in Belgio (http://www.andelmusic.be), la Carisch di Milano (www.carisch.it) e la Master Symphony di Laterina (http://www.allemanda.com). È impegnato nel settore dell’insegnamento e della ricerca tecnico-didattica effettuando diversi masterclass e corsi di perfezionamento. È stato docente nel 2005 della classe di Tromba e Trombone presso il Conservatorio di Musica Luigi Cherubini di Firenze, dal 2004 è titolare della cattedra di Trombone presso la Scuola di Musica di Fiesole (FI), dal gennaio 2007 è docente ai corsi ordinari e del biennio specialistico di trombone presso l’Istituto Musicale L. Boccherini di Lucca e dal febbraio 2009 è docente della classe di Tromba e Trombone presso il Conservatorio di Musica E.R. Duni di Matera.

Ares Tavolazzi

Ares Tavolazzi
Contrabbasso e archi jazz – workshop

Ares Tavolazzi ha studiato violoncello e contrabbasso al Conservatorio di Ferrara. Nel 1969 inizia a lavorare come sessionman in studio per Lucio Battisti, Mina, Paolo Conte, Francesco Guccini ed altri. Dal 1973 al 1983 fa parte degli AREA insieme a Demetrio Stratos, Patrizio Fariselli e Giulio Capiozzo, registrando con il gruppo 10 album e partecipando a numerose manifestazioni internazionali. In quel periodo si avvicina alla musica jazz, frequentando l'ambiente jazzistico di New York. Nel 1982 partecipa al tour dell'orchestra di Gil Evans, con Steve Lacy e Pietro Tonolo.
Per tre anni consecutivi (dal 1984 al 1986) è al primo posto nella classifica dei bassisti italiani indetta da Guitar Club. Nel 1987 vince il premio A. Willaert come migliore musicista dell'anno.
Dal 1990 ha collaborato dal vivo e in studio con Sal Nistico, Max Roach, Lee Konitz, Phil Woods, Mau Mau, Massimo Urbani, Enrico Rava, Stefano Bollani, Dado Moroni, Ermanno Maria Signorelli, Enrico Pierannunzi, Roberto Gatto, Danilo Rea, Franco D'Andrea, Mike Melillo, Ray Mantilla, Carlo Atti, Paolo Fresu, Tino Tracanna, Gianni Basso, Gianluca Petrella e molti altri.
Collabora negli anni a diversi lavori teatrali componendo e suonando dal vivo (di recente Ruth e Il Cantico dei Cantici per la Fondazione Teatro di Pontedera). Ha tenuto seminari sull'improvvisazione in tutta Italia, insegnando nelle scuole jazz di Milano, Bologna, Ferrara, Rovereto.

Bernardo Olivotto

Pianoforte complementare - base

Pianoforte - triennio
Pratica pianisitca
Lettura della partitura per canto

Pratica del repertorio vocale

Diplomato al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze con il massimo dei voti sotto la guida di R. Caglieri, ha studiato con M. Mika e P.N. Masi. Ha approfondito il repertorio cameristico con D. De Rosa e M. Jones alla Scuola di Musica di Fiesole e quello liederistico al Mozarteum di Salisburgo con H. Höll e M. Shirai. Oltre allo studio della composizione a Lucca con G. Giani Luporini, ha preso parte a masterclass di artisti come P. Badura-Skoda, L. Berman, H. Czerny-Stefanska, I. Gage e A. Lonquich. Concertista dal 1984, si è esibito sia come solista sia in formazioni da camera e in duo con la voce. È docente di pianoforte complementare e di lettura dello spartito alla Scuola di Musica di Fiesole presso la quale dal 1991 svolge anche l’attività di collaboratore pianistico. Ha lavorato con maestri quali M. Ancillotti, F. Cusano, C. Desderi, A. Farulli, P. Farulli, M. Postinghel, G. Riccucci, C. Tonelli, T. Tramonti, R. Zanettovich e con l’Orchestra Giovanile Italiana (OGI).

Bettina Hoffmann

Viola da gamba - base
Musica d'insieme antica - dipartimento amatori

Musica da camera rep. vocale - triennio

Violoncello barocco - corso di perfezionamento

Bettina Hoffmann è tedesca e vive a Firenze dove svolge una vivace attività come violista da gamba, violoncellista e musicologa. Diplomata in violoncello con Daniel Grosgurin alla Musikhochschule di Mannheim, si è perfezionata in viola da gamba sotto la guida di Wieland Kuijken.

Come solista e come direttrice dell'ensemble Modo Antiquo ha dato concerti nei maggiori festival e teatri europei e americani (Theater an der Wien, Concertgebouw Amsterdam, Festival d‘Ambronay, Opera Rara Cracovia, International Music Week Izmir, Holland Festival Oude Muziek Utrecht, Tage Alter Musik Herne, Maggio Musicale Fiorentino, Amici della Musica di Firenze, Società del Quartetto di Milano, Festival van Vlaanderen, Ambraser Schloßkonzerte Innsbruck, Europäische Festwochen Passau, Regensburger Tage Alter Musik, Teatro Municipal Santiago de Chile, Festival di Beaune, Festival Cervantino Messico etc.).

Tra la vasta produzione discografica (più di settanta CD per Deutsche Grammophon, Naïve, CPO, Amadeus, Opus 111, Dynamic, Brilliant Classic, Tactus e altri) sono da ricordare in particolare la silloge Idées grotesques dedicata a Marin Marais, pubblicato nel 2010 da Amadeus, l'incisione delle opere per viola da gamba di Ortiz e Ganassi, il CD di suites per viola da gamba e basso continuo dagli Scherzi Musicali op. VI di Johann Schenck, e l’incisione completa delle opere per violoncello di Domenico Gabrielli. Ha diretto l’incisione integrale dei madrigali e delle arie di Girolamo Frescobaldi per la Frescobaldi edition di Brilliant classic. Nel 1997 e nel 2000, con due CD di Modo Antiquo, ha avuto la nomination ai Grammy Awards.

È autrice del volume La viola da gamba, pubblicato nel 2010 da L’Epos e tradotto in tedesco per Ortus Verlag, e del Catalogo della musica solistica e cameristica per viola da gamba, uscito nel 2001 presso LIM. Ha scoperto ed edito con Verlag Güntersberg l'unico trattato tedesco per viola da gamba esistente. Per il Bärenreiter-Verlag, l’Istituto Italiano Antonio Vivaldi e l’editore S.P.E.S. ha curato edizioni critiche e in facsimile delle opere per violoncello e per viola da gamba di Antonio Vivaldi e di Domenico Gabrielli. Ha edito e tradotto inoltre il trattato Regulae Concentuum Partiturae di Georg Muffat e ha pubblicato contributi in Recercare, RIdM, Studi Vivaldiani e altre riviste specializzate.

Bettina Hoffmann è docente al Conservatorio «Arrigo Pedrollo» di Vicenza e alla Scuola di Musica di Fiesole. Dall’esperienza didattica nasce il suo metodo L’arte di suonare la viola da gamba, pubblicato nel 2010 da Carisch. Nel 2011 ha ideato la biennale «Giornata Italiana della Viola da Gamba» che ha ricevuto una medaglia dal Presidente Giorgio Napolitano. Alla Scuola di Musica di Fiesole insegna viola da gamba, violoncello barocco (nel progetto «Prassi barocca») e musica d’insieme antica.

Boriana Nakeva

Violino - base

Violino- triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale


Nata a Sofia (Bulgaria), si è diplomata in violino con il massimo dei voti e medaglia d’oro sotto la guida di Mickail Sterev al Conservatorio di Sofia. Invitata dalla Accademia Rubin di Tel Aviv, si è trasferita in Israele dove ha proseguito gli studi con Arthur Zissermann. Si è in seguito perfezionata alla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Norbert Brainin, primo violino del Quartetto Amadeus, e di Stefan Gheorghiu, conseguendo la laurea in violino con il massimo dei voti e la lode. Ha inoltre studiato con M. Mincev e I. Neaman in Bulgaria, Y.Kless e I.Feher in Israele, F.Gulli, P.Vernikov e A.Cappelletti in Italia, A.Lysy presso l'Accademia Menuhin in Svizzera e per la musica da camera con Franco Rossi, violoncello del leggendario Quartetto Italiano. Ha vinto importanti concorsi internazionali come l'American-Israel Foundation Keren Sharet, il primo premio al Concorso Internazionale di Tortona, il primo assoluto al Concorso Internazionale di Stresa, il Concorso Citta’ di Palmi. Svolge un'intensa attività concertistica sia come solista con importanti orchestre, sia in formazioni da camera, esibendosi in prestigiose stagioni concertistiche in Italia, Inghilterra, Stati Uniti (New York), Austria, Germania, Israele e Bulgaria. E’ fondatrice dell’Orchestra Città di Firenze con cui ha effettuato come solista e concertatore diverse tourneè internazionali in Giappone e in tutta l’Asia (Corea del Sud, India, Malesia, Taiwan, Thailandia, Filippine, Vietnam e Brunei) come orchestra selezionata per il Toyota Classics 2010. E' stata ospite di importanti rassegne e festivals, tra cui la Stagione degli Amici della Musica di Firenze, il Festival delle Nazioni di Citta` di Castello, il Cantiere Internazionale di Montepulciano, la Stagione del Lingotto di Torino, Hobenlober Kultursommer, l'Estate Fiesolana, la Stagione Concertistica dell'Orchestra da Camera Fiorentina, Asolo Musica, la Stagione degli Amici della Musica di Campobasso, ecc.. E’primo violino dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, diretta da Zubin Metha, e ha collaborato anche con l’ORT Orchestra della Toscana, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino. Ha eseguito come solista per importanti enti radiofonici e televisivi tra cui BBC, Rai Tre, FM Classic, Televisione Nazionale Bulgara, Eurocom e ha inciso per La Fenice e per Bulgarian Chamber Music opere di Boccherini, Frazzi, Grieg, Brahms, Vladigerov. E' docente di violino presso la Scuola di Musica di Fiesole e tiene regolarmente masterclasses in Inghilterra.

Bruno Canino

Bruno Canino
musica da camera con pianoforte - Corsi di Perfezionamento

Ha suonato nelle principali sale da concerto e festivals in Europa, America, Australia, Asia. Da sessant'anni suona in duo pianistico con Antonio Ballista e ha fatto parte per trent'anni del Trio di Milano. Ha collaborato e collabora con illustri interpreti come Gazzelloni, Cathy Berberian, Accardo, Amoyal, Nicolet, Vittora Mullova, Itzhak Perlmann, Uto Ughi e con i Quartetti Amadeus, Borodin, Quartetto di Tokyo e altri.
E' stato dal 1999 al 2002 Direttore della Sezione Musica della Biennale di Venezia, essendosi dedicato particolarmente alla musica contemporanea: ha
lavorato con Dallapiccola, Boulez, Berio, Ligeti, Maderna, Stockhausen, Bussotti.
Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Muti, Chally, Sawallisch, Pappano con orchestre come la Filarmonica della Scala, Santa Cecilia, Berliner Philarmoniker, New York Philarmonic, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de Paris.
Numerose le sue registrazioni discografiche (Debussy, Casella, Mozart, Chabrier, Bach, ecc.)
Ha tenuto masterclasses in Italia, Germania, Giappone, Spagna, e da trentacinque anni è invitato al Marlboro Music Festival nel Vermont.
Al suo libro Vademecum del pianista da camera ha fatto seguito nel 2015 un libro dal titolo Senza Musica, sempre edito da Passigli.

 

Bruno Canino has performed in major concert halls and festivals in Europe, America, Australia and Asia. For sixty years he has played in a piano duo with Antonio Ballista and for thirty years was member of the Trio di Milano. He has collaborated with distinguished performers as Gazzelloni, Cathy Berberian, Accardo, Amoyal, Nicolet, Vittora Mullova, Itzhak Perlmann and Uto Ughi; and with the Amadeus Quartet, Borodin, Tokyo String Quartet and others.
From 1999-2002 he served as Director of the Music Section of the Venice Biennale, having dedicated particular attention on contemporary music:
He worked with Dallapiccola, Boulez, Berio, Ligeti, Maderna, Stockhausen and Bussotti.
He performed with conductors such as Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Pappano with orchestras such as La Scala Philarmonic, Santa Cecilia, Berlin Philharmonic, New York Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de Paris.
He has made numerous recordings (Debussy, Casella, Mozart, Chabrier, Bach, etc.).
He has given master classes in Italy, Germany, Japan, Spain, and for the last thirty-five years has been invited to the Marlboro Music Festival in Vermont.
His book <Handbook of the chamber pianist> was followed in 2015 by a book entitled <No Music>, also published by Passigli.

Caterina Paoloni

Teoria e solfeggio - base

Armonia 1 e 2 - triennio

Nata a Firenze nel 1977, ha studiato presso la Scuola di Musica di Fiesole diplomandosi in Viola sotto la guida di Pietro Scalvini e perfezionandosi con Piero Farulli e Hatto Beyerle in Italia e Germania.
Svolge attività concertistica orchestrale sotto le direzioni di importanti direttori quali C.M. Giulini, L. Maazel, R. Muti, A. Pappano, T. Thomas in varie orchestre quali Accademia Santa Cecilia, Symphonica Toscanini, Orchestra Internazionale, Camerata Strumentale Città di Prato.
Diplomata a pieni voti in composizione al Conservatorio L. Cherubini di Firenze, sotto la guida di Mauro Cardi e Paolo Furlani, si è perfezionata con Sylvano Bussotti.
Partecipa a vari concorsi di composizione, fra i quali nel 2007 il Concorso Internazionale Valentino Bucchi nel quale è stato eseguito, in prima esecuzione, il brano Solo per due per flauto, ottavino e pianoforte; nel 2008 è risultata finalista e nel 2010 vincitrice del 2° premio al Concorso Simone Ciani di Siena.
Nel 2010 e nel 2012 le è stato assegnato il Diploma di Merito al TIM, Torneo Internazionale di Musica, XIV e XV edizione, sezione composizione, nel quale la giuria internazionale "Ha già espresso su di Lei parole di lode ed incoraggiamento".
Nel 2011 al CIDIM Concorso Nazionale Francesco Agnello viene segnalata come 2° premio, in quanto assegnato un unico ed indivisibile 1° premio.
Nel 2012 è stato eseguito in prima assoluta Antoncello per voce, violino, violoncello ed orchestra d'archi al Teatro Verdi di Firenze.
Docente di armonia, teoria e solfeggio e ritmica contemporanea alla Scuola di Musica di Fiesole ed alla Scuola di Musica di Arezzo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chiara Tonelli

Chiara Tonelli
Flauto - Corsi di Perfezionamento

Nata e cresciuta a Bolzano. Dopo lo studio presso il conservatorio della sua cittá si é perfezionata con Irena Grafenauer al Mozarteum di Salisburgo. Dopo il diploma ha iniziato un’intensa attivitá orchestrale ed ha suonato con l’Orchestra della Toscana, l’Orchestra della RAI di Milano, l’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia. Nel 1996 ha partecipato alla tournée europea dei Berliner Philharmoniker con Claudio Abbado. È stata primo flauto al Teatro Regio di Torino e nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, con la quale, sotto la direzione del suo direttore principale Zubin Mehta, ha collaborato per dieci anni. È stata docente dei corsi di Alto Perfezionamento presso l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino e del Biennio di perfezionamento al Conservatorio di Livorno. Insegna inoltre all’Accademia Gustav Mahler nell’ambito dell’Orchestra Giovanile Europea GMJO. Chiara Tonelli é primo flauto e fondatrice della Mahler Chamber Orchestra. Fa parte della prestigiosa Luzern Festival Orchestra. Collabora regolarmente come Primo Flauto con l’Orchestra Camerata Accademica di Salisburgo, l’Orchestra Mozart e la Chamber Orchestra of Europe.
È docente presso l’Orchesterzentrum Nordrhein-Westfalen di Dortmund.

 

Was born and raised in Bolzen, Italy. After her studies at the local Conservatory she specialized with Irena Grafenauer at the Salzburg Mozarteum. After her diploma she began an intense orchestral activity and she performed with Orchestra della Toscana, the RAI Orchestra of Milan, the Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, the Orchestra of Santa Cecilia Academy in Rome. In 1996 she participated in the European tour of the Berliner Philarmoniker with Claudio Abbado. She was principal flute at the Teatro Regio of Turin and of the Orchestra of the Maggio Musicale Fiorentino, with which, under its principal conductor Zubin Mehta, she collaborated for ten years. She was a teacher of post graduate courses at the Academy of the Maggio Musicale Fiorentino and of the biennum courses at the Conservatory of Livorno. She also teaches at the Gustav Mahler Academy of the European Youth Orchestra GMJO. Chiara Tonelli is first flute and founder of the Mahler Chamber Orchestra. She is a member of the prestigious Luzern Festival Orchestra. She regularly serves as First Flute with the Orchestra Camerata Accademica of Salzburg, the Orchestra Mozart and the Chamber Orchestra of Europe. She is professor at the Orchesterzentrum Nordrhein-Westfalen of Dortmund.

Claudia Bucchini

Flauto Traverso - base

Flauto traverso - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Coordinatore dipartimento fiati

Formatasi presso la Scuola di Musica di Fiesole con L. Tristaino e M. Ancillotti prosegue i suoi studi con M. Marasco, A. Oliva e C. Tonelli. Vincitrice di numerosi premi internazionali quali “S. Gazzelloni” e quello per la musica del novecento “V. Bucchi” ha partecipato in diverse formazioni cameristiche a numerosi Festivals quali il Festival delle Nazione di Città di Castello, le Winter Mahler Tagen di Dobbiaco, la Fondazione Walton di Ischia, il Festival dei Due Mondi di Città di Castello.
Appena diplomata ricopre il ruolo di primo flauto presso l'Accademia del Teatro alla Scala di Milano e presso l'Orchestra Giovanile Italiana (OGI) effettuando diversi concerti in Italia con direttori quali D. Gatti, N. Paszkowski, G. Ferro, G.G. Rath, Y. Ahronovitch.
Ha partecipato a numerose audizioni presso le più importanti orchestre italiane con le quali collabora regolarmente come l'Orchestra dell' Accademia Nazionale di S. Cecilia, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro dell'Opera di Roma, l'Orchestra Regionale della Toscana, la Sinfonica Toscanini, l'Orchestra Sinfonica Siciliana sotto le bacchette di R. Muti, V. Gergiev, L. Maazel, A. Pappano, G. Dudamel, K. Nagano con cui ha effettuato tournée in Europa e Stati Uniti.
Recentemente ha inoltre collaborato con la Mahler Chamber Orchestra con la quale si è esibita in concerti in Germania, Spagna e Austria con C. Abbado e D. Harding.
Dal 2008 è docente di flauto presso la Scuola di Musica di Fiesole.

Claudio Desderi

Claudio Desderi
Opera Workshop - Corsi di Perfezionamento

Ha debuttato nel 1969 al Festival di Edimburgo nel Signor Bruschino di Rossini: da allora ha privilegiato il repertorio mozartiano e rossiniano con ripetute apparizioni ai Festival di Salisburgo, Glyndebourne e Pesaro. Dal 1973 è presente nelle stagioni del Teatro alla Scala diretto da Claudio Abbado e Riccardo Muti. Il suo repertorio spazia da Monteverdi a Nono, privilegia l’attività concertistica e liederistica. È Falstaff all’Opéra di Parigi, Figaro e Don Alfonso al Covent Garden di Londra, interpreta Rossini e Mozart a Chicago e New York. Da diversi anni svolge un’attività direttoriale con orchestre italiane e straniere. Presso la Scuola di Musica di Fiesole nel triennio 1988/90 ha guidato l’intenso lavoro di formazione, studio e messa in scena noto come “Progetto Mozart-Da Ponte”, con le produzioni di Così fan Tutte, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, mentre nel triennio 1993/96 ha guidato l’Opera work-shop per giovani cantanti, sulla vocalità monteverdiana. È stato direttore artistico del Verdi di Pisa, del Regio di Torino e Sovrintendente al Massimo di Palermo.

 

made his debut at the 1969 Edinburgh Festival in Rossini’s Il Signor Bruschino. Since then he has concentrated on Mozart and Rossini appearing frequently at the Salzburg, Glyndebourne and Pesaro Festivals. He has been appearing at La Scala since 1973, conducted by Claudio Abbado and by Riccardo Muti. His repertoire ranges from Monteverdi to Nono, with special attention paid to concerts and recitals. He appeared as Falstaff at the Paris Opéra, Figaro and Don Alfonso at Covent Garden, and performed Rossini and Mozart roles in Chicago and New York. He has also been active as a conductor, both in Italy and abroad, for a number of years. In the 1988-90 period he was in charge of the “Mozart-Da Ponte” project at the Scuola di Musica di Fiesole, preparing and staging Così fan tutte, The Marriage of Figaro and Don Giovanni. Between 1993 and 1996 he held the Opera Workshop for young singers on the voice repertoire of Monteverdi. He served as artistic director of the Teatro Verdi in Pisa and of the Teatro Regio in Turin as well as Superintendent at the Teatro Massimo in Palermo.

Damiana Pinti

Canto - base
Canto - triennio

Ha iniziato giovanissima lo studio della chitarra classica diplomandosi presso il Conservatorio G. Verdi di Milano e risultando vincitrice al Concorso Internazionale “Città di Stresa” e al Concorso “Fernando Sor” di Roma.
Ha intrapreso lo studio del canto sotto la guida del soprano australiano Margaret Baker-Genovesi, perfezionandosi nella preparazione del repertorio del canto da camera con Irwin Gage ed Elio Battaglia. Ha conseguito il diploma accademico di secondo livello di canto con 110 e lode presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze.
Nel 1998 ha vinto il 52° Concorso Lirico Internazionale “A. Belli” di Spoleto ed il Concorso “Toti dal Monte” di Treviso. Apprezzata interprete vocale e scenica, ha interpretato i ruoli del repertorio lirico sotto la direzione di Yves Abel, Daniele Callegari, Claudio Desderi, Paul Mc Creesh, Daniele Gatti, Peter Maag, Hubert Soudant, Pinchas Steinberg e con registi quali Daniele Abbado, Bob Carsen, Giancarlo Cobelli, Filippo Crivelli, Denis Krief, Stephen Medcalf, Damiano Michieletto, Peter Mussbach, Maurizio Scaparro, Ettore Scola, esibendosi sui palcoscenici nazionali e internazionali tra cui il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Regio di Torino, il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro alla Scala di Milano, il Festival di Aix-en-Provence, il Teatro de La Maestranza di Siviglia, la Staatsoper Unter den Linden di Berlino, l'Opérà de Wallonie di Liegi, il Michigan Opera Theater di Detroit.
La versatilità musicale e vocale le ha permesso di affrontare sia il repertorio antico che la musica contemporanea. Sotto la direzione di Fabio Biondi e l'Ensemble Europa Galante ha interpretato i ruoli del contralto buffo in alcune opere di Alessandro Scarlatti (Palermo, Stavanger); con Ottavio Dantone e l'Accademia Bizantina ha realizzato in concerto L'Isola del piacere di Martin y Soler per il Palau de les Artes di Valencia. Ha eseguito lo Stabat Mater di Matteo D'Amico, l'opera The death of Klinghoffer di John Adams e il Killer di parole di Claudio Ambrosini.
Collabora regolarmente dal 2008 con l’Ensemble Arte Musica diretto da Francesco Cera, cantando per il festival Resonanzen al Wiener Konzerthaus, alla Sagra Malatestiana di Rimini e al Festival Monteverdi di Cremona.
Numerose le incisioni discografiche tra cui La sensitiva e Aretusa di Respighi (ed. CPO); Cinque favole e sette canzonette veneziane di Malipiero (ed. CPO); La Traviata di Verdi (ed. Bel Air Classiques); Lucia di Lammermoor di Donizetti (ed. Dynamic); Nel salotto di Rossini musiche vocali da camera di Rossini(ed. Spazi Sonori Classic); Carlo Re d'Allemagna di A. Scarlatti (Ed. Agogique); Tenebrae Responsoria di C. Gesualdo (Ed. Brilliant).


Damiana Pinti began studying classical guitar at a very young age. She graduated from the Giuseppe Verdi Conservatory in Milano and won the “Città di Stresa” International Competition and the “Fernando Sor” Competition in Roma.
She studied voice under the guidance of the Australian soprano Margaret Baker-Genovesi, going on to perfect her preparation of the chamber music repertory for voice with Irwin Gage and Elio Battaglia. She achieved the academic degree in lyrical singing with highest rating at the Luigi Cherubini Conservatory in Florence.
In 1998 she won the 52nd “Alessandro Belli” International Opera Competition in Spoleto and the “Toti dal Monte” Competition in Treviso.
Much admired for both her voice and her acting, she has worked with conductors such as Yves Abel, Daniele Callegari, Claudio Desderi, Paul Mc Creesh, Daniele Gatti, Peter Maag, Hubert Soudant, Pinchas Steinberg and with the directors Daniele Abbado, Bob Carsen, Giancarlo Cobelli, Filippo Crivelli, Denis Krief, Stephen Medcalf, Damiano Michieletto, Peter Mussbach, Maurizio Scaparro, Ettore Scola, debuting roles of the opera repertory on both italian and international stages: Teatro Massimo in Palermo, Teatro Regio in Torino, Teatro La Fenice in Venezia, Teatro alla Scala in Milano, Festival of Aix-en-Provence, Teatro de La Maestranza in Seville, Staatsoper Unter den Linden in Berlin, Opérà de Wallonie in Liege, Michigan Opera Theater in Detroit.
Her musical and vocal versatility have allowed her to perform both the baroque repertoire and contemporary music with success.
Under the direction of conductor Fabio Biondi, she performed the comic contralto roles in the Scarlatti operas together with the Europa Galante ensemble (Palermo, Stavanger). With Ottavio Dantone and the Bizantina Academy, she performed a concert of the opera L’Isola del Piacere by Martin y Soler for the Palau de Les Artes in Valencia. She sang the Stabat Mater by Matteo D’Amico, the John Adams opera The death of Klinghoffer and the Claudio Ambrosini opera Il Killer di parole.
She works often with the Arte Musica Ensemble conducted by Francesco Cera, she has been with this group at Festival Resonanzen in the Wiener Konzerthaus, at the Sagra Malatestiana in Rimini, at the Monteverdi's Festival in Cremona.
Between her recordings: Respighi’s Sensitiva and Aretusa (CPO), Malipiero’s Cinque favole and Sette canzoni (CPO), Verdi’s La Traviata (Bel Air Classiques), Donizetti’s Lucia di Lammermoor (Dynamic), Rossini/Offenbach's Nel salotto di Rossini (Spazi Sonori Classic), Scarlatti's Carlo Re d'Allemagna (Agogique), Gesualdo Tenebrae Responsoria (Brilliant Classics).

Daniele Dori

Teoria e solfeggio

Daniele Dori è nato a Siena nel 1987.

Si è formato presso l’Istituto Musicale Pareggiato “F. Vittadini” di Pavia (diploma in Pianoforte), il Pontificio Istituto di Musica Sacra in Roma (Baccalaureato e Licenza Specialistica in Organo, Baccalaureato in Composizione) e il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze (Diploma Accademico di II Livello in Composizione).

Si è specializzato con insegnanti di livello internazionale come O. Latry, L. Lohmann, G. Gnann, L. Scandali, G. Bovet, G. Parodi, T. Flury, W. Marzilli, V. Miserachs Grau, I. Bianchi, A. Turini ed altri.

Nel Novembre 2012 è stato nominato, dall’Opera di Santa Maria del Fiore, “Primo Organista” della Cattedrale di Firenze e Organista della Cappella Musicale della Cattedrale di Firenze; inoltre svolge, per la Cappella Musicale e per il Coro di Voci Bianche della Cattedrale, il ruolo di Pianista Accompagnatore e preparatore musicale dei cantori.

Svolge una brillante e intensa attività concertistica, avendo già all’attivo più di 100 recital organistici nei più importanti festival in Italia (Aosta, Asti, Arezzo, Arona, Assisi, Bergamo, Cuneo, Fiesole, Firenze, Fondi, Genova, Imperia, Limone Piemonte, Lucca, Modena,  Pisa, Pordenone, Reggio Emilia, Torino, Trieste, Susa, Udine, Roma, Vicenza, Venezia ecc.) e in Francia (Marsiglia, Bouc Bel Air, Solliès Toucas, Aix en Provence), Bulgaria (Varna), Danimarca (Esbjerg, Herning), Svizzera (Vallemaggia), Germania (Stoccarda, Herford), Cipro (Larnaca).                               

Nel Novembre 2015 è stato l’Organista del Convegno Ecclesiale Nazionale “Firenze 2015” suonando, inoltre, durante la visita di Sua Santità Papa Francesco alla città di Firenze sia nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore che durante la Celebrazione Eucaristica, trasmessa in diretta mondovisione da RaiUno e dal Centro Televisivo Vaticano, presso lo Stadio “A. Franchi” insieme all’Orchestra e al Coro del Maggio Musicale Fiorentino.

Collabora frequentemente con importanti enti musicali quali Maggio Musicale Fiorentino, Fondazione Guido d’Arezzo, Fondazione Domenico Bartolucci.

Dal Settembre 2012 è direttore della Corale San Niccolò di Radda in Chianti (SI).                  
È direttore artistico del Festival Organistico Internazionale “Harmonia Sæculi” di Radda in Chianti.

Come compositore ha all’attivo opere vocali e strumentali tra le quali: “Il Fiore di Maria”, cantata per la
Cattedrale di Firenze per soli, coro, organo e orchestra e “Concerto” per Organo e Orchestra; quest’ultimo è stato eseguito il 27 Settembre 2015 presso la Sala del Buonumore di Firenze diretto dal M° Enrico Lombardi con la partecipazione dell’Orchestra del Carmine.

È docente di Solfeggio, Pianoforte, Armonia, Organo e Canto Corale presso l’Accademia Musicale Valdarnese e presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Fiesole.    

Dall'Ottobre 2015 è Docente di Teoria e Solfeggio presso la Scuola di Musica di Fiesole.

www.danieledori.com

 youtube

Debora Giacomelli

Viola - base

Nel settembre 1996 ha conseguito il diploma di viola al conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto con G. Di Vacri.
Il perfezionamento strumentale è iniziato con V. Mendelssohn nei corsi estivi di Portogruaro, ed è proseguito poi dal 1998 al 2000 nei corsi A.F.O.S. a Bologna.
Dal 1997 al 1998 ha studiato nei corsi annuali di Imola con J. Levitz; tra il 1999 ed il 2001 ha avuto l’opportunità di frequentare la classe di A. Steihausen all’Akademie für Musik Di Kassel.
Negli anni successivi ha studiato con A. Farulli nei corsi di perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole; dopo aver conosciuto D. Rossi ai corsi estivi di Bertinoro, ha proseguito lo studio con lo stesso all’Accademia di Pavia e all’Istituto Lettimi di Rimini.
Nel luglio del 2008 ha conseguito la laurea di secondo livello in viola al conservatorio “G. B. Martini” di Bologna.
Nell’ambito orchestrale si è perfezionata seguendo dal 1995 al 1997 i corsi a Vicenza sotto la direzione di L. Spierer. Ha frequentato come effettiva i corsi A.F.O.S. (alta formazione in orchestra sinfonica) ottenendo il diploma di specializzazione in orchestra sinfonica.
Dal dicembre 1999 è entrata a far parte dell’orchestra “Camerata strumentale città di Prato”; nel maggio 2002 dopo un’audizione è risultata idonea per il posto di prima viola,nella stessa orchestra, dove ne ricopre il ruolo.
Suona con numerose orchestre: Filarmonica della Scala, Cameristi della Scala, Orchestra della Toscana, Teatro G. Verdi di Trieste, Orchestra Sinfonica di S. Remo, Orchestra d’Archi Italiana, Symphonica Toscanini, Filarmonia Veneta G.F. Malipiero, Orchestra Sinfonica Fondazione A. Toscanini, etc…
È stata diretta da direttori come L. Mazel, R. Chailly, R. Muti, V. Giergev, S. Bychkov, Lu Ja, G. Dudamel, B. Bartoletti…
Ha svolto un’intensa attività concertistica con il Quartetto Musicalia; collabora con formazioni cameristiche che vanno dal Duo al Nonetto.
Dal settembre 2006 insegna viola nei corsi di base della Scuola di Musica di Fiesole.
Svolge la sua attività didattica presso l'Istituto Manzato di Treviso, l’Associazione Sinfonicamente di Verona, “Barchetta Blu” di Venezia utilizzando anche il metodo Suzuki per il quale ha l’abilitazione di secondo livello di violino.

 

Duccio Ceccanti

Violino - base

Violino - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale


Diplomato con lode con Andrea Tacchi si è perfezionato successivamente con S. Accardo, F. Andriewski, S. Gheorghiu e B. Belkin, iniziando giovanissimo la sua carriera concertistica che lo ha visto ospite delle più importanti società di concerti e Festival in Italia e all’Estero fra cui: Maggio Musicale Fiorentino, Biennale di Venezia, Teatro San Carlo, Accademia Filarmonica Romana, Settimana Musicale Senese, Amici della Musica di Palermo, GOG di Genova, Ravello Festival, Concerti al Quirinale, Festival Internazionale di Praga, Huddersfield Contemporary Music Festival, Auditorium Radio Svizzera di Lugano, Carnegie Hall e Columbia University di New York. Con il Trio Artes viene scelto dal Cidim per effettuare numerose tournée in Sud America e in Europa. Attualmente è il violinista del Quartetto Klimt con cui ha intrapreso una brillante carriera concertistica e discografica. Nel 1992 fonda, con suo padre Mauro Ceccanti, il Contempoartensemble che diviene presto uno dei più importanti e apprezzati ensemble di musica del ‘900 e contemporanea, di cui è direttore artistico.
Esegue prime assolute alcune a lui dedicate lavorando a stretto contatto con i maggiori compositori contemporanei tra cui Penderecki, Bussotti, Vacchi, Sotelo, Maxwell Davies, Pousseur, Vandor, Corghi, Petrassi, Berio, Clementi, Guarnieri e Mosca.
Ha suonato come solista con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra Sinfonica di Milano “G. Verdi”, l’Orchestre de Chambre de Reims, l’ Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia e in concerti da camera con musicisti come: Belkin, Meunier, Canino, Campanella, De Maria, Vengerov, Petrushansky, Nordio, Fabbriciani, Meloni, Arciuli. Le sue incisioni per Arts, Brilliant, Naxos e per la rivista Amadeus hanno riscosso successo di vendita e critica internazionale.
Come spalla ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia, I’Orchestra di Roma e del Lazio e l’Orchestra Regionale Toscana. Ha fatto parte fin dalla sua fondazione dell’Orchestra da Camera Italiana di S. Accardo suonando nei più importanti teatri di tutto il mondo. Ha tenuto corsi di perfezionamento in Italia e in America alla Cincinnati University. Dal 2000 è Maestro Assistente ai corsi dell’Accademia Chigiana di Siena. È docente di violino presso la Scuola di Musica di Fiesole e il Conservatorio di Matera.

 

Edoardo Rosadini

Quartetto d'archi - base

Quartetto d'archi - triennio

Direttore docente Orchestra dei ragazzi

Coordinatore dipartimento archi

Ha iniziato lo studio della musica e del violino all’età di cinque anni alla Scuola di Musica di Fiesole. Ha proseguito poi con Piero Farulli lo studio della viola, diplomandosi nel 1998. Dal 2000, è docente di quartetto d’archi presso la Scuola e dal 2002 direttore-docente dell’Orchestra dei Ragazzi. Ha seguito i corsi di direzione d’orchestra di P.Bellugi C.Metters, J.Panula e G.Ferro. Ha collaborato con artisti quali P.N.Masi, P.Vernikov, A.Farulli, O.Ghiglia, D.Shwarzberg. Con l’Orchestra dei Ragazzi è stato inviato in alcune fra le più famose rassegne estive in Italia e all’estero, è direttore stabile dell’orchestra “I nostri tempi” ed è regolarmente invitato a dirigire Sinfonica, l’orchestra di Aosta.

Elena Cecchi

Formazione vocale - base

Canto barocco - base

Canto - triennio

Si è diplomata con il massimo dei voti e la lode in canto e in musica vocale da camera al Conservatorio L. Cherubini di Firenze; ha inoltre conseguito il diploma di organo e composizione organistica presso il Conservatorio G.B. Martini di Bologna.
Ha cantato in Italia e all’estero – come solista – per enti e associazioni di prestigio, quali: il Teatro Regio di Torino (“Die Teufel von Loudun” di Penderecki), il Teatro Massimo di Palermo (“Il ritorno di Ulisse in patria” e “L’incoronazione di Poppea” di Monteverdi), il Teatro Vittorio Emanuele di Messina (“Livietta e Tracollo” di Pergolesi), il Teatro Verdi di Pisa (“Il paradiso degli esuli” di De Franceschi), il Teatro Stabile di Potenza (“La serva padrona” di Pergolesi), il Festival Opera Barga (“Arsilda” e “Atenaide” di Vivaldi e “La caduta dei decenviri” di A. Scarlatti), il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Sociale di Mantova, il Teatro di Sabbioneta; ed ancora: Jornadas Gulbenkian de Musica Antiga di Lisbona, Ambraser Schloßkonzert di Innsbruck, Opera Comique di Parigi, Centre de Musique Baroque di Versailles, Festival di Ambronay, Festival di Beaune, l’ Accademia Chigiana di Siena (Rodrigo di Haendel, diretto da A. Curtis), l’ Accademia di Santa Cecilia di Roma, l’Orchestra della Toscana, gli Amici della Musica di Modena e Firenze, i Concerti di San Maurizio a Milano, la Konzerthaus di Vienna e la Konzerthaus di Berlino, il Festival Magie Barocche di Noto.
Nel 1995 le è stato assegnato il Premio Boris Christoff.
Elena Cecchi Fedi si è esibita in Olanda (De Doelen di Rotterdam e Vredemburg di Utrecht con l’Orchestra Filarmonica di Rotterdam diretta da Frans Brüggen (Messa in si minore di J.S. Bach). Ha tenuto concerti con A. Curtis negli Stati Uniti, con C. Rousset (Les Talens Lyrique) in Francia, con R. Alessandrini in Italia e a Singapore, con A. De Marchi (Accademia Montis Regalis), con A. Fedi al Concertgebow di Amsterdam, al Miami Bach Festival e alla Curt Sachs-Saal di Berlino, con C. Coin (Ensemble Baroque de Limoges), con Peter van Heyghen (Les Muffatti)  in Belgio, Olanda, Francia, Spagna e Portogallo (Casa de Mateus e Encontros de Musica das Terras do Sousa), con F.M. Sardelli (Modo Antiquo), con F. Colusso (Ensemble Seicentonovecento), con C. Ipata (Ausermusici).
È insegnante di canto e canto barocco presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Ha inciso per le seguenti case discografiche: Virgin Classics, Opus 111, Astrée, Hyperion, Brilliant, Tactus, Simphonia, Stradivarius, Glossa, Arts, Agorà e K 617, per un totale di trentatre titoli.

Elena Pruneti

Flauto traverso, strumento collettivo - Scuola francese

Elisso Virsaladze

Elisso Virsaladze
Pianoforte - Corso di Perfezionamento


Ha ricevuto le sue prime lezioni di pianoforte dalla sua nonna, Anastasia Virsaladze. Dopo aver frequentato il Conservatorio, ha lasciato la sua città natale e si è trasferita a Mosca, dove ha studiato con H. Neuhaus e Y. Zak. All’età di vent’anni ha vinto il terzo premio al Concorso Tchaikovsky. Oggi è riconosciuta insegnante eccezionale e i suoi studenti si sono imposti nei più importanti concorsi internazionali. Insegna al Conservatorio di Mosca, viene invitata nella giuria dei più importanti concorsi come: Santander, Geza Anda a Zurigo, Rubinstein a Tel Aviv e Tchaikovsky (successivamente Richter) a Mosca. Si esibisce regolarmente a Londra, Milano, Roma, Parigi, Lisbona, Berlino e Barcellona; tiene concerti in duo con Natalia Gutman nelle più importanti città europee. Suona regolarmente con orchestre prestigiose in Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera, Giappone, gli Stati Uniti e altri Paesi. Elisso Virsaladze ha lavorato con direttori come R. Barschai, K. Kondraschin, R. Muti, K. Sanderling, W. Sawallisch, E. Svetlanov, J. Temirkanov, per nominarne solo alcuni. Incide per Live Classics.

 

Received her first piano lessons from her grandmother, Anastasia Virsaladze. After attending the conservatory, she left her native city and moved to Moscow, where she studied with H. Neuhaus and Y. Zak. At the age of twenty she won the third prize in the Tchaikovsky Competition. She is recognised today as an exceptional teacher whose students have won sensational recognition at competitions. She teaches at the Moscow Conservatory and at Munich’s Musikhochschule and she is invited to serve on the jury of the most important competitions such as: Santander, Geza Anda in Zurich, Rubinstein in Tel Aviv and Tchaikovsky (now known as the Richter) in Moscow. She regularly performs in London, Milan, Rome, Paris, Lisbon, Berlin and Barcelona; duo concerts with Natalia Gutman take place in the most important European cities. She regularly appears with prestigious orchestras in France, Germany, Italy, Spain, Switzerland, Japan the US, as well as in other countries. Elisso Virsaladze has worked with conductors such as R. Barschai, K. Kondraschin, R. Muti, K. Sanderling, W. Sawallisch, E. Svetlanov, J. Temirkanov and A. Wit, to name only a few. She records for Live Classics.

Emanuele Antoniucci

Tromba - base

Tromba - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Nato a Montevarchi nel 1973, si diploma in tromba nel 1993 sotto la guida del M° Walter Carpano presso il Conservatorio L. Cherubini di Firenze. Negli anni successivi si perfeziona con vari insegnanti tra cui Rex Martin, Steven Burns e Andrea dell’Ira. Ha collaborato con varie formazioni orchestrali italiane ed estere fra cui l’Orch. della Rai di Torino, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, l’ Orchestra della  Radio Svizzera di Lugano. Si specializza nel repertorio barocco,ed interpreta con strumento originale e tromba piccola il secondo Concerto Brandeburghese (eseguito inoltre nel 2000 per la stagione dei concerti aperitivo del Teatro alla Scala di Milano), la Cantata n.51, l’Oratorio di Natale di J.S. Bach, il Messiah di Haendel, ecc.. Ricopre attualmente il posto di seconda tromba presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

Enrico Stellini

 Pianoforte - base

Ha studiato fin da piccolo con Maria Tipo, conseguendo a 18 anni il diploma in pianoforte con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore, presso il Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze. Si è affermato brillantemente a 15 anni al Concorso "Clementi" di Firenze, meritando di suonare alla Rassegna Pianistica "Vincitori di Concorsi Nazionali" di Bari. Nel 1984 ha vinto il primo premio assoluto al Concorso Nazionale "Coppa Pianisti d’Italia" di Osimo. È stato inoltre premiato ai Concorsi Nazionali di Treviso e Taranto e Internazionali "A.M.A. Calabria", "E. Pozzoli" e "Viotti-Valsesia". Ha frequentato i "Cours de Perfectionnement et Virtuosité" tenuti da Maria Tipo presso il Conservatorio Superiore di Ginevra, dove ha conseguito un prestigioso "Premier Prix". È stato invitato a suonare per importanti società italiane di concerti riportando sempre grande successo di pubblico e critica. Svolge un’intensa attività didattica come docente di pianoforte presso il Conservatorio di Rovigo, nei corsi di base della Scuola di Musica di Fiesole e affianca Andrea Lucchesini e Pietro De Maria come docente nei corsi di perfezionamento all’Accademia di Musica di Pinerolo.

Eva Erna Szabo

Violino - base

Violino - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale

Di origine ungherese, si è diplomata al Conservatorio di Kolozsvár (Cluj), sua città natale. Ha proseguito gli studi a Salisburgo con Sándor Végh, suonando successivamente anche sotto la sua direzione nella Camerata Salzburg, e in seguito si è perfezionata a Roma con Salvatore Accardo. Dal 1982 fa parte dell'Orchestra Maggio Musicale Fiorentino e dal 1993 è docente di violino presso la Scuola di Musica di Fiesole. Dal 1999, anno di fondazione, collabora con la formazione cameristica "Cappella Andrea Barca" di András Schiff.

Fabio Lombardo

Direttore Schola Cantorum

Formazione corale - triennio

Ha studiato composizione, analisi, musica elettronica, voce e direzione di coro a Firenze, Parigi, Arezzo. Fondatore dell'Insieme Vocale "l'Homme Armè", con cui esegue musica rinascimentale, barocca, e contemporanea, ha poi fondato la Schola Cantorum "F. Landini" della Scuola di Musica di Fiesole, con la quale esegue repertorio oratoriale da J.S. Bach al ‘900. Alla guida del Gruppo Polifonico "F. Coradini" di Arezzo, di cui è stato direttore artistico-musicale dal 1986 al 1998, ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Llangollen (1990, Wales-GB). Ha diretto varie formazioni orchestrali, tra cui l'Orchestra della Toscana, l’Orchestra barocca "Modo antiquo", l'Orchestra barocca di Bologna e l’Orchestra “V. Galilei”, collaborando anche con numerosi direttori tra cui Frans Brüggen, Simon Preston, Salvatore Accardo. Negli ultimi anni ha eseguito opere vocali di Berio, Globokar, Hersant, Nono, Pezzati, Pärt, Sciarrino, e altri autori. Varie le registrazioni discografiche di musiche rinascimentali (Cristophorus, Tactus, ARTS, Dynamic.). Insegna direzione di coro al Conservatorio di La Spezia.

Fabio Vacchi

Fabio Vacchi
Composizione - Corsi di perfezionamento

I suoi lavori sono stati commissionati o diretti, tra gli altri, da Claudio Abbado, Roberto Abbado, John Axelrod, Luciano Berio, Carlo Boccadoro, Riccardo Chailly, Myung Wun Chung, Ivan Fischer, Claire Gibault, Daniel Harding, Neville Marriner, Zubin Metha, Riccardo Muti, Antonio Pappano, Giuseppe Sinopoli.
Ha collaborato con registi, attori, artisti e scrittori come Daniele Abbado, Gae Aulenti, Gianrico Carofiglio, Giorgio Barberio Corsetti, Patrice Chereau, Tonino Guerra, Yashar Kemal, Dacia Maraini, Franco Marcoaldi, Sandro Lombardi, Aldo Nove, Ermanno Olmi, Moni Ovadia, Amos Oz, Giulio Paolini, Arnaldo Pomodoro, Giuseppe Pontiggia, Roberto Roversi, Toni Servillo, Federico Tiezzi, Michele Serra.
Alcune tra le opere per il teatro musicale: Girotondo, da Schnitzler (1982 Maggio Fiorentino), Il Viaggio, (1990, Comunale di Bologna),  La Station thermale, (1993-95, Opéra de Lyon),  Les oiseaux de passage (1998, Opéra de Lyon;  2001), Il letto della storia, (2003, Maggio Fiorentino), La madre del mostro (2007, Siena), Teneke (2007, Teatro alla Scala), Lo stesso mare (2011, Teatro Petruzzelli di Bari).
Fra le opere strumentali: Briefe Büchners (1997 commissione di C. Abbado  per Berliner Festwochen) ; Dai calanchi di Sabbiuno (1997 commissione di C. Abbado, Salzburg); Diario dello sdegno (2002, connessione della Filarmonica della scala, dir. R. Muti); Tre Veglie (2000, commissione del Festival di Salisburgo); Terra comune (2002, dir. Myung-Whun Chung, commissione di L. Berio per l’inaugurazione del Nuovo Auditorium di Roma); La giusta armonia (2006, dir. R. Muti, commissione del Festival di Salisburgo); Mi chiamo Roberta (2006, testo di A.Nove); Voci di notte (2006, dir. Zubin Metha , Firenze); Mare che fiumi accoglie (2007, dir. A. Pappano, S. Cecilia); Prospero o dell’Armonia (Melologo sinfonico, 2009, dir. R. Chailly, Filarmonica della Scala); Tagebuch der Empörung (2011, dir. R. Chailly, Lipsia, Gewandhaus Orchestra); D’ un tratto nel folto del bosco, melologo, testo di Amos Oz (2010, Moni Ovadia, Milano, Festival MITO); Notte italiana (2011, dir. David Atherton, London Sinfonietta); Il piacere di leggere, testo di D. Maraini (2012, L’Aquila, Lella Costa, dir. C. Gibault); Soudain dans la forêt profonde, melologo, testo di Amos Oz (2013-14, Parigi, Comédie française, Salle Pleyel, CD a cura del Ministère de l'Éducation Nationale, destinato anche alle scuole di Francia), Veronica Franco (2014, testo di Paola Ponti, attrice Giovanna Bozzolo), Il bordo vertiginoso delle cose  (2014, testo e voce recitante di Gianrico Carofiglio, dir. J. Axelrod), Der Walddämon, 2015, dir. R. Chailly, Lipsia, Gewandhaus Orchestra). Nel 2014 il Festival Mito gli ha dedicato, primo italiano, una monografia in tre concerti. Nel 2015 è responsabile dell’Atelier Opéra en création pesso il Festival di Aix-en-Provence. La nuova opera Lo specchio magico su testo di Aldo Nove verrà allestita al Maggio Musicale Fiorentino nel maggio 2016. E’ composer in residence al Teatro Petruzzelli di Bari e all’Orchestra Verdi di Milano.  
Koussevitzky Prize in Composition (Tanglewood, USA, 1974); Primo premio al Concorso Gaudeamus (Olanda,1976); David di Donatello per il miglior musicista con la colonna sonora del film Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi (Roma, 2002);  Annual Lully Award 2002 per il miglior nuovo brano dell'anno eseguito negli Stati Uniti con il Quartetto n° 3, Premio Abbiati dell'Associazione Nazionale Critici Musicali per la migliore novità dell'anno (2003, Il letto della storia), Rdc Awards per la colonna sonora del film Gabrielle di Patrice Chéreau (2005); Nomination al David di Donatello per il miglior musicista con la colonna sonora del film Centochiodi di Ermanno Olmi (Roma, 2007). E’ membro onorario dell’Accademia Filarmonica Bolognese. E’ membro effettivo dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia .

Filippo Burchietti

Violoncello - base

Violoncello - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale


Diplomato al Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze con Giovanni Bacchelli, ha approfondito la sua formazione musicale seguendo i corsi di musica da camera con il Trio di Trieste, Piero Farulli, Dino Asciolla, Maureen Jones e quelli di perfezionamento strumentale con Karinee Georgian (allieva di M.Rostropovich), Amedeo Baldovino, Antonio Janigro, Mario Brunello, Miklos Perenyi e Anner Bijlsma.
Ha collaborato come primo violoncello con varie orchestre fra le quali la "Fenice" di Venezia, la RAI di Torino, l'Orchestra Regionale Toscana suonando con direttori quali R. Barshai, F. Bruggen, S. Bychkov, M.W. Chung, G. Gelmetti, C.M. Giulini, G. Kuhn, Z. Metha, R. Muti.
Esperto del vastissimo repertorio cameristico nelle formazioni dal duo al quintetto con pianoforte, duo con violino, dal trio al sestetto d’archi, è invitato dalle più importanti istituzioni concertistiche italiane ed europee, tra le quali: G.O.G., Genova; Il Coretto, Bari; Biennale di Venezia; Estate Fiesolana; Unione Musicale di Torino; Società del Quartetto di Milano; Amici della Musica di Firenze, Palermo, Perugia; Salle Gaveau, Parigi; MusikFestival, Mannheim.
Ha inciso per EMI, Rodolphe, Frame, Fonè e ha partecipato a trasmissioni radiofoniche di Radio Montebeni e di RAI  RadioTre (Mattino Tre, Radio Tre Suite, Il Terzo Anello).
Il suo repertorio spazia inoltre dalla prassi barocca con strumenti originali (grazie a A. Bijlsma) alla musica contemporanea: impegnato nello studio e nella divulgazione della musica del Novecento con gruppi quali l’ E.CO. Ensemble e il Modern Ensemble, ha tenuto vari seminari e concerti sul repertorio contemporaneo per violoncello solo effettuando tournée in Australia, Brasile, Argentina, Cile, Venezuela, Grecia, Turchia, Austria, Belgio, Scozia, Lussemburgo.
Esplora senza preconcetti ogni linguaggio musicale: folk, rock, etnico, kletzmer (con Luca Di Volo e Claudia Bombardella) ma soprattutto jazz, collaborando con prestigiosi nomi della musica improvvisata quali Paolino Dalla Porta, Maria Pia De Vito, Stefano Cantini, Paolo Fresu, Mauro Grossi, Sheila Jordan, Butch Morris, James Newton, Tino Tracanna, Cristina Zavalloni etc. (incisioni per Splas(H), Silence, EMA Records, Materiali Sonori).
Convinto che la musica sia un fondamentale strumento educativo, si dedica con passione all’insegnamento; avvalendosi della conoscenza delle più prestigiose scuole violoncellistiche europee ha sviluppato una sintesi di queste diverse esperienze didattiche.
La lunga esperienza come docente presso la Scuola di Musica di Fiesole, iniziata nel 1987, ha consolidato questo suo metodo, che si avvale inoltre di una profonda conoscenza della Tecnica Alexander, grazie agli insegnanti Fran Robinson e Riccardo Parrucci.
È stato per questo invitato a tenere corsi di perfezionamento in varie regioni italiane (Campania, Marche, Piemonte, Toscana).
Dal 2000 è docente di violoncello presso l’Istituto Musicale “P. Mascagni” di Livorno .
Nel 2011 è stato invitato a fare parte del “Quartetto Fonè”

 

Mr. Burchietti has studied with maestros K. Georgian, A. Baldovino, A. Janigro, M. Brunello, M. Perenyi e A. Bijlsma. He enjoys performing a variety of musical genres including folk, rock, kletzmer and jazz, in collaboration with prestigious artists like P. Dalla Porta, M.P. De Vito, S. Cantini, P. Fresu, M. Grossi, S. Jordan, B. Morris, T. Tracanna, C. Zavalloni. An authority in the field of contemporary cello repertoire, he has held concerts and master classes in Greece, Turkey, Australia, Brazil, Argentina, Chile, Venezuela, France, Spain and Germany. Filippo Burchietti is a passionate chamber musician who has been a member of several different ensembles. He is the cellist of Quartetto Fonè since 2011. He is a regular guest of the most important concert seasons in Europe, and has recorded for EMI, Fonè, Materiali Sonori, Frame, Rainbow, Splas(H) records, besides been a guest artist in radio and TV broadcasts (RAI- Mattino Tre, Radio Tre Suite).  Mr. Burchietti is on the cello faculty at the Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” in Livorno.

Francesca Piccioni

Viola - base

Viola - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale

Francesco Gesualdi

Fisarmonica

Francesco Gesualdi è riconosciuto come uno dei più originali e versatili fisarmonicisti italiani della sua generazione. Padrone di un ampio repertorio -caratterizzato da importanti composizioni della Musica Antica (ha trascritto opere di autori come Carlo Gesualdo, Antonio de Cabezon, Frescobaldi, Bach, Scarlatti) e della Musica Contemporanea- è regolarmente presente nei cartelloni delle più importanti Stagioni concertistiche, di Società di Concerti, Enti e Teatri storici.
Collabora con vari compositori della musica d'oggi, compiendo -in Italia, Europa, Australia e America- molte prime esecuzioni assolute a lui dedicate. Ha realizzato prime assolute di autori come: Bogdanović, Cardi, Cardini, Franceschini, Gilardino, D'Amico, Montalti, Verunelli, Heusinger, Magini, Nieder, Solbiati, Gervasoni, Heusinger, Brümmer, Reiner, Sani, Skempton, Torres Maldonado, Ulivelli. Ha collaborato inoltre con compositori come Gubaidulina, Kagel, Hosokawa, Rihm, eseguendo le loro più celebri composizioni per fisarmonica, in prima italiana. Tra i contesti di maggior pregio dove ha suonato si ricorda: Sala Santa Cecilia di Roma; Teatro Dal Verme di Milano; Teatro San Carlo di Napoli; Associazione Musicale Lucchese; Festival Nuova Consonanza di Roma; Settembre Musica (MiTo) a Torino; Associazione Musicale Etnea; Sala Petrassi e Sala Sinopoli dell’Auditorium di Roma; Teatro della Pergola; Amici della Musica di Firenze; Amici della Musica di Ancona; Fabbrica Europa Festival; Amici della Musica di Modena; Teatro Goldoni di Firenze; Auditorium NGV di Melbourne; Auditorium di Milano; Biennale di Venezia; Pietà de’ Turchini di Napoli; Teatro Comunale di Firenze; “Salone Chigi Saracini” dell'Accademia Chigiana di Siena; Auditorium Melotti di Rovereto. Ha suonato per RadioRai 3; Radio SBS di Melbourne; Radio Vaticana; Radio Orff di Vienna. Molte le sue importanti collaborazioni in ambito cameristico e da Solista con Orchestre: Orchestra Haydn di Bolzano, Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, i Direttori d'Orchestra Marco Angius, Carlo Boccadoro, Rani Calderon; con la violinista Mieko Kanno e il violinista Cristiano Rossi; con i violoncellisti Francesco Dillon e Alexander Ivashkin; con il flautista Roberto Fabbriciani; con i pianisti Matteo Fossi e Gregorio Nardi; le voci Sonia Bergamasco, Alda Caiello, Maurizio Leoni, Laura Catrani; con gli attori Carlo Cecchi, Maya Sansa; con il drammaturgo Luca Scarlini; con il Quartetto Savinio, con l’Ensemble Europeo Antidogma di Torino, con il Freon Ensemble di Roma, con il Dynamis Ensemble, con il PMCE ensemble del Parco della Musica di Roma; con il Contempoartensemble di Firenze e con l'Ensemble Sentieri Selvaggi di Milano. Ha lavorato con importanti Istituti Europei dediti allo studio della musica elettronica: Experimental Studio di Friburgo (Radio SWR di Germania); Tempo Reale di Firenze; ZKM di Karlsruhe. Ha fondato e dirige il RowsEnsemble (Quintetto di fisarmoniche) ed è Direttore artistico del GAMO (Gruppo Aperto Musica Oggi) di Firenze. Insegna nel Conservatorio Superiore di Musica "L. Refice" di Frosinone. Ha inciso CD per fisarmonica sola e con fisarmonica in ambito cameristico per EmaRecords, per Brillant classics, per Ars Publica.

Gabriele Marangoni

Viola

Si è diplomato nel 2000 in violino a Bologna con il massimo dei voti e nel 2002, studiando con A. Farulli, ha ottenuto il diploma di viola con il massimo dei voti e la lode.
Si è perfezionato alle Accademie “G. Mahler” di Ferrara e Bolzano con J. Kussmaul, D. Poppen, T. Christ e T. Brandis; all’Accademia Chigiana di Siena e alla Hochschule di Colonia con il Quartetto Alban Berg.
Nel 2001 ha vinto il Primo Premio alla XXIV Rassegna Nazionale Violisti di Vittorio Veneto.
Nel 2002 e 2003 ha fatto parte della Gustav Mahler Jugendorchester (nel ruolo sia di Concertino sia di Prima Viola), tenendo concerti a Vienna (Musikverein), Berlino (Philharmonie e Konzerthaus), Londra (Royal Albert Hall), Lucerna (KKL), Colonia, Monaco, Stoccarda, Graz, Praga, Losanna, Tokyo (Suntory Hall e Opera City), Osaka, Nagoya...
Ha partecipato a importanti incisioni discografiche e a festival internazionali quali Salisburgo (Festspiele), Londra (BBC Proms), Lucerna, Edimburgo e Pesaro (ROF).
È stato diretto da C. Abbado, P. Boulez, J. Tate, F. Welser-Möst, J. Valčuha, Lü Jia ed ha suonato con artisti quali M. Argerich, L. Kavakos, M. Maisky, P. Amoyal, Lukas e Clemens Hagen, S. Accardo, A. Lonquich, A. Kobrin, L. Zilberstein, Renaud e Gautier Capuçon, S. Isserlis, Ensemble InterContemporain.
Nel 2002, dopo aver vinto le selezioni tra i componenti della GMJO, si è esibito come solista in varie città italiane accompagnato dalla Mahler Orchester diretta da A. Oestman.
Dal 2003 è prima viola dell’Orchestra Sinfonica Haydn di Bolzano e Trento.

Ganesh Del Vescovo

Ganesh Del Vescovo

Il chitarrista compositore italiano Ganesh Del Vescovo, oggi considerato un “virtuoso” della chitarra, ha iniziato gli studi di chitarra come autodidatta. Un fortunato incontro con Alvaro Company (allievo di Andrès Segovia) lo ha portato al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, dove ha conseguito il diploma con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale “per la straordinaria capacità di caratterizzare gli stati d’animo delle opere eseguite”.

La sua attività di compositore si sviluppa di pari passo con lo studio dello strumento, muovendosi fra la sperimentazione di tecniche nuove sulla chitarra e la ricerca di una forma personale, stimolata anche dall’incontro con la musica classica indiana. Più che rifarsi agli aspetti più formali di questa tradizione, il suo approccio alla musica si avvicina allo spirito, all’esperienza estetica, e alla forza espressiva di questo universo musicale. Suona il sarod, antico strumento indiano a corde, e il tabla, per i quali ha composto vari brani. Questa ricerca musicale compositiva ha portato alla necessità di modificare la chitarra classica. Sono nati così due nuovi strumenti: la chitarra "chikari", con l'aggiunta di un cavalletto mobile e di due sottili corde di metallo con la funzione di bordone "flessibile"; e la "sarod guitar" o "chitarra sarod", un'unione fra la chitarra classica e il sarod, dove al manico classico è stato aggiunto mezzo manico in metallo, privo di tasti. Questo permette grande agilità nell'uso libero del glissato e un effetto sonoro suggestivo non temperato. Del Vescovo ha presentato questi strumenti e dimostrato le relative tecniche in varie manifestazioni e festival chitarristici. Ha inoltre tenuto numerosi workshops e seminari sulle particolari tecniche da lui sviluppate.

Numerosissime le pubblicazioni dei suoi lavori per Sinfonica Nuova Carish, tra cui composizioni per solo chitarra (Sei studi, Dodici Studi di transizione, Tre Reminiscenze per chitarra, Jasidih Express,Dieci Impromptus in forma di studi…) e brani cameristici (Three Dhuns, Sonatina giocosa…), spesso accompagnati dalla registrazione in cd realizzata dall’autore. Per Les Productions d’OZ (Canada) ha pubblicato Otto fantasie sopra melodie indiane. Le sue composizioni (spartiti, cd e dvd) sono spesso state recensite come le migliori pubblicazioni del momento ed sono adottate in molti conservatori e accademie musicali in Italia ed all’estero.

Recentemente la casa editrice Sinfonica ha pubblicato tre volumi di composizioni per chitarra sola del compositore che vanno a completare le opere già pubblicate. A ciascun volume è allegato un CD audio. Inoltre è stato da poco pubblicato: presso Guitart, un fascicolo monografico a lui dedicato dal titolo; “la chitarra senza confini” (manuale delle nuove possibilità tecniche della chitarra, per chitarristi e compositori).

Nel 2011 ha vinto il primo premio per la composizione al Festival Internazionale di “Claxica 2011” di Castel d’Aiano, Bologna con il pezzo per solo chitarra Schegge di luce. Nell’ottobre del 2016 ha vinto il primo premio all’undicesimo Concorso Internazionale di composizione per Chitarra Classica “Michele Pittaluga” (Alessandria) con il pezzo per due chitarre intitolato Improvviso e Ritmico.

Oltre alle proprie composizioni il suo repertorio concertistico include musiche appartenenti ai vari periodi della chitarra classica: rinascimentale, barocco, classico, romantico, moderno e contemporaneo. Ha anche sviluppato una propria tecnica di trascrizione di opere scritte per altri strumenti e quindi il suo repertorio annovera anche molte sue trascrizioni di autori quali Bach, Frescobaldi, Scarlatti, Mozart, Schubert, Debussy, Verdi.

La sua attività di concertista lo ha portato ad esibirsi in importanti società di concerto in Italia ed in Europa, (Francia, Spagna, Grecia, Austria, Svizzera). Nel 2012 ha tenuto dei concerti per rappresentare l’Italia alla Fiera Internazionale del Libro di Kolkata, India. Nella stessa tournée ha suonato a Delhi.

Da segnalare le esecuzioni in prima assoluta: di Alvaro Company Ballade a lui dedicata, Notturno, Il concerto catalano e Quattro pezzi in memoria; di Sylvano Bussotti Circo Minore; la prima esecuzione italiana di Le stagioni artificiali di Salvatore Sciarrino, nel 2015, per il 78° Maggio Musicale Fiorentino.

Attualmente Del Vescovo tiene corsi di chitarra e di perfezionamento alla Scuola di Musica di Sesto Fiorentino e al Centro Studi Musica & Arte, via Pietrapiana, Firenze.

Il poeta Mario Luzi ha scritto di lui: “Ho ascoltato più volte, a distanza di anni, Del Vescovo e mi è sembrato sempre di entrare nella sfera di emozione e di suggestione di un bel talento musicale. Una sfera particolare e tuttavia comunicativa e in certi momenti irradiante”.


Ottobre 2016

Giada Moretti

Saxofono - base

Saxofono - Scuola francese

 

Ha intrapreso presto gli studi presso la Scuola di Musica di Fiesole nella classe della Prof.ssa Alda Dalle Lucche, conseguendo brillantemente il diploma in Saxofono , vecchio ordinamento, presso il Conservatorio G.B.Martini di Bologna. Ha partecipato a diversi corsi e masterclass di perfezionamento tenuti rispettivamente da M° A. Dalle Lucche, M° J.Y . Formeau e il M° M. Marzi.
Ha suonato in diverse formazioni di musica da camera quali duo di saxofoni “Noir”, trio col flauto e quartetto di saxofoni “Anomos” col quale si è classificata seconda al “Concorso Internazionale per solisti ed ensemble di fiati città di Villacidro” (Ca). Attualmente svolge attività concertistica con altri quartetti con i quali ha un vasto repertorio tra i quali il quartetto d'ance “Metamorphosis” con il quale ha partecipato a numerosi festival tra i quali “Festival di Villa Solomei” (PG) e “Amiata Festival”, il trio “Atmosphere”, due saxofoni e un pianoforte ed infine il “Quartetto Arabesque” e sax solista Alda Dalle Lucche, partecipando al 55° Festival dei due mondi di Spoleto e Santa Fiora in musica.
Ha collaborato con l'orchestra dei ragazzi della Scuola Musica di Fiesole, Orchestra Giovanile Italiana e una collaborazione con Orchestra Giovanile Italiana e Orchestra Regionale Toscana sotto la direzione del M°Gabriele Ferro. Ha collaborato con il Conservatorio di Carpi sotto la classe di musica da camera del M° Angelo Gabrielli con la quale ha partecipato al Centenario di Verdi in un concerto presso la Fondazione Arturo Toscanini. Ha inoltre collaborato per anni con la Filarmonica Leopolda, la Filarmonica Giacomo Puccini di Suvereto(Li) e collabora tutt'ora con la Filarmonica Leonardo da Vinci. Per la Scuola di Musica di Fiesole svolge dal 2007 lezioni concerto presso le scuole primarie e della prima infanzia per avvicinare i più piccoli alla musica.
Attualmente insegna Saxofono presso la Scuola di Musica di Settignano (Fi) e l'Accademia Musicale Ars Nova, la Scuola di musica Leonardo da Vinci (Vinci) ed è assistente-docente della Prof.ssa A.Dalle Lucche per la classe di Saxofono presso la Scuola di Musica di Fiesole. Dal 2011 partecipa al progetto educativo di musica nelle scuole dell'infanzia (3-5anni) del comune di Firenze per l’Associazione “Centro studi Musica e Arte” ed è insegnante del progetto “Orchestrando” Yamaha presso la scuola elementare di Vinci. Dal 2012 è inoltre dottoressa in Musicologia e beni musicali, laurea magistrale, presso la Facoltà di Lettere di Firenze.

Giampaolo Pretto

Giampaolo Pretto
Musica da camera - Corsi di perfezionamento


Giampaolo Pretto, attualmente direttore musicale dell’Orchestra Filarmonica di Torino, è nato a Verona nel 1965. Inizia un’intensissima attività concertistica a 16 anni. Conclusi a pieni voti gli studi flautistici, consegue il Premier Prix de Virtuosité a Parigi con Patrick Gallois, il diploma in composizione a Torino con G. Colombo Taccani, e segue i Master in direzione di Piero Bellugi. Vincitore del Concorso «Cilea» di Palmi nel 1985, raggiunge in breve altri traguardi, il più prestigioso dei quali è il secondo premio (primo non assegnato) al Concorso Internazionale dell'ARD di Monaco 1993 con il Quintetto Bibiena, gruppo a fiati di cui è fondatore e componente, e col quale ha eseguito in vent’anni i repertori più diversi.
 Primo flauto dell'Orchestra Rai dal 1986, prima a Milano, poi nella Sinfonica Nazionale a Torino, in oltre trent'anni anni d'attività ha tenuto migliaia di concerti nelle più importanti sale e teatri internazionali, in veste di solista, camerista, primo flauto e direttore d’orchestra. Ha inciso decine di cd, tra cui spiccano l'integrale dei Concerti di Mozart con la European Union Chamber Orchestra e la Sudwestdeutsches Kammerorchester Pforzheim; il Concerto di Petrassi con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino; "Ruah" di Ivan Fedele (di cui è dedicatario) con l'Orchestra Nazionale della Rai; il Concierto Pastoral di J. Rodrigo con l'Orchestra Filarmonica di Torino. Dal 2103 è maestro per l’Orchestra Giovanile Italiana. Per la musica da camera, sua grandissima passione, ha collaborato e tuttora collabora abitualmente con artisti di primo piano della scena concertistica internazionale. Dedicatario di due ritratti per le serie “I notevoli” e “Contrappunti” su Sky Classica, è attivo anche come consulente – tutor per l’Atelier Giovani dell’Unione Musicale di Torino, iniziativa vòlta a inserire i giovani più meritevoli all’interno del circuito concertistico. È attivo anche come compositore: ha curato le prime esecuzioni di Nine Rooms, 2013, per flauto, violoncello e archi; A Flat, 2014, per quartetto (commissione Ex Novo Ensemble di Venezia); Per quelli che volano, 2016, per clarinetto e orchestra (commissione Orchestra Haydn di Bolzano).

Gian Luca Lastraioli

Liuto - base

Liuto - triennio
Prassi esecutiva per liuto
Intavolature e loro trascrizioni per chitarra

È nato a Firenze nel 1957. Iniziata nel 1982 la propria attività professionale di liutista e tiorbista, nel corso degli anni ha partecipato a innumerevoli concerti e festival di musica antica in Italia, Francia, Germania, Svizzera, Olanda, Cecoslovacchia, Polonia, Israele, Inghilterra, Danimarca, Norvegia, Belgio, Brasile, Nuova Zelanda, collaborando con numerosi ensembles specializzati nel repertorio medievale, rinascimentale e barocco.
Gian Luca Lastraioli ha al proprio attivo oltre cinquanta registrazioni discografiche pubblicate da alcune delle più importanti case europee. Tra le incisioni più significative realizzate in veste di liutista e maestro concertatore ricordiamo la prima integrale de Le Suites Medicee del compositore fiorentino Lorenzo Allegri, la prima registrazione monografica dedicata al compositore Enrico Radesca, la prima registrazione interamente dedicata alle opere del compositore fiorentino Cosimo Bottegari. Quest’ultimo disco è stato salutato dalla critica specialistica come un “vero teatro dei sentimenti con cui Lastraioli illumina a dovere uno dei periodi più straordinari della storia della musica”.
Gian Luca Lastraioli ha al suo attivo numerose pubblicazioni musicologiche. Tra queste ricordiamo le edizioni da lui curate delle opere complete di Pietro Paolo Borrono (2008), Giovanni Ambrogio Dalza (2007), Giulio Cesare Barbetta (2004), Bernardino Balletti (2002).
Dal 2007 Gian Luca Lastraioli è maestro della Cappella di Santa Maria degli Angiolini con la quale, grazie a un finanziamento pluriennale della International Music and Art Foundation, cura incisioni discografiche ed esecuzioni concertistiche di inediti di musica italiana dei secoli XVI-XVIII.
Gian Luca Lastraioli è attualmente insegnante di liuto presso il Conservatorio di Musica A. Scontrino di Trapani e presso la Scuola di Musica di Fiesole.

Giovanni Dario Manzini

Tecniche di orchestrazione - base

Giovanni Dario Manzini è nato a Firenze nel 1978.
Nel 1999 si trasferisce a Londra per studiare Arti Visive a Byam Shaw School of Arts, dove si diploma nel 2003. Durante gli anni seguenti, oltre a lavorare intensamente nell’ambiente londinese delle arti visive, comincia a collaborare con diversi artisti e registi, per cui realizza il sound design per i loro video. Nel 2008 comincia a studiare improvvisazione jazz con Tim Richards al Goldsmith College, e da autodidatta armonia classica e orchestrazione. Nel 2010 torna a Firenze, dove frequenta il corso di composizione della Scuola di Musica di Fiesole.
Ha scritto musica da concerto e colonne sonore/sonorizzazioni per numerosi artisti, ensemble e istituzioni. Fra questi: Biennale di Venezia, Virgilio Sieni, Mario Ancillotti/Nuovo Contrappunto Ensemble, Orchestra I Pomeriggi Musicali, Orchestra Giovanile Italiana, Swedish Film Institute e Greenpeace.
Nel 2011 vince il concorso Rosolino Toscano con un brano per tromba sola.
Nel 2014 vince il secondo premio al Takemitsu Award con un brano per orchestra, selezionato e premiato da eter Eötvös.
Sempre nel 2014 vince il secondo premio al Pendercki Composers’ Competition Arboretum, con un brano per orchestra d’archi, selezionato e premiato da Paul Patterson e Krzysztof Penderechi.
Nel 2015 comincia a insegnare orchestrazione alla Scuola di Musica di Fiesole.

www.giovannimanzini.com

Giovanni Gnocchi

Laureato ai Concorsi violoncellistici internazionali Primavera di Praga, Antonio Janigro di Zagabria, laureato in duo al Parkhouse Award di Londra e vincitore in trio del 1° Premio al Concorso “F. J. Haydn” di Vienna, Giovanni Gnocchi ha debuttato come solista assieme a Yo-Yo Ma, che di lui ha detto: “ho avuto l’onore di suonare con un giovane meravigliosamente pieno di talento, che darà un grande contributo alla musica ovunque egli vada”.
In seguito ha suonato come solista sotto la direzione di Gustavo Dudamel, Christopher Hogwood, Carlo Rizzi, Pavel Despalj, Daniele Giorgi, Stefano Pagliani, all’Hong Kong Arts Festival, Mozarteum Salzburg, Wiener Konzerthaus, Essen Philharmonie, Rosengarten di Manheim, Kurhaus di Wiesbaden, Lisinki Hall di Zagabria, ecc.
Giovanni si è imposto sulla scena internazionale anche vincendo nel 2002 il posto di Primo Violoncello solista alla Camerata Salzburg, con cui ha suonato per 8 anni consecutivi, anche come solista e camerista, nelle maggiori stagioni internazionali, dal Musikverein di Vienna al Lincoln Center di New York, al Tanglewood Music Festival, Kennedy Center di Washington, Concertgebouw di Amsterdam, Parco della Musica di Roma, Symphony Hall di Birmingham, Menhuin Festival Gstaad, SemperOper Dresden, e lavorando in stretta collaborazione con musicisti quali Leonidas Kavakos, Murray Perahia, Gil Shaham, Franz Welser-Moest, Sir Roger Norrington.
Durante la stagione 2011-2012 ha ricoperto il ruolo di Guest Principal Cellist alla Royal Philharmonic Orchestra di Londra suonando sotto la direzione di Daniele Gatti, dopo aver già collaborato come primo violoncello ospite nella Philharmonia Orchestra di Londra, Orchestra Mozart con Claudio Abbado, Münchner Philharmoniker, Mahler Chamber Orchestra con Daniel Harding, Sydney Symphony con Vladimir Ashkenazy, Bamberger Symphoniker con Jonathan Nott, Co-Principal Cellist nella London Symphony con Valery Gergiev.
Dal 2008 è membro stabile della Lucerne Festival Orchestra di Claudio Abbado, con cui si è esibito anche in formazioni cameristiche con i Solisti della Lucerne Festival Orchestra alla KKL di Lucerna e in rappresentanza dello stesso Lucerne Festival nella nuova sala Ark-Nova a Matsushita in Giappone.
Fondatore del Quartetto di Cremona nel 2000 e del David Trio nel 2003, con essi ha vinto premi in concorsi cameristici internazionali in Europa e USA. Premiato dal Borletti-Buitoni Trust di Londra (presieduto da Mitzuko Uchida), laureato ai concorsi "Vittorio Gui" e "Premio Trio di Trieste" e vincitore in duo con Mariangela Vacatello dell’Audience Prize della Wigmore Hall, si è esibito presso i più importanti festivals europei anche con i membri del Quartetto Hagen, Leonidas Kavakos, Andrea Lucchesini, Marco Rizzi, Aleksander Madzar, Mahler Chamber Soloists, Diemut Poppen, Barbara Bonney, Christine Schaefer, Thomas Riebl, Howard Shelly, e ha suonato in duo con Alexander Lonquich per le Serate Musicali di Milano e l'Unione Musicale di Torino.
Dal 2009 suona in duo con la pianista Chiara Opalio, con cui si è esibito per alcune tra migliori stagioni italiane e con cui ha approfondito una seria ricerca del suono di un duo e del suo repertorio.
Gli appuntamenti recenti lo hanno visto protagonista coi sestetti di Brahms con L. Kavakos, D. Poppen e P. Demenga, concerti in duo e trio con A. Lonquich e I. Gringolts, al Lucerne Festival in trio con Olli Mustonen ed Alessandro Carbonare, il debutto solistico al Festival “Alfredo Piatti” di Bergamo dove è stato subito reinvitato, il Triplo di Beethoven assieme a P. Masi e P. Chiavacci diretti da D. Giorgi, le Variazioni Rococò con i Musici di Parma, i concerti di Haydn, Boccherini, Dvorak ed il Concerto di Gulda diretto da G. Mezaros. Si è esibito inoltre in un concerto per 2 violoncelli ed orchestra assieme a Mario Brunello ed ha recentemente replicato il Concerto di Gulda con la Filarmonica del Teatro La Fenice di Venezia diretta da Enrico Bronzi.
Giovanni suona stabilmente in formazioni da camera con Lukas Hagen dal 2006, e si ricordano anche le recenti collaborazioni con Pierre Amoyal, Wolfram Christ, Jens- Peter Maintz, Pavel Gililov, Jennifer Stumm, Esther Hoppe, Cristian Budu, Alessio Bax.
Nel 2012, a seguito di un concorso internazionale, Giovanni è stato scelto come il nuovo Univ. Prof. di Violoncello della Univeristät Mozarteum di Salisburgo.
Giovanni ha studiato Rocco Filippini e Mario Brunello, e si è diplomato al Conservatorio di Rovigo con lode sotto la guida di Luca Simoncini. Ha completato i propri studi frequentando a lungo le lezioni di Enrico Bronzi e per 2 anni con Clemens Hagen, frequentando nel contempo le Masterclass di H. Schiff, S. Isserlis, A. Meneses, D. Geringas, N. Gutman, G. Hoffman, F. Helmerson, P. Muller, F. Rados, F. Rossi, P. Farulli, A. Nannoni, Trio di Trieste, M. Jones, H. Beyerle, G. Takacs-Nagy, il Trio Altenberg Wien. !!

http://giovannignocchi.blogspot.co.uk

Giovanni Riccucci

Clarinetto - base

Clarinetto - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Clarinetto - corsi di perfezionamento

Diplomato con il massimo dei voti a Livorno con M. Del Zoppo, si è perfezionato alla Chigiana con G. Garbarino. Dal 1981 al 1994 è Primo Clarinetto dell’Orchestra della Toscana. Dal 1994 è Primo Clarinetto dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino dove collabora con direttori come Mehta, Muti, Giulini, Ozawa, Sawallisch, Bichkov, Pretre, Sinopoli, Pappano etc. Intensa l’attività cameristica e discografica: ha inciso per Fonè, Arts, Edipan, A.I.F. e con Materiali Sonori la Sequenza per clarinetto di Berio in collaborazione con l’autore. Come solista è stato diretto fra gli altri da Berio, Mehta, Bellugi, Renzetti, Soudant, Inoue. Ha insegnato nei conservatori di Perugia e Livorno. Dal 1998, su invito di Piero Farulli, insegna clarinetto alla Scuola di Musica di Fiesole.

 

Graduated from the Conservatory in Livorno with the highest possible marks, under the guidance of Mario Del Zoppo. He continued his studies at the Accademia Musicale Chigiana in Siena with Prof. G. Garbarino. From 1981 to 1994 he served as principal clarinet of the Orchestra della Toscana. Since 1994 he is principal clarinet of the Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino and he collaborates with renowned conductors such as Mehta, Muti, Giulini, Ozawa, Sawallisch, Bychkov, Pretre, Sinopoli, Pappano, etc. He is also an active chamber music and recording artist: he has recorded for Fonè, Arts, Edipan, A.I.F.; he recorded Berio’s Sequenza per clarinetto solo in collaboration with the composer for Materiali Sonori. As a soloist he has performed with conductors such as Berio, Mehta, Bellugi, Renzetti, Soudant and Inoue. He has taught at the Conservatories of Perugia and Livorno. Upon invitation of Piero Farulli, he has taught clarinet at the Scuola di Musica di Fiesole since 1998.

Giulia Fidenti

Saxofono - base

Saxofono - Kindergartner


Ha studiato saxofono presso la Scuola di Musica di Fiesole nella classe della Prof.ssa M°Alda Dalle Lucche conseguendo brillantemente il diploma presso il Conservatorio G.B.Martini di Bologna.  
Ha seguito diversi Master e corsi tenuti dalla Prof.essa M° Alda Dalle Lucche e ha partecipato a Master tenuti da M°Jean-Yves Fourmeau e M°Mario Marzi.  
Si è esibita in vari gruppi di musica da camera fra i quali duo di saxofoni, settimino e quartetto di saxofoni, con l’ultimo dei quali si è classificata seconda al II° Concorso Internazionale per solisti ed ensemble di fiati di Villacidro(CA) e in formazioni più inusuali e sperimentali come trio con pianoforte e violoncello, trio con flauto, con piccola orchestra di violoncelli e quartetto formato da due saxofoni, clarinetto, clarinetto basso e percussioni con il quale ha svolto diversi concerti. Suona stabilmente nel quartetto di saxofoni Auris con cui si è esibita al Festival “Musica sulle Apuane”, Festival “Suoni e colori in Toscana”, “Toscana Esclusiva”, “Lunatica”. Dal 2013 fa parte del quartetto Arabesque e sax solista Alda dalle Lucche con cui ha partecipato al 55°Festival dei due Mondi di Spoleto e Santa Fiora in musica.   
Ha suonato con l’Orchestra dei ragazzi della Scuola di Musica di Fiesole, con l’Ensemble contemporaneo della stessa scuola e con l’Orchestra Giovanile Italiana. Ha collaborato con il Conservatorio di Carpi sotto la classe di musica da camera del M° Angelo Gabrielli, con la quale ha partecipato al Centenario di Verdi in un concerto nella città di Parma. Nel maggio 2013 ha collaborato con l'orchestra del Teatro Comunale di Bologna sotto la direzione del M°Marco Angius in occasione dell'”omaggio a Bruno Maderna nel quarantesimo anniversario della scomparsa”.
Attualmente insegna Saxofono presso l’Associazione musicale Giovanni da Cascia di Reggello (FI) e affianca la Prof.ssa Alda Dalle Lucche insegnando saxofono nei corsi del pre-accademico presso la Scuola di Musica di Fiesole.  
Nel Dicembre 2013 ha ottenuto la Laurea Universitaria Magistrale presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Firenze.

Giulia Nuti

Clavicembalo - base

Clavicembalo - triennio
Tastiere storiche clavicembalo

Coordinatore dipartimento musica antica

Nata a Cambridge nel 1976,ha cominciato a suonare il clavicembalo all’età di dieci anni. Ha intrapreso gli studi alla Scuola di Musica di Fiesole, proseguendoli alla Royal Academy of Music di Londra. Alla Royal College of Music ha studiato clavicembalo, organo e fortepiano, laureandosi col massimo dei voti e la lode. Al King’s College di Cambridge ha svolto una ricerca sul basso continuo nell'Italia del Sei-Settecento, ottenendo un Master in musicologia.
È apparsa come solista e continuista nei più prestigiosi festival europei (Théâtre des Champs-Élysées, Parigi; Concertgebouw, Amsterdam; Printemps Baroque, Bruxelles; Wroclaw Festival, Polonia; Maggio Musicale Fiorentino; Göttingen Handel Festival; Alderburgh Festival; Festival de Ambronay, Francia; Altstadtherbst kulturfestival, Düsseldorf).
Incide per Naïve, CPO, WDR, BBC e RAI.
E’ specializzata nella musica e trattatistica italiana sul basso continuo; il suo libro The performance of Italian basso continuo sarà pubblicato presso Ashgate nel 2007.
Dal 2002 è docente di clavicembalo e basso continuo alla Scuola di Musica di Fiesole.

Giuseppe Rossi

Università dell'Età Libera

Si è laureato in Lettere con Mario Fabbri all’Università di Firenze discutendo una tesi di Storia della Musica su Gaetano Donizetti e parallelamente ha studiato composizione al Conservatorio L. Cherubini con Gaetano Giani Luporini e Romano Pezzati. È titolare di cattedra di Storia della Musica presso il Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara e ha insegnato per molti anni la stessa materia alla Scuola di Musica di Fiesole. Ha svolto attività di critico musicale sul quotidiano Paese Sera e attualmente è il critico musicale della Nazione di Firenze. Ha tenuto conferenze presso il Centro di studi F. Busoni di Empoli, l’Università di Firenze, il Teatro Massimo V. Bellini di Catania, il Teatro Comunale di Ferrara, gli Amici del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, le Università dell’Età libera di Firenze e di Ferrara. Ha curato varie rubriche di argomento musicale per il terzo programma della Rai. Collabora con le riviste Amadeus, Il Giornale della Musica, Piano Time, CD Classica, Drammaturgia, Musica.  E’ autore di numerosi saggi pubblicati su programmi e numeri unici del Teatro Comunale, degli Amici della Musica e del Musicus Concentus di Firenze, dell’Orchestra Regionale Toscana, dell’Accademia Chigiana di Siena, del Teatro Regio di Parma, del Teatro dell’Opera di Roma, del Teatro Massimo Bellini di Catania, del Teatro Lirico di Cagliari, del Teatro del Giglio di Lucca, del Comitato Estate Livornese, dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino.

Gregorio Moppi

Storia della musica - base

Storia della musica 1 e 2 - triennio
Storia del teatro musicale
lettura e testi per musica

Nato nel 1974 a Firenze, dove ha studiato pianoforte con Clara Saldicco e musica da camera con Vittorio Chiarappa al Conservatorio “Luigi Cherubini”, diplomandosi nel 1994. Nell’estate dello stesso anno è stato allievo del pianista Sergio Perticaroli al Mozarteum di Salisburgo. Da studente di Conservatorio ha suonato in diverse manifestazioni musicali e partecipato a concorsi giovanili nazionali e internazionali.
Nel 2001 si è laureato a Firenze con il massimo dei voti e la lode in Lettere moderne discutendo la tesi in Storia della musica moderna e contemporanea “Madrigali a cinque voci. Libro primo” di Pietro Pace (1597). Studio critico ed edizione moderna (relatore prof. Franco Piperno). Presso il medesimo ateneo ha conseguito nel 2006 il titolo di dottore di ricerca in Storia dello spettacolo con la dissertazione «Mena le lanche su per le banche». Musica nella commedia italiana del Cinquecento, pubblicata a Roma nel 2008 dall'editore Bulzoni.
Giornalista pubblicista, dal 1997 collabora con la pagina toscana del quotidiano "la Repubblica", oltre che con il mensile "Amadeus”, il bimestrale “Archi Magazine” e diverse altre pubblicazioni. Scrive regolarmente note illustrative ai concerti del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, di Ort-Orchestra della Toscana, Amici della Musica di Firenze, Orchestra da Camera Fiorentina, Accademia Filarmonica di Verona. Redige voci relative a musicisti rinascimentali per il Dizionario Biografico degli Italiani (Istituto della Enciclopedia Italiana – Treccani).
Dal 2007 insegna Storia della musica alla Scuola di musica di Fiesole e dal 2009 è docente a contratto della stessa disciplina all'Università di Firenze - Centro di Cultura per Stranieri.
Inoltre, dal 2010, è consulente musicale dell'Assessorato alla Cultura della Provincia di Firenze tenuto da Carla Fracci.

Hildegard Kuen

Viola - base

Viola - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale

Joan Yakkey

Coro per bambini - base

Coro Giovanile - base

Coordinatore dipartimento educazione musicale di base

Nata a New York City, è Fondatrice e Direttore dei gruppi corali per bambini e giovani presso la Scuola di Musica di Fiesole dal 1978. Joan Yakkey si è laureata in Composizione Musicale presso due Università statunitensi e ha seguito corsi di Direzione di Coro a Fontainbleau, Francia con Nadia Boulanger, a Fiesole con M° Robev e a Firenze, dove si è diplomata in Musica e Direzione Corale con M° Paolo Fragapane. Si è diplomata in pianoforte dal Conservatorio “L. Cherubini” dove ha insegnato per 37 anni e ha guidato il corso propedeutico di canto corale per bambini per sette anni.
M° Yakkey è compositrice di molti brani corali, musica da camera, opera, oratorio e pezzi strumentali pubblicati insieme ai suoi libri per giovani per lo studio della scrittura musicale in modo contemporaneo. I libri didattici per giovani (5 volumi Il Segno e il Suono – 16 libretti Il Linguaggio della Musica) sono pubblicati sul sito per compositori indipendenti: Musicaneo. Nel 2000, il suo Oratorio La Cometa, per complessi giovanili, è stato presentato a Borgunto, Fiesole e nel Duomo di Firenze; nel 2011 la sua opera teatrale per giovani esecutori La Fabbrica dei Giocattoli è stata messa in scena con i complessi della Scuola di Musica di Fiesole presso il Teatro Puccini di Firenze. Ha fondato e ha diretto tre ensemble vocali femminili professionali, specializzati in musiche a cappella antiche e contemporanee, con i quali ha inciso cinque cd.
Dal 1980 collabora con il Maggio Musicale Fiorentino nella preparazione del coro di voci bianche e di giovani solisti provenienti dalla Scuola di Musica di Fiesole per spettacoli e registrazioni discografiche, menzioniamo alcune produzioni: Die Frau Ohne Schatten (Strauss) – Pollicino (Henze) – I Pagliacci / I Medici (Leoncavallo) – La Bohème / Tosca (Puccini) – Jakob Lenz (Rihm) –  Orfeo (Monteverdi/Berio) – Elias (Mendelssohn) - Carmina Burana (Orff) – Moses und Aron (Schoenberg) - Wozzeck (Berg/Gurlitt) – Attila/Macbeth (Verdi) – Kovantchina (Moussorgsky) -  La Terza Sinfonia di G.Mahler – Mefistofele (Boito) – Il Piccolo Spazzacamino (Britten) – Brundibar (Krasa) - La Damnation de Faust (Berlioz) - Flauto Magico (Mozart) – La Dama di Picche (Ciakovski) – Der Rosenkavalier (Strauss) – Macbeth (Verdi) ecc.
Adesso presso la Scuola di Musica coordina il dipartimento per il canto corale per bambini e giovani.

 

http://maestroyakkey.blogspot.it/

Jonathan Faralli

Percussioni - base

Percussioni - triennio
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale

 

Si diploma in percussione e composizione al Conservatorio L. Cherubini di Firenze. Si perfeziona prima a Amsterdam e poi a Strasburgo. Ha vinto numerosi concorsi internazionali e collabora con le più famose orchestre italiane ed importanti ensemble sotto la guida dei più grandi maestri. Svolge attività solistica e cameristica tenendo masterclass e concerti in tutti i continenti. Ha collaborato con i compositori più famosi, tra i quali L. Berio, S. Sciarrino, F. Donatoni, J. Cage molti dei quali gli hanno dedicato i loro lavori, poi incisi con case discografiche di primo piano. Insegna all’Istituto P. Mascagni di Livorno e alla Scuola di Musica di Fiesole e tiene seminari per le percussioni dell’OGI.

Kamran Khacheh

Armonia avanzata - base

Composizione - triennio
Analisi dei repertori
Composizione
Schemi armonici e tecniche contrappuntistiche

Nasce a Teheran il 19 Maggio 1950 e si dedica alla musica dall’età di otto anni. Dal 1962 al 1966 frequenta il conservatorio di musica classica di Teheran. Nel 1971 si stabilisce in Italia dove studia composizione al Conservatorio Verdi di Milano e al Cherubini di Firenze, qui consegue il diploma nel 1982. Si perfeziona con F. Donatoni all’Accademia Chigiana di Siena. Ha scritto numerosi brani e lavori didattici editi da EMA Vinci. Collabora con diversi artisti di fama internazionale quali Leo Brower e David Bellugi. Frequenta importanti artisti Iraniani con i quali esegue i suoi brani in Europa e nelle Università canadesi e Nordamenicane. Dal 1992 collabora attivamente presso il laboratorio di produzioni musicali di EMA Records. Insegna composizione alla Scuola di Musica di Fiesole

Due anime, una orientale ed una occidentale, convivono in me e durante la mia esistenza ho avuto la fortuna di conoscere, praticare ed insegnare sia la musica iraniana che occidentale. Sto esplorando da diversi anni la possibilità di esprimere un mio linguaggio personale attraverso la fusione tra idee musicali tratte dalla tradizione persiana e tecniche appartenenti a quella occidentale. In questa ricerca mi propongo, da una parte di avvicinare queste due realtà musicale, nella quali sono profondamente radicato e di far si che ognuna delle tradizioni trovi inaspettate direzioni di arricchimento attraverso l’incontro tra l’una e l’altra.” (19 Maggio 1998.)

Karen Stone

Visiting professor
Opera Workshop - Corsi di Perfezionamento

Karen Stone was brought up in London. While still at school she attended Junior College at the Royal College of Music. After finishing school, she went on to study piano and singing at the Royal Academy of Music, London and then attended the postgraduate Opera Course at the Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Rome. After an initial career as a singer in the theatres of Hagen and Frankfurt in Germany she changed direction to become an assistant director at the theatre in Freiburg in Breisgau, Germany. Subsequently she worked as a staff producer at the English National Opera and then the Royal Opera House, Covent Garden; there then followed 5 years as resident producer at the Bavarian State Opera in Munich. In 1995 Karen Stone joined the Cologne Opera as Director of the Opera Studio and deputy Director of Opera advancing to Director of Opera. From 2000 to 2003 she was the General Manager of the Theatres and Orchestra of Graz, Austria. From 2003 to 2008 she was the General Manager of The Dallas Opera in Texas. Since September 2009 she has been living in Magdeburg where she is the General Manager of the Theatres and Orchestra. Karen Stone has been a Board Member of Opera America. She is an active member of Opera Europa and is also a member of the Chambre Professionnelle des Directions d'Opéra. As a stage director, Karen Stone has worked in many theatres including: Houston Grand Opera, Los Angeles Opera, Brighton Festival, New Zealand Opera, Opéra de Nice, Teatro Colon de Bogotà, Opéra de Monte Carlo, Savonlinna Festival, Finland and Teatro Comunale di Bologna. Karen Stone has also been on the jury for a number of international singing competitions including: Giuseppe di Stefano, Sicily, A. Belli, Spoleto, AsLiCo, Milan and Como, Toti dal Monte, Treviso, Competitzione dell'Opera, Dresden and Linz, Siemens Competition, Istanbul, and the Leyla Gencer Competition, Istanbul.

Krzysztof Wegrzyn

Krzysztof Wegrzyn was born in Poland. He studied in Warsaw, Freiburg and London. His musical personality has been strongly influenced by Wolfgang Marschner, Yfrah Neaman and Dorothy DeLay. He was a laureate at renowned international competitions (Spohr, Montreal) and was the winner of the Karol Szymanowski- and Rodolfo Lipizer Competitions.

His concert activities have taken him around the world and he has made numerous recordings for radio, television and CD. His broad repertoire also features works by Lutoslawski, Ligeti, Nono, Schnittke, Pärt and Penderecki. Krzysztof Wegrzyn served as concertmaster of the Hanover State Opera and Philharmonic Orchestra for many years and since 1993 has been a professor at the University of Music and Drama Hanover. Many of his students have won prizes in major international competitions and have become members of leading German orchestras. Krzysztof Wegrzyn regularly holds master classes in Europe, the United States and Asia including at the Holland Music Sessions, the Ishikawa Music Academy, the Great Mountains International Music Festival, the Bowdoin Music Festival, the Aurora Scandinavian Master Classes the Keshet Eilon and the Conservatories in New York, Seoul, Shanghai and Tokyo. He has served on the juries of numerous international competitions (e. g. the Tchaikovski, Kreisler, Paganini, ARD and Sendai). Furthermore, he has also been greatly involved in chamber music and has founded the Ensemble ‘il gioco col suono’.

In 2004 he was awarded the State Music Prize. Krzysztof Wegrzyn is the Founder and Artistic Director of the Joseph Joachim International Violin Competition Hannover. He plays a venezian violin of Domenico Montagnana.

Lapo Bramanti

Flauto Dolce - base

Titoli di studio e qualifica professionale
- Diploma in Flauto dolce (Conservatorio “F. E. Dall'Abaco”, Verona)
- Docente di Flauto dolce (Scuola di Musica di Fiesole)
- Attività concertistica: fondatore del complesso vocale e strumentale “Musica Figurata”
- Incisoni discografiche: prime esecuzioni assolute de Il vero modo di diminuirdi Girolamo Dalla Casa (Sonitus, 1995), Concerti ecclesiastici di Giovanni Paolo Cima (Dynamic, 1997), Mottetti, Madrigali et Canzoni Francese di Giovanni Bassano (Tactus, 1998), Madrigali a 5 e 6 voci di Cristofano Malvezzi (Tactus, 2001)

Principali ambiti di ricerca
Repertorio vocale-strumentale tra Cinque e Seicento; didattica del duo e pratica del solfeggio nel Cinquecento

Principali pubblicazioni
- (ed.), Girolamo Frescobaldi Il Primo Libro delle Canzoni 1628-1634 (Firenze 1981)
- (ed.), Grammatio Metallo Ricercari a due voci 1609 (trascrizione e saggio introduttivo sulla storia del duo e sulla pratica del solfeggio nel Cinquecento, Roma 1987).
- (ed.), G. Metallo Ricercari a due voci (Bologna 2005)

 

Educational qualifications and professional titles
- Diploma in Recorder (Conservatory “F.E. Dall’Abaco, Verona.)
- Teacher of Recorder (Musical School of Fiesole)
- Founder of the vocal and instrumental ensemble “Musica Figurata”, a group dedicated to the research, performance, and recording of  Italian repertoire from the Renaissance and Baroque periods.
- Premier recordings: world premier recordings of Il vero modo di diminuir (Girolamo Dalla Casa, Sonitus,1995), Mottetti, Madrigali et Canzoni Francese (Giovanni Bassano, Tactus, 1998), Concerti ecclesiastici (Giovanni Paolo Cima, Dynamic, 1997), Cristofano Malvezzi (Tactus, 2001).

Main area researches
Early music; Renaissance musical repertoire, transcriptions and critic editions; didactic duet and practice of solfege in the 16th century

Main publications
- (ed.) Girolamo Frescobaldi, Il Primo Libro delle Canzoni, 1628-1634 (Firenze 1981)
- (ed.) Grammatio Metallo, Ricercari a due voci, 1609 (Trascription and introductory essay on the history of duo and on the practice of solfeggio in XVIth), Roma 1987
- (ed.) G. Metallo, Ricercari a due voci, (Bologna 2005)

Leonardo Matucci

Violino - base

Ha studiato alla Scuola di Musica di Fiesole con Antonia Parisi e Andrea Cappelletti, vincendo nel 1992 una borsa di studio della S.I.A.E. e nel 1993 quella degli Amici della Scuola di Musica di Fiesole. Ha fatto parte dell'Orchestra Giovanile Italiana e frequentato i corsi di musica da camera di Dario De Rosa e Renato Zanettovich. Ha seguito i seminari di Stefan Gheorghiu alla Scuola di Musica di Fiesole e all'Accademia Musicale di Sion, e il corso di perfezionamento di Norbert Brainin e il corso di violino di spalla di Giuseppe Prencipe alla Scuola di Musica di Fiesole. Dopo aver partecipato a diverse formazioni da camera, affermandosi in vari concorsi nazionali, dal 1995 al 1997 ha fatto parte come secondo violino del Quartetto di Fiesole, formazione con la quale ha vinto il primo premio nel Concorso Internazionale "Vittorio Gui" nel 1996. Collabora abitualmente con l'Orchestra della Toscana (ORT), l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, quella del Maggio Musicale Fiorentino e la "Haydn" di Trento e Bolzano (concertino dei primi violini). E' spalla dell'Orchestra da Camera "I Solisti di Fiesole" e dal 1998 dell'Orchestra "Città Lirica", attiva nelle stagioni d'opera di Pisa, Lucca, Livorno, Torre del Lago, Ravenna, Mantova e Como. Dal 1993 insegna violino alla Scuola di Musica di Fiesole.

Letizia Putignano

Storia della Musica - livello base e avanzato

Drammaturgia musicale - triennio

Lorenza Borrani

Lorenza Borrani
Violino
Violino - Corsi di Perfezionamento

(Firenze 1983) si esibisce in veste di spalla, direttore, solista e camerista nelle sale e nelle stagioni più importanti in Europa e nel mondo. Quando nel 2008 è stata nominata leader solista della Chamber Orchestra of Europe (Abbado, Harnoncourt, Haitink) la sua attività è definitivamente uscita dai confini nazionali. La Philarmonie di Berlino (Berlin Musikfest 2013), i Festival di Edinburgo (con trasmissione radio dei concerti per la BBC) e di Aldeburgh, La Philarmonie di Colonia, La Citè de la Musique di Parigi, il Concertgebouw di Amsterdam, Sidney Opera House, l’hanno vista in veste di solista negli ultimi anni. In occasione del venticinquesimo anniversario della caduta del Muro di Berlino è stata invitata a preparare e  dirigere dal ruolo di spalla l’Orchestra Giovanile Europea che,presso la Haus der Kulturen di Berlino, rappresentava i 28 paesi aderenti all’Unione Europea a cui si rivolgeva il discorso del Presidente Martin Schulz.
Dal 2005 al 2008 ha suonato nell’Orchestra Mozart. Claudio Abbado l’ha diretta nel novembre 2006 presso il comunale di Ferrara nel Concerto per violino n.7 di Mozart, raramente eseguito.
 Nel 2003 l’invito a ricoprire il ruolo di spalla da parte della Filarmonica Toscanini diretta da L. Maazel ha rappresentato un importantissimo arricchimento nel percorso artistico di Lorenza Borrani, già vincitrice di numerosi premi nazionali ed internazionali ed impegnata, fin da giovanissima, in una intensa attività concertistica solistica e cameristica iniziata con il debutto fiorentino del 1995 al teatro alla Pergola di Firenze nell’esecuzione del Concerto per due violini di Bach in duo con il Maestro Pavel Vernikov e l’orchestra giovanile italiana diretta da Emmanuel Krevine.
I maestri Alina Company, Piero Farulli, Zinaida Gilels e Pavel Vernikov l’hanno guidata nella sua crescita artistica e strumentale alla Scuola di Musica di Fiesole fin dai primi passi sullo strumento. Dopo il diploma, avvenuto nel 2000 con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Firenze,  e conseguita la maturità scientifica, Lorenza Borrani si è perfezionata alla Universität für Musik und darstellende Kunst di Graz con Boris Kushnir e in molte masterclasse solistiche e di musica da camera con Pier Narciso Masi, A. Lonquich, S. Rostropovich, Ana Chumachenko, Maya Glezarova, Ilya Grubert.
Collabora o ha collaborato in veste di solista con direttori tra cui ricordiamo Yuri Harohnovich, Gyorgy Gyorivany Rath, Claudio Abbado, Trevor Pinnock, Yannik Nezet Seguin, Bernard Haitink, e di camerista con artisti di chiara fama quali Isabel Faust, Pier Narciso Masi, Andrea Lucchesini, Helene Grimaud, Daniel Hope, Andras Shiff, Pierre Laurent Aimard, Irina Schnittke, Pier Narciso Masi, Tabea Zimmermann, Janine Jansen, Mario Brunello, Christan Tetzlaff, Alexander Lonquich, L. Zilberstein, Pavel Gililov.
Nel 2007 ha fondato il progetto Spira mirabilis, un laboratorio di studio per musicisti professionisti (www.spiramirabilis.com) che ha ispirato anche la realizzazione DVD del film documentario “La Spira” diretto dal regista francese Geràld Caillat. Grazie a questo progetto e all’incontro con Lorenzo Coppola è nata in Lorenza la curiosità e passione nei confronti dell’esecuzione del repertorio classico su strumenti originali.
Grande amante dei dischi degli altri, Lorenza Borrani non ha mai molto amato farne di suoi. Tuttavia esistono incisioni che la vedono co-solista/direttore o camerista per Deutsche Grammophon e Mirare Label.
Lorenza Borrani insegna violino per i corsi di base e perfezionamento presso la Scuola di Musica di Fiesole e suona un violino Carlo Ferdinando Landolfi.

Luana Gentile

Musicami - base

Sin da bambina, ha una grande passione per il canto e la coltiva prima nell’oratorio del suo quartiere e poi adolescente, cantando nel Coro delle 9, all’epoca importante realtà musicale della sua città natale, Pescara.
Dopo la maturità intraprende lo studio del canto sotto la guida di M.V. Romano e si diploma con il M° N. Panni presso il Conservatorio "L. D'Annunzio" di Pescara.

Passando attraverso esperienze corali professionali in età giovanile (Teatro Petruzzelli di Bari, Rai di Roma, Synbolon Ensemble), arriva ad un formazione vocale solistica. Si specializza con A. Tomaszewskan , R. Straffi, A. Kraus, C. Desderi. Risulta vincitrice del Concorso Cascinalirica ’93 ed incide un cd di musiche di G. Albanese. L'attività svolta le dà la possibilità di incontrare ed arricchirsi dell'esperienza di vari direttori e registi: D. Renzetti, C. Desderi, U. Cattini, N. Samale, S. Sanna, M.Della Chiesa D’Isasca, N. Paszkowski, D. Giorgi, J.C. Plaza, V. Bertinetti, S. Vizioli, M. Zanotto, M. Cappelletti, F. Micheli. Ricopre ruoli quali Giulietta ne Il piccolo spazzacamino di B. Britten, lo Scoiattolo ne Lo scoiattolo in gamba di N. Rota, Amore ne L'incoronazione di Poppea di C. Monteverdi, Marcellina ne Le nozze di Figaro di W.A. Mozart, Serpina ne La serva padrona di G.B. Pergolesi, e Cagnaragna ne Tana per Candragopoli, opera contemporanea di E. Mara Bossero.
Tra le esecuzioni concertistiche si ricordano, fra le altre, la Messa in do maggiore op. 86 di Beethoven, il Requiem di Mozart, Il Rubrum Laudis di C. Crivelli, la Kronung-Messe di Mozart, la Petite messe solennelle di G. Rossini, lo Jephte di G. Carissimi, la Missa sacra op. 147, Neujarslied R. Schumann e, in forma di concerto, le opere Beatrice di Tenda di V. Bellini, Tutti in maschera di C. Pedrotti, Stella di C. De Nardis e Parisina di P. Mascagni, ricoprendone i ruoli principali.
Ha avuto inoltre occasione di prestare le sue competenze nell’ambito del teatro musicale, che è sempre stata una sua grande passione, ricoprendo il ruolo di aiuto regista presso il Teatro Borgatti di Cento nella produzione del Cosi fan tutte di W. A. Mozart.
La vita e l’attività professionale la spingono a ricercare e a sperimentare metodi e discipline varie per affinare la consapevolezza di sé e del respiro, componenti fondamentali della sua espressione artistica.
Una ricerca tra le altre approda nel 2001 alla conoscenza dell’Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento musicale.
Conosce così la Music Learnig Theory del prof. Edwin Gordon e ne rimane affascinata.
Approfondisce tale conoscenza frequentando nel 2001/02 primo e secondo livello del Corso Nazionale di Formazione “L’educazione Musicale del bambino da 0 a 6 anni” secondo il principio della Guida Informale, corso riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione. Nel 2007 frequenta un seminario di perfezionamento che le permetterà, dopo aver superato un esame, di diventare insegnante associato Aigam.
Nel 2008/10 frequenta il Corso Nazionale di formazione Aigam “L’Istruzione Formale secondo la Music Learning Theory” per l’insegnamento ai bambini dai 6 ai 9 anni.
Dal 2007 a Ottobre 2013, quale membro interno dell’Associazione, svolge seminari e laboratori di formazione permanente, frequentando inoltre workshop di primo e secondo livello su “L’insegnamento strumentale secondo la Music Learnig Theory” per gli strumenti a fiato, docente Dina Alexander, ed il corso di “Music Moves for Piano”  per l’insegnamento del pianoforte sempre seguendo la teoria di Gordon.
Frequenta inoltre i corsi di formazione “Teacher effectiveness training” secondo l’ascolto attivo di Thomas Gordon, a cura della psicologa Ineke Dunselman, e “La musica in dialogo con la mente - La lettura con il Do mobile”, tenuto dal Prof. A. Odone, docente del conservatorio di Como.

Luca Benucci

Corno – Corso di perfezionamento

La grande carriera concertistica e didattica di Luca Benucci si estende per oltre 30 anni e lascia un segno indelebile sulla scena musicale internazionale.
Fine esecutore in tutti i generi musicali, sotto la direzione dei direttori d'orchestra più importanti del nostro tempo, si cimenta nel Jazz, musica da camera e programmi da solista, collaborando con Jazzman, Virtuosi Classici e le stelle del Pop/Rock.
È inoltre l'ideatore di nuovi metodi pedagogici intenti a superare le difficoltà legate alle performance e perfezionare la metodologia pratica; con questa sua esperienza, ha arricchito ed influenzato positivamente le vite di numerosi professionisti e studenti di tutto il mondo.
È stato invitato a suonare come Primo Corno ospite in molte orchestre prestigiose, come la Chicago Symphony Orchestra, i Berliner Philharmoniker, la Staatskapelle Solisten Berlin, la Super World Orchestra, la Israel Philharmonic, il Teatro alla Scala di Milano, il Concertgebouw di Amsterdam con il Palau de les Artes Reina Sofia di Valencia e con la Master World Orchestra.
Dal 1995 ricopre il ruolo di Primo Corno del Maggio Musicale Fiorentino, sotto la direzione di Zubin Mehta.
Quando non lavora in orchestra, si dedica ai suoi numerosi progetti che svolge in collaborazione con numerosi artisti e musicisti in formazioni cameristiche quali: il Nuovo Quintetto Italiano, Italian Wonder Brass e il Pop Horn Ensemble.
Benucci è inoltre il fondatore e direttore artistico dell'Italian Brass Week Festival che è giunto alla sua XVIII edizione, un festival internazionale dedicato al mondo degli ottoni, che ha il fine di fornire un'istruzione di livello superiore facilmente accessibile a studenti provenienti sia dall'Italia che da tutto il mondo.
Ha anche fondato organizzazioni musicali e gruppi come l'Italian Chamber Orchestra, la Mimesis Formazione, il Maggio Formazione, la Sardinia Brass Festival, il Santa Fiora in Musica, le Note di Viaggio e i Meet the Soloists ed è vicepresidente della World Brass Association.
Tiene masterclass nelle più acclamate università e nei conservatori di tutto il mondo, tra cui Boston University, Roosevelt University, Juilliard School of Music, Curtis Institute of Music, Boston Conservatory, Indiana University, Illinois State University, Mannes School of Music in New York, Puerto Rico Conservatory of Music, Manaus University, Puebla Conservatory, Conservatorio di Danzica, Ankara University, Ionian University of Corfu, Maastricht Conservatory, Barcelona, Madrid and Valencia Conservatory, Tel-Aviv and Jaffa Universities, Musashino Music College of Tokyo, i conservatori di Shanghai, Singapore, e Beijing.
Ha collaborato come coach di ottoni e fiati con molte orchestre tra cui la World Youth Orchestra, Gustav Mahler Jugend Orchester, Israel Philharmonic Youth Orchestra, Hiroshima Symphony, Belgrade Philharmonic e Costa Rica Symphony.
È stato invitato, come corno solista e docente ospite, in prestigiosi Festival in ben 4 diversi continenti, collaborando con solisti e direttori come C. Abbado, R. Muti, D. Baremboim, S. Rattle, W. Sawallisch, G. Pretre, G. Sinopoli, C.M. Giulini, G. Dudamel e Zubin Mehta.
Nel suo tempo libero, Luca è un cuoco eccellente e un gastronomo appassionato, ama passare il tempo con i suoi due figli Giacomo e Niccolò.

Luca Benucci’s vast performing and didactic career spans over 30 years and has left an indelible mark on the international music scene. Championing all genres of music under the batons of the most notable Orchestral Directors of our time, developing unique and varied Jazz, Chamber and Solo programs collaborating closely with Jazz and Classical Virtuosi and Pop/Rock stars alike, and by innovating new pedagogical approaches to performance and practice methodology, Mr. Benucci has positively influenced and enriched the lives of numerous professionals, amateurs, students, and audience members throughout the world.
Mr. Benucci has been invited to play as Guest Principal Horn in many prestigious Orchestras such as the Chicago Symphony Orchestra, Berliner Philharmoniker, Staatskapelle Solisten Berlin, Super World Orchestra, Israel Philharmonic, Teatro alla Scala di Milano, World Master Orchestra and ConcertGebouw in Amsterdam.
He still holds the full-time position of Principal Horn in the Maggio Musicale Fiorentino Orchestra since 1995, under the direction of Zubin Mehta.
When he isn’t working in the Orchestra, many of his other projects are done in collaboration with artists and musicians in chamber groups such as the Nuovo Quintetto Italiano, Italian Brass Ensemble, the Brass Dimension Ensemble and he is member of the Italian Wonder Brass.
In addition to his musical work, Mr. Benucci founded and acts as Artistic Director of the Italian Brass Week, an annual International brass Symposium and Festival now in its 18th season, and the World Brass Association in order to provide easily accessible world-class education to students from both Italy and around the globe. He has also established musical organisations and groups such as the Italian Chamber Orchestra, Mimesis Formazione, Maggio Formazione, Sardinia Brass Festival, Santa Fiora in Musica, Note di Viaggio, and Meet the Soloists - a project that brings Principal players and Soloists from the All over the world together for intimate and informal concerts and lectures.
As a highly sought after instructor, Mr. Benucci has held masterclasses in the most acclaimed Universities and Conservatories in the world, including Boston University, Roosevelt University, Juilliard School of Music, Curtis Institute of Music, Boston Conservatory, Indiana University, Puerto Rico Conservatory of Music, Ankara University, Ionian University of Corfu, Maastricht Conservatory, Barcelona Conservatory, Valencia and Madrid Conservatories, Tel-Aviv and Jaffa Universities, Musashino Music College of Tokyo, and the Shanghai and Beijing Conservatory, Singapore University, Manaus University, Puebla (Mexico) and Danzig University.
He has also been invited as a guest soloists and teacher to international Brass Festivals in Japan, Cina, Costa Rica, Spain, USA, Mexico, Brasil, Uruguay, Germany, Austria, Swiss and many others.
In his spare time, Luca is an avid chef and gastronome and loves to spend time with his two sons, Giacomo and Niccolò.

Luca Provenzani

Violoncello - base
Violoncello - triennio

Allievo per quindici anni dell’indimenticabile Franco Rossi, si diploma con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze. Frequenta corsi di perfezionamento con Yo-Yo Ma, Mischa Maisky, Alexander Lonquich, Dario De Rosa, Anner Bijlsma, Mario Brunello ottenendo prestigiosi riconoscimenti (borse di studio all’Accademia Chigiana di Siena, alla Fondazione Romanini di Brescia, al Concorso Vittorio Veneto (ed.1985/1987), alla Scuola di Musica di Fiesole, primi premi ai concorsi di Chieti, Milano, Moncalieri, Genova).
Vincitore della Selezione giovani solisti indetta dall’ORT nel 1994, esegue il Concerto di Saint- Saëns; successivamente viene invitato dall’Akademisches Orchester di Friburgo per il Concerto di Dvořák e viene scelto dalla Rai per rappresentare l’Italia a Lisbona in un concerto da camera radiotrasmesso in diretta in tutta Europa. In veste di solista: esegue nel 2007 il Triplo di Beethoven con Andrea Tacchi, Michele Campanella e l’Orchestra della Toscana e nel 2008 collabora con il violoncellista Giovanni Sollima, sempre con l’ORT. Ancora con l’Orchestra della Toscana -diretta dal Daniele Giorgi- esegue nel 2015 il Concerto di Saint-Saëns , mentre nel 2016 propone un intero programma in veste di concertatore e solista, con musiche di Vivaldi, Sollima, Bruck, Faurè e Piazzolla.
Dal 1994 suona in duo con la pianista Fabiana Barbini. Considerato dalla critica come uno dei gruppi da camera più interessanti, il duo ottiene numerosi riconoscimenti, tra cui il I premio al Concorso ARAM di Roma (1995), al Concorso Cilea di Palmi (1998) e al Concorso di Castelfranco Veneto (1999).
Il duo ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche per la RAI ed ha suonato per prestigiose stagioni concertistiche (Amici della Musica di Firenze, Mestre, Padova, Verona, Bologna Festival, Agimus nazionali, Cidim di Roma, Ravenna Festival, Teatro la Fenice, Circolo Culturale Bellunese, Musikhalle di Amburgo, Accademia Chopin di Varsavia, Conservatorio di Lisbona, Asolo Musica, Rathaus di Lubecca, ecc.).
Come camerista, Luca Provenzani si esibisce spesso in duo con il fagottista Paolo Carlini, ed è membro del Trio Florentia e del Sestetto d’archi di Firenze.
Intensa la sua attività di primo violoncello con importanti orchestre, come l’OSER di Parma, la RAI di Torino e la Symphonica Toscanini. Stabilmente ha ricoperto il ruolo di concertino con obbligo del primo violoncello al Teatro dell’Opera di Roma e -a partire dal 2001- di primo violoncello presso l’Orchestra della Toscana.
L’attività didattica di Provenzani l’ha portato a insegnare presso gli Istituti musicali di Carpi e Siena e i Conservatori “Martini” di Bologna e “Cherubini” di Firenze. Attualmente insegna presso l’Istituto Musicale “Mascagni” di Livorno e presso la Scuola di Musica Le 7 Note di Arezzo, di cui è fondatore.
Provenzani affianca all’attività violoncellistica anche un importante impegno come organizzatore di eventi: Presidente e Direttore Artistico della sezione di Firenze dell’A.Gi.Mus. (Associazione Giovanile Musicale) dal 1997, ha organizzato circa 500 concerti, e cura la stagione dei concerti in ospedale “Careggi in Musica”, nonché l’attività dell’orchestra AgimusArte e del Concorso Internazionale Premio Crescendo.
Nel 2008, per i dieci anni della manifestazione “Careggi in Musica”, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito all’A.Gi.Mus. il Premio di Rappresentanza per “l’alto valore sociale ed artistico dell’iniziativa”. Dal 2005 Provenzani cura l’attività concertistica dell’associazione aretina “Le 7 Note” occupandosi, oltre che della stagione concertistica in ospedale “Musica al San Donato”, anche della direzione didattica della scuola di musica “Le 7 Note”.

Altre info su: www.lucaprovenzani.it

 

Lucia Mazzei

Formazione vocale - base

Laureata con lode in Scienze naturali presso l’Università degli Studi di Firenze, ha studiato canto con Massimo Sardi alla Scuola di Musica di Fiesole e si è perfezionata con Jo Estill, Jill Feldman, James Griffet, Andrew Parrott, Howard Arman, Andrew Lawrence-King.
Ha svolto un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero con l’Insieme Vocale “L’Homme Armé” e altre formazioni e direttori di prestigio, eseguendo un repertorio che va dal Medioevo al ‘900, spesso anche in ruoli solistici. Ha inciso alcuni CD di musica antica (Tactus).
Particolarmente interessata alla didattica del canto, ha frequentato numerosi seminari di aggiornamento, alcuni dei quali tenuti dal Prof. Franco Fussi. Dal 2001 segue un training personale di Tecnica Alexander e dal 2009 un corso individuale di Metodo Feldenkrais.
Dal 1996 al 1998 ha collaborato con Fabio Lombardo come vocalista del Gruppo Polifonico e insegnante di canto della Scuola “F. Coradini” di Arezzo. Dal 1998 al 2004 è stata vocalista del Coro “G. Monaco” di Prato (adulti e voci bianche). Dal 1998 è docente di tecnica vocale presso la Scuola di Musica di Fiesole e dal 2004 è vocalista della Schola Cantorum “F. Landini” della stessa Scuola. Nel 2006, presso il Centro di Ricerca e di Sperimentazione per la Didattica Musicale, ha tenuto il seminario “La voce è un in-canto”, che, negli anni scolastici dal 2006-2007 al 2009-2010, è stato inserito anche nelle offerte formative del Comune di Firenze Le chiavi della città. Nel 2009 e nel 2011, per l’AICI, ha tenuto i corsi di formazione e aggiornamento “Mettere a fuoco la voce dei bambini” e “La vocalità individuale e corale nell’infanzia e nell’adolescenza”. Nel 2011 ha tenuto un corso di tecnica vocale per la Scuola di Improvvisazione poetica di Terranuova Bracciolini.
Dal 2007 collabora con il CNR per progetti di ricerca scientifica sulla voce.
È Socio Fondatore dell’AICI (Associazione Insegnanti di Canto Italiana).

Lucia Nannoni

Propedeutica - Scuola francese

Ritmica e notazione musicale - Nucleo Sorgane

Luigi Fiorentini

Teoria e solfeggio, Ear music

Teoria della musica - triennio

Nasce nel 1954, studia al liceo classico, musicologia al DAMS di Bologna, chitarra classica presso la Scuola di Musica di Fiesole (M° Frosali), armonia e analisi (M° Benvenuti) e didattica della musica presso il conservatorio Cherubini di Firenze. Partecipa come chitarrista e compositore in diverse formazioni di musica jazz e contemporanea, esibendosi in concerti ed incidendo vari album a partire dal 1977. Docente di Teoria/Solfeggio alla Scuola di Musica di Fiesole dal 1978 e di Educazione Musicale nella scuola statale dal 1979. Ha partecipato al primo progetto di educazione musicale assistita dal computer in collaborazione col M° Luciano Berio e il centro Tempo Reale presso la RAI di Firenze. Ha inoltre collaborato nei progetti (IST) WEDELMUSIC (editing musicale) e IMUTUS (musical distance learning).

Luigi Manaresi

Pianoforte complementare  - base
 
Pianoforte - base
 
Pianoforte - triennio
Pratica pianisitica
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità


Coordinatore dipartimento musicologia
 
È nato a Firenze nel 1971. Ha studiato pianoforte presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Tiziano Mealli, diplomandosi con il massimo dei voti ne11993. In seguito si è perfezionato con Piernarciso Masi, con Giovanna Prestia e contemporaneamente ha seguito in duo con Boriana Nakev i corsi di musica da camera del M° Franco Rossi. Ha preso parte ai Corsi Internazionali di Perfezionamento Musicale di Belluno, al Corso Biennale di Perfezionamento Pianistico presso I' Accademia Musicale di Firenze con P.N. Masi. Ha frequentato l'Orchestra Giovanile Italiana dal '94 al '96 e i corsi di musica da camera del Trio di Trieste, M .Jones e A.Nannoni. E' risultato vincitore di borse di studio e premi in concorsi pianistici e  di musica da camera. Ha tenuto numerosi concerti, sia come solista che in formazioni cameristiche, in importanti stagioni concertistiche come l'Estate Fiesolana, Settembre Musica degli Amici della Musica di Firenze, la Stagione Musicale Estiva di Marciana, il Festiva! di Musica Contemporanea a Saarbruchen (Germania) e in altre città come Trento, Firenze, Belluno, Campobasso, Città di Castello, Villafranca, nonché registrazioni radiofoniche su RAI radio 3. E' docente di Pianoforte Complementare presso la Scuola di Musica di Fiesole e collabora regolarmente con l'Orchestra Giovanile Italiana.
 

Luisa Prandina

Ha studiato presso la Civica Scuola di Musica di Milano, diplomandosi non ancora sedicenne con il massimo dei voti.
A dieci anni vince il primo premio assoluto al concorso nazionale “Bellini”, di Como, per giovani strumentisti, ed in seguito diversi concorsi nazionali ed internazionali.
Dal 1986 è stata prima arpa delle Orchestre dei Giovani della Comunità Europea (ECYO), della Radio di Francoforte, della Chamber Orchestra of Europe.
A 23 anni è diventata prima arpa dell’orchestra del Teatro alla Scala, avendo vinto il concorso internazionale per ricoprire tale ruolo.
Svolge un’intensa attività concertistica sia in formazioni cameristiche, con musicisti prestigiosi quali Yuri Bashmet, Dora Schwarzberg, sia, come solista, con famose orchestre quali la Filarmonica della Scala, Solisti Veneti, Virtuosi di Mosca, Mahler Chamber Orchestra.
È ospite solista in sale importanti, quali il Teatro alla Scala di Milano, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Philharmonie di Berlino, Kurhaus di Wiesbaden.

Luna Michele

Educazione alla ritmica - Progetto Piagge

Ritmica - Scuola francese

Lyubov Kuzma

Violino - base

Nata a Kolomya in Ucraina, ha seguito gli studi di violino nella sua nazione perfezionandosi con i migliori maestri ucraini. Successivamente si è dedicata in particolar modo all’attività didattica. Attualmente insegna presso la Scuola di Musica di Fiesole.

Marco Fiorini

Marco Fiorini
Violino - Corso di Perfezionamento

Ha iniziato lo studio del violino con la madre Montserrat Cervera e si è diplomato sotto la guida di Mila Costisella presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma nel 1988 con il massimo dei voti e la lode. Si è successivamente perfezionato in violino con Pavel Vernikov, Zinaida Gilels e Eugenia Chugajeva a Portogruaro e Vienna, in quartetto con Piero Farulli, Raphael Hillier e Sadao Harada.
Da allora è impegnato in un’intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare per importanti Istituzioni quali l’Accademia S. Cecilia e la IUC a Roma, La Filarmonica di S. Pietroburgo, Milanomusica, il Teatro La Fenice, il Teatro S. Carlo e l’Ass. Scarlatti a Napoli, e a collaborazioni cameristiche con musicisti di fama quali Myung-Wung Chung, Alexander Lonquich, Michele Campanella, David Geringas, Mario Brunello, Boris Petruschansky, Antony Pay e Veronica Hagen.
Primo violino solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia dal 1996 al 2006, ha suonato con illustri direttori ( Chung, Maazel, Pretre, Sawallisch, Temirkanov, Tate, Dutoit, Fruhbeck de Burgos), ha effettuato numerose tournées in Europa, Giappone, Corea e Cina, ha interpretato i più noti “a solo” di Strauss, Bach, Beethoven, Tschaikowsky e Rimsky-Korsakov ed ha inciso per Deutsche Gramophone, Musicom ed EMI.
Sempre in tale ruolo ha collaborato tra le altre con l’Orchestra della Scala di Milano, la Symphonica Toscanini, l’Orchestra da Camera di Losanna e l’Orchestra Sinfonica di Roma.
Su invito di Dmitri Sitkovetsky ha collaborato come spalla con i New European Strings, una compagine selezionata che riunisce alcune fra le migliori prime parti d’Europa.
Appassionato camerista, nel 1995 ha fondato il Quartetto di Roma che, subito premiato al XV Concorso Internazionale di Trapani, svolge un’intensa attività concertistica in Italia, Spagna, Olanda, Norvegia, Turchia, Egitto, Estremo Oriente e soprattutto in Germania dove, ospite regolare dal 1999, è sempre accolto con entusiasmo da pubblico e critica. Di rilievo i recenti recitals tenuti alla Filarmonica di Berlino ed al Palazzo Reale di Madrid (quest’ultimo sugli Stradivari della collezione reale) con i quali il Quartetto ha celebrato i 15 anni di attività. Particolarmente apprezzati dalla critica sia tedesca che italiana le registrazioni dei quintetti per clarinetto ed archi di Reger e Marteau (Naxos) e Mozart e Brahms (Bottega Discantica), come anche l’integrale per quartetto di Verdi e Puccini (Bottega Discantica); di recente pubblicazione un CD dedicato a Mendelssohn (op.13 e op.81) per Bottega Discantica. E’ stato ospite dei Festivals di Spoleto, Orlando (Olanda), Neuschwanstein e Augsburg (Germania).
Come primo violino del Quartetto Prometeo Marco Fiorini ha suonato in Inghilterra, Svizzera, Germania, Spagna ed Armenia ed ai Festivals di Ravenna e Ravello.
Ha inoltre registrato per RAI, Radio Nacional de Espana, Catalunya Radio, Ermitage, Frequenz e Musikstrasse, RadioSvizzeraItaliana, Bayerischer Rundfunk.
Tra i suoi impegni solistici da notare la sua presenza al Festival Casals in Spagna e le recenti interpretazioni del concerto di Beethoven al Parco della Musica di Roma e del Concerto Gregoriano di Respighi con l’Orchestra Sinfonica di Roma.
Tiene corsi di perfezionamento e masterclasses di violino, musica da camera ed orchestra, anche in veste di direttore, sia in Italia che all’estero  e cura la rubrica sulla tecnica strumentale per la rivista specializzata Archi Magazine. Da Novembre 2014 è docente ai Corsi di Perfezionamento di violino presso la Scuola di Musica di Fiesole.

 

Marco Fiorini started to study the violin with his mother Montserrat Cervera and he obtained his diploma under Mila Costisella’s tutoring at the Conservatory of S. Cecilia in Rome in 1988, with full marks and a note of distinction. He then specialised in violin with Pavel Vernikov, Zinaida Gilels and Eugenia Chugajeva in Portogruaro and in Wien, as part of a quartet with Piero Farulli, Raphael Hillier and Sadao Harada.

Ever since he has been committed to an intense concert activity, that brought him to playing for important Institutions such as S. Cecilia Academy and IUC in Rome, the Philharmonic Hall of St. Petersburg, Milanomusica, La Fenice Theatre, S. Carlo Theatre and Scarlatti Association Scarlatti in Naples, and to chamber cooperation activities with renowned musicians such as Myung-Wung Chung, Alexander Lonquich, Michele Campanella, David Geringas, Mario Brunello, Boris Petruschansky, Antony Pay and Veronica Hagen.

Acting as concertmaster of S. Cecilia National Academy Orchestra from 1996 to 2014, Marco has played with eminent conductors (Chung, Maazel, Pretre, Sawallisch, Temirkanov, Tate, Dutoit, Fruhbeck de Burgos, Pappano and Masur), has performed numerous tours in Europe, Japan, Korea and China, has interpreted the most famous “solos” by Strauss, Bach, Beethoven, Tschaikowsky and Rimsky-Korsakov and has recorded for Deutsche Gramophone, Musicom and EMI.
With the same role he has cooperated with the Scala Orchestra in Milan, the Toscanini Symphonica, the Chamber Orchestra in Lausanne and the Symphonic Orchestra in Rome.
On Dmitri Sitkovetsky’s invitation, he has cooperated as concertmaster with the New European Strings, a selected group gathering some of the best first chairs in Europe.
A fervent chamber musician, in 1995 he founded the Rome Quartet, which immediately won a prize at the XV International Competition in Trapani; he performs intense concert activity in Italy, Spain, Holland, Norway, Turkey, Algeria, Egypt, the Far East and above all in Germany, where he has been a regular guest since 1999, and where last February the Rome Quartet celebrated its 15 years of activity with a most appreciated recital at the Philharmonic Hall in Berlin. Particularly appreciated by both the Italian and German critics is the CD recorded by Bottega Discantica, with the quintets for clarinets and strings by Mozart and Brahms; the Reger and Marteau’s quintets have been most recently recorded (Naxos), as well as the complete piece for quartets by Verdi and Puccini, the quartets op. 13 and op. 81 by Mendelssohn (Bottega Discantica). He was host in various Festivals: Spoleto, Orlando (Holland), Neuschwanstein (Germany). Marco Fiorini has played with the Prometeo Quartet in England, Switzerland, Germany, Spain and Armenia, as well as at the Festivals of Ravenna and Ravello, in Italy.
With the Raffaello Trio he has recently published a CD with music by Dvorak and Smetana (Bottega Discantica).
He has also recorded music for RAI, Radio Nacional de Espana, Catalunya Radio, Ermitage, Frequenz and Musikstrasse, RadioSvizzeraItaliana, Bayerischer Rundfunk.
Amongst his solo commitments it is worth noticing his presence at the Festival Casals in Spain and his recent interpretations of the Beethoven Concerto at the Parco della Musica in Rome, and of the Concerto Gregoriano by Respighi with the Symphony Orchestra of Rome.
As a violin teacher at the State Conservatory in Italy, Marco Fiorini holds violin specialisation courses and master classes, chamber music and orchestra courses, also in the capacity of conductor, both in Italy and abroad (Spain, Singapore), and he is in charge of the instrument technique section of the specialised periodical “Archi Magazine” (Strings Magazine).

Marco Scicli

Orchestra Crescendo

Viola/violino progetto Piagge

Violino Musique Ensemble - Scuola francese

Maria Grazia Cantelli

Pianoforte - base

Coordinatore dipartimento tastiere e percussioni

Ha iniziato lo studio del pianoforte col Maestro Paolo Renosto diplomandosi all’Istituto L. Boccherini di Lucca con la Prof.ssa R. Bottai, dopo il diploma ha seguito un corso di Perfezionamento col Maestro G. Sacchetti.
In seguito si è dedicata allo studio del clavicembalo sotto la guida della Prof.ssa A.M. Pernafelli diplomandosi al Conservatorio L. Cherubini di Firenze, dove ha studiato composizione e musica corale.
Ha seguito corsi e seminari sia sulla musica antica che contemporanea con eminenti musicisti, trai i quali G. Leonhardt e M. De Robertis, negli anni 1982-83 ha frequentato il corso speciale di clavicembalo tenuto dal Maestro Chorzempa presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Dal 1972 al 2006 ha insegnato presso l’Istituto P. Mascagni di Livorno.
Nel 1975 fu chiamata dal Maestro P. Farulli a collaborare come insegnante di pianoforte alla nascente Scuola di Musica di Fiesole, diventando uno dei soci fondatori.
Dal 1980 è coordinatore del dipartimento tastiere.
Svolge attività concertistica sia in duo pianistico che come clavicembalista, in tale veste ha collaborato per anni con l’orchestra e il coro della Scuola, facendo tournée in Italia e all’estero.

Mariana Sirbu

Mariana Sirbu, nata a Iasi, in Romania, in una famiglia di tradizioni musicali, ha compiuto i suoi studi all'Accademia di Musica di Bucarest nella classe di violino di Stefan Gheorghiu.
Ha iniziato giovanissima la carriera concertistica ottenendo numerosi premi internazionali, quali “G. Enescu” (Romania), “C. Flesch” (Londra), “M. Canals” (Barcellona), “V. Gui” (Firenze) ed ha suonato come solista nelle piú importanti sale di concerto di tutto il mondo: Berlin Philharmonie, Opera House-Sydney, Musikverein-Vienna, Concertgebow-Amsterdam, Teatro Colon-Buenos Aires, Carnegie Hall and Lincoln Center-New York, Teatro La Scala-Milano, Suntory Hall-Tokyo, etc.
Nel 1968 è stata fondatrice e leader del “Quartetto Academica” vincitore di prestigiosi premi nei concorsi internazionali di Liegi (1972), München (1973), Ginevra (1974), Belgrado (1975) con il quale ha svolto un`intensa attivita di concerti e di registrazioni Radio,Tv.e dischi in Europa, USA, Canada, etc.
Nel 1985 entra a far parte del Trio di Milano con il pianista Bruno Canino ed il violoncellista Rocco Filippini, con il quale ha partecipato a numerose tournées in Europa, USA, Canada e Australia.
Tra il 1992 e il 2003 é stata Leader e solista de “I Musici”, gruppo con il quale ha suonato in tutto il mondo ed ha registrato numerosi CD per Philips.
Dal 1994 è anche membro fondatore e primo violino del “Quartetto Stradivari”. Sin dal suo debuto il Quartetto Stradivari ha riscontrando un caloroso successo di pubblico e di critica ed é stato invitato ad esibirsi per numerose Società di Concerti e Festivals Internazionali in vari paesi europei, in Giappone, Cina, Tailandia, negli USA ed in Sud America.
Invitata regolarmente ad alcuni dei piú importanti Festival Musicali Internazionali, Mariana Sirbu ha collaborato con alcuni dei piú noti musicisti contemporanei quali: Salvatore Accardo, Bruno Giuranna, Richard Stoltzman, Antony Pay, Boris Pergamenschikow, Franco Petracchi, Menachem Pressler, Alain Meunier, Cristian Ivaldi, Michele Campanella, Peter Lukas Graf, Peter Schidlof, Reiner Kussmaul, Christoph Henkel, Franco Gulli, Klaus Kangiesser, Leonida Kavakos, Michel Portal, etc.
È stata invitata di far parte di varie giurie di Concorsi Musicali Internazionali: Cremona Concorso Internazionale Trienale di Liuteria-1979, Concorso “Vittorio Gui” di Firenze 1991, 2000 e 2006, Concorso “Lorenzi”(per Musica da Camera) di Trieste 1992, al Concorso Internazionale per Quartetti d'archi d'Evian-Francia 1990 ed al Concorso Internazionale per Quartetti d'archi di Bordeaux 2001, Concorso Internazionale "G. Enescu" di Bucarest 2003 e 2005, Concorso Internazionale per Quartetti d’archi di Banff-Canada, etc.
Ha insegnato all’Accademia di Musica di Bucarest, alla Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, all`Accademia Europea di Musica di Erba-Como, alla Scuola di Musica di Fiesole al Campus Musicale Internazionale di Latina-Sermoneta e ha tenuto masterclass in Italia, Olanda, Cina, Francia, Irlanda, Giappone, Germania, Canada, Taiwan, Spagna, Svizzera.
Dal 2002 è titolare della cattedra di violino alla Hochschule für Musik und Theater “Felix Mendelssohn Bartholdy” di Leipzig ed è Guest Professor alla University of Limerick-Irlanda.
Ha registrato per numerosissime Radio-Televisioni in tutto il mondo ed ha inciso per le case discografiche Philips, Dynamic, Schwann - Harmonia Mundi, UNICEF e Decca: l’integrale delle Sonate di Beethoven per la TV Irlandese ed Israeliana, l’opera completa di musica da camera di C. Franck, le tre Sonate di G. Enesco, i sei Quintetti con due Viole di Mozart, i 12 Concerti per Violino e Orchestra con i relativi Capricci – “L`Arte del Violino” di Locatelli, i Dodici Concerti per Violino e Orchestra del ciclo “Il Cimento dell'Armonia e dell'Invenzione” e i “Concerti per Anna Maria” di Vivaldi, i Trii con Pianoforte di Mendelssohn e Schubert il Triplo Concerto di Beethoven con la Zürcher Kammerorchester diretta da Howard Griffiths con il Trio di Milano, etc.

Marianne Chen

Marianne Chen

Inizia lo studio del violoncello al Juilliard Pre-College sotto la guida di Toby Saks, Michael Rudiakov, Channing Robbins e Jerome Carrington. Continua i suoi studi al Juilliard School sotto la guida di Lorne Munroe, ottenendo “Bachelor's Degree” e ricevendo anche il premio “Mu Phi Epsilon”. Si perfeziona sotto la guida del Maestro Antonio Janigro alla Musikhochschule di Stoccarda e al Mozarteum di Salisburgo. Per molti anni studia Musica da Camera con Robert Mann (Juilliard Quartet), con Alexander e Mischa Schneider (Budapest Quartet) e Felix Galimir. Studia anche all’Accademia Chigiana di Siena dove ottiene il Diploma di Merito. Marianne Chen si è esibita nelle maggiori sale da concerto e Festival negli Stati Uniti, Europa e Asia. Ha registrato per Dynamic, Tactus e New Age, RAI e reti televisive, che includevano prime assolute di musica contemporanea. Marianne tiene regolarmente master classes in Europa e Stati Uniti. Molti dei suoi studenti hanno vinto premi in concorsi sia nazionali che internazionali. È stata ospite come Maestro di violoncello al Garden State Music Festival – New Jersey, Zephry Chamber Music Festival, al The Gustav Mahler Academy a Bolzano, alla Scuola di Musica a Fiesole, Juilliard School, in Grecia e Slovenia. Marianne viene spesso invitata come membro di giurie in concorsi come il Vittorio Gui “International Chamber Music”, “International Chamber Music Competition” a Pinerolo, Premio “Trio Trieste” e Arturo Toscanini International Conducting Competition.
Marianne Chen è docente di violoncello all’Istituto Superiore di Musica a Modena.

 

Began studying cello at the Juilliard Pre-College under the guidance of Toby Saks, Michael Rudiakov, Channing Robbins and Jerome Carrington,she  continued her studies at the Juilliard School under the leadership of Lorne Munroe , obtaining her Bachelor's Degree and also receiving the "Mu Phi Epsilon"Prize. She furthered her studies under Maestro Antonio Janigro at the Musikhochschule in Stuttgart and the Mozarteum in Salzburg. For years she studied Chamber music with Robert Mann (Juilliard Quartet), with Alexander and Mischa Schneider (Budapest Quartet), and Felix Galimir,She also studied at the Chigiana Academy of Siena, where she obtained the Diploma of Merit. Marianne Chen has performed in major concert halls and festivals in the United States, Europe and Asia. She has recorded for Dynamic,Tactus and the New Age, and for the RAI and other networks, including premiere performances in contemporary music. Marianne regularly holds master classes in Europe and the United States. Many of her students have won prizes in national and international competitions.
She was guest professor of cello at Garden State Music Festival - New Jersey, Zephry Chamber Music Festival, The Gustav Mahler Academy in Bolzano, School of Music in Fiesole, Juilliard School and in Greece, Slovenia. Marianne is often invited to be part of juries,such as VIttorio Gui "International chamber music", "international chamber Music competiton" in Pinerolo,Premio "Trio di Trieste",and the Arturo Toscanini International Conducting Competition. She is Professor of cello at the Istituto Superiore of Music in Modena.

Mario Barsotti

Mario Barsotti
Basso Tuba

 

Ha iniziato lo studio del basso-tuba presso l’Istituto Musicale di Aosta ed in seguito si è diplomato al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Ha partecipato agli studi di perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida dei maestri R. Bobo e V. Globokar e ha ricoperto il ruolo di basso-tuba presso l’Orchestra Giovanile Italiana. Ha vinto la borsa di studio per frequentare la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo con i docenti D. Glidden e R. Tucci.
È stato ammesso nella classe di Virtuosité presso il Conservatorio di Losanna (Svizzera) sotto la guida del Maestro R. Bobo dove ha ottenuto “Le Premier Prix de Virtuosité avec félicitations” si perfeziona in seguito anche con i maestri R. Martin e G. Pokorny.
Vincitore di varie audizioni, ha collaborato nelle maggiori Istituzioni lirico-sinfoniche d’Italia sotto la direzione dei maestri C. Abbado, Z. Mehta, R. Muti, C.M. Giulini, S. Ozawa, G. Sinopoli, L. Maazel, G. Prètre, S. Bychkov. È vincitore di concorsi per il posto di basso-tuba presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino di Firenze (direttore principale Z. Mehta), ruolo che tutt’ora ricopre. All’esperienza concertistica maturata in questi anni attraverso tournée in Italia, in Europa, America e Asia, unisce l’attività didattica tenendo diverse masterclass.

Martina Chiarugi

Viola - base

Orchestra Crescendo

Viola - Progetto Piagge

Ha iniziato a studiare Violino a otto anni presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Nel 1995 ha intrapreso lo studio della Viola con il M° Antonello Farulli e nello stesso anno è entrata a far parte dell’Orchestra Giovanile Italiana, con cui ha viaggiato in Italia e all’estero sotto la guida dei direttori Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Gyorgy Gyjorivany Rath. Dopo il diploma in Viola ha preso parte a Masterclasses e Corsi di Perfezionamento del proprio strumento tenute dai Maestri Antonello Farulli, Jodi Levitz ed Augusto Vismara. Da subito ha svolto intensa attività concertistica in quartetto ed altre formazioni cameristiche privilegiando il repertorio barocco e contemporaneo.
Ha collaborato come Viola di Fila con l’Orchestra del Teatro G. Verdi di Trieste, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana” l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra del Teatro Regio di Parma. Nel 1999 ha frequentato un corso di didattica per l’insegnamento del violino con Dorotea Vismara presso il Centro Studi Musica e Arte di Firenze e presso detto Istituto ha tenuto corsi di violino ed ha collaborato alle lezioni orchestrali dal 2001 al 2005. Dal 2001 al 2004 ha insegnato Violino e Alfabetizzazione musicale presso la scuola elementare G. Matteotti di Firenze. Dal 2006 è docente del corso di Viola presso la Scuola di Musica di Fiesole e dal 2008 è docente collaboratore della sig.ra Brigitte Mancini alle lezioni orchestrali del gruppo Crescendo, formato da giovanissimi allievi fiesolani, bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 14 anni. Collabora inoltre col M° S. Zagara alle lezioni orchestrali e come insegnante di Violino e Viola della Piccola Orchestra La Fonte di Cercina e del Gruppo-Orchestra dell’associazione Astrolabio costituiti da bambini, ragazzi ed adulti portatori di handicap. Dopo aver conseguito il diploma di maturità Classica nel 2002 si è laureata col massimo dei voti con una tesi in Storia della Musica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Firenze.

Matelda Cappelletti

Arte scenica e dizione - triennio

Nata a Firenze, vissuta in California e laureata con lode in lingua e letteratura inglese, si è formata come assistente alla regia a Fiesole, partecipando a tutte le produzioni del "Progetto Mozart-Da Ponte" con Claudio Desderi, presso la Scuola di Musica, prima nel coro e, in seguito, come assistente di Andrea Di Bari, nel Don Giovanni, e di Roberto Guicciardini, nelle riprese delle Nozze di Figaro e del Così fan tutte.
Responsabile per sei anni dell’ufficio di regia del Teatro Verdi di Pisa, dal 1996 inizia l’attività di regista con una fortunata messa in scena de La Serva Padrona di Pergolesi, che viene replicata per un anno in moltissimi teatri italiani, subito seguita da Il Telefono di Menotti, dal Trittico Mozart–Da Ponte, da Falstaff, Rigoletto e La Traviata di Verdi e da molti altri titoli di opere del grande repertorio. Si è dedicata anche a numerose opere e operine meno note o contemporanee, sia in Italia che all’estero, dove ha lavorato per importanti Teatri e Festival internazionali (Teatro de la Maestranza, Siviglia; Teatre Principal, Palma de Mallorca; Teatro La Catòlica, Granada; Aldeburgh Music e Glyndebourne Festival in UK etc.).

Clamoroso il successo di pubblico, di stampa e della televisione (Prima della Prima Rai Sat) delle sue cinque farse in un atto di Rossini, dirette da Claudio Desderi e rappresentate prima in numerosi teatri italiani e poi  all’Opéra Comique di Parigi.

Per la Scuola di Musica di Fiesole alla quale è legata dall'affetto e dalla gratitudine di chi lì è cresciuto, umanamente e professionalmente, ha curato la regia di numerose operine in un atto, allestite presso il Teatro Puccini di Firenze nell'ambito di un progetto di formazione per giovani musicisti, con l'Orchestra dei Ragazzi; sempre in collaborazione con la Scuola di Musica ha messo in scena la serata dedicata a Monteverdi al Teatro Romano di Fiesole per il Festival dell'Estate Fiesolana 2014 e La Voix Humaine di Poulenc/Cocteau all'Auditorium Sinopoli.
Dal 2015, oltre a insegnare dizione e fonetica inglese per il canto, tiene un corso di Introduzione alla Regia del Teatro Musicale.

 

Matteo Fossi

Musica da camera con pianoforte - base

Musica da camera con pianoforte - triennio
Prassi esecutive e repertorio - duo pianistico

 

Coordinatore dipartimento musica d'insieme


Fiorentino, ha studiato fin da piccolissimo pianoforte e musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole, diplomandosi al Conservatorio di Ferrara con il massimo dei voti. Tra i suoi principali maestri, Tiziano Mealli, Piero Farulli, Maria Tipo, Pier Narciso Masi; dopo il diploma ha frequentato masterclass con Alexander Lonquich, il Trio di Milano, Mstsislav Rostropovich, Maurizio Pollini (all’Accademia Chigiana di Siena). Molto attivo come concertista fin da giovanissimo, è ormai considerato uno dei principali cameristi italiani: da sempre suona in duo con la violinista Lorenza Borrani (con cui si è distinto nei più importanti concorsi internazionali e, nel 2005, si è diplomato all’Accademia di Imola con il Master “come migliore formazione in assoluto dell’ultimo decennio”), nel 1995 ha fondato il Quartetto Klimt, uno dei gruppi cameristici italiani più attivi, e da qualche anno suona in duo pianistico con Marco Gaggini, con cui ha intrapreso la prima registrazione mondiale integrale delle opere per due pianoforti di Brahms e Bartók. Con queste formazioni, e come solista, Fossi si è esibito in tutte le principali stagioni italiane e, all’estero, in importanti teatri e festival in Germania, Francia, Inghilterra, Spagna, Belgio, Polonia, Svizzera, Stati Uniti, Brasile, Corea del Sud. Collabora costantemente con artisti di rilievo internazionale quali Antony Pay, Mario Ancillotti, Andrea Nannoni, Alexander Ivashkin, Cristiano Rossi, Marco Rogliano, Paolo Carlini, Hansgeorg Schmeiser, Leonardo De Lisi, Othmar Müller, Petra Magoni, Luca Benucci, Moni Ovadia, Milena Vukotic, Mario Caroli, Sonia Bergamasco, Suzanne Linke, il Quartetto di Cremona, il Quartetto Savinio.
Ha un’intensissima attività discografica, per case quali Decca, Universal, Hortus, Brilliant, Nimbus, Tactus, Amadeus, Unicef, Fenice Diffusione Musicale.
Molto attivo anche come didatta e organizzatore, insegna pianoforte principale presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Giacomo Puccini” di Gallarate e musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole, ed è direttore artistico dell’Associazione “Nuovi Eventi Musicali”, con cui ha portato a Firenze artisti quali Rostropovich, Mauricio Kagel, Sofia Gubaidulina, Krzysztof Penderecki, il Kronos Quartet.

Miguel da Silva

Corsi di Perfezionamento -  Accademia europea del quartetto (corso annuale)

Musicista franco-svizzero, Miguel da Silva è nato a Reims nel 1961. Ha iniziato gli studi al Conservatorio della sua città natale prima di trasferirsi a Parigi, dove ha studiato al Conservatoire National Supérieur de Musique con Serge Collot. Ha ricevuto il primo premio in musica da camera e in viola (con voto unanime della giuria).
Nel 1985 ha vinto il Primo Premio al Concorso internazionale di musica da camera di Parigi. La sua passione per il quartetto d’archi lo ha portato a fondare il Quartetto Ysaÿe con tre suoi amici. Il Quartetto Ysaÿe ha poi studiato con l’Amadeus String Quartet. Dopo aver vinto il Primo Premio ad Evian, il Quartetto ha iniziato una carriera internazionale che lo ha portato in tutto il mondo, dal Giappone all’America.
Negli ultimi anni, sia con il quartetto sia in veste di solista, ha suonato alla Wigmore Hall di Londra e nelle più famose sale da concerto ed ha effettuato tournée in Belgio, USA, Giappone e Italia.
Miguel da Silva ha suonato da solista con la Paris Chamber Orchestra, la Polish Chamber Orchestra, l’Orchestre d’Auvergne, la Franz-Liszt Orchestra di Budapest, l’Orchestre de Bretagne, e l’Orchestre Les Siecles. Molto ricercato come musicista da camera, ha suonato con Michel Portal, Jean-Claude Pennetier, Paul Meyer, Leonidas Kavakos, Pierre Amoyal, Augustin Dumay, Nikita Boriso-Glebksy, Antonio Meneses, Jean-François Heisser, Truls Mork, Henri Demarquette, Gary Hoffmann, Emmanuel Pahud, Christophe Coin…
Parallelamente ai cd incisi con il Quartetto Ysaÿe, Miguel da Silva ha registrato con etichette come Accord, Valois-Auvidis, Philips, Harmonia Mundi etc… Ha anche fondato una propria etichetta, la Ysaÿe Records e, nell’ambito di un accordo con l’etichetta Nascor, offre ai giovani musicisti l’opportunità di effettuare la loro prima registrazione.
Nel 1994 ha iniziato a tenere una classe di quartetto d’archi (la prima in Francia!) e da allora ha insegnato ad una intera nuova generazione di quartetti e gruppi di musica da camera francesi ed europei al Conservatoire National de Région di Parigi. Nel 2008 è stato nominato professore alla Musikhochschule di Lubecca (Germania), dove ha preso il posto di Walter Levine; insegna alla European Chamber Music Academy (ECMA) e alla Vienna Music University’s Summer Academy (ISA). Nel 2009 ha iniziato ad insegnare viola e musica da camera alla Haute Ecole de Musique di Ginevra (Svizzera) ed è divenuto direttore artistico dell’Accademia Musicale di Villecroze (Francia). È stato appena nominato Maestro in residenza della Queen Elizabeth Music Chapel in Belgio, dove si unirà con musicisti come Jose Van Dam (baritono), Augustin Dumay (violino), Maria Joao Pires (pianoforte), e Gary Hoffman (violoncello).
Miguel da Silva suona una viola Nicola Bergonzi (Cremona, 1796).


Franco-Swiss musician, Miguel da Silva was born in Reims in 1961. He started studying at the Conservatoire of his native city before moving to Paris where he was a student at the Conservatoire National Supérieur de Musique with Serge Collot.
He was awarded first prize in chamber music and also for viola (unanimously with special vote by the jury).
In 1985 he won the first Prize of the International chamber music competition in Paris.
His passion for string quartet led him to found the Ysaÿe Quartet with 3 of his friends. The Ysaÿe Quartet has then studied with the Amadeus String Quartet. After winning the first prizes in Evian, the members of the Ysaÿe Quartet soon started an international career that led them throughout the world, from Japan to America.
In the past few years, engagements either as a solo player or with his quartet have led him to the Wigmore Hall in London and most of the greatest concert halls in Europe and he has toured in Belgium, USA, Japan and Italy.
Miguel da Silva has appeared as a soloist with the Paris Chamber Orchestra, the Polish Chamber Orchestra, the Orchestre d’Auvergne, the Franz-Liszt orchestra of Budapest, the Orchestra de Bretagne, and the Orchestre “Les Siecles”. As a very sought for chamber music player, his partners are Michel Portal, Jean-Claude Pennetier, Paul Meyer, Leonidas Kavakos, Pierre Amoyal, Augustin Dumay, Nikita Boriso-Glebksy, Antonio Meneses, Jean-François Heisser, Truls Mork, Henri Demarquette, Gary Hoffmann, Emmanuel Pahud, Christophe Coin…
Parallelly to his Cds with the Ysaÿe Quartet, Miguel da Silva has recorded under the labels Accord, Valois-Auvidis, Philips, Harmonia Mundi etc… He also founded his own record company : Ysaÿe Records, and under the label Nascor, offers young musicians the opportunity to make their very first recording.
In 1994, he started a class of string quartets (premiere in France!) and has since then been teaching a whole new generation of french and european quartets and chamber music groups at the Conservatoire National de Région in Paris. In 2008, he was appointed as a professor in Luebeck’s Musikhochschule (Germany) where he took over Walter Levine’s position, as a tutor at the European Chamber Music Academy (ECMA) and for Vienna Music University’s Summer Academy (ISA). In 2009, he joined Geneva’s Haute Ecole de Musique (Switzerland) as a viola and chamber music teacher, and became the artistic director of Villecroze’ Académie musicale (France)
He has just been appointed Master in Residence at the Queen Elizabeth Music Chapel in Belgium, where he will join Jose Van Dam (barytone), Augustin Dumay (violin), Maria Joao Pires (piano), and Gary Hoffman (cello).
Miguel da Silva plays a viola by Nicola Bergonzi (Cremona, 1796).

Natalia Gutman

Natalia Gutman
Violoncello - Corsi di Perfezionamento

Violoncellista russa, ha iniziato la sua prima formazione musicale con suo nonno A. Berlin e con G. Kozolupova, si è poi perfezionata con M. Rostropovich. Dall’età di 14 anni è stata profondamente influenzata dal grande pianista S. Richter con il quale successivamente ha formato un duo. Dal 1970 ha formato una straordinaria partenership musicale con suo marito, il violinista O. Kagan. Nel 1961 la vittoria del Premio Dvorak di Praga l’ha lanciata nella sua carriera internazionale e il successivo anno si è classificata terza al Premio Čajkovskij. Nel 1967 vince il Concorso ARD in due con il pianista A. Nasedkin. Poco dopo il suo sensazionale debutto negli Stati Uniti con L. Stokowski a Filadelfia, la sua carriera internazionale è stata bruscamente interrotta per otto anni quando le autorità sovietica le hanno proibito di suonare e di viaggiare fuori dall’Unione Sovietica. Dal 1979, quando ha potuto ricominciare a viaggiare, si è esibita regolarmente con prestigiose orchestre come come i Wiener, i Berliner, la London Symphony, le Filarmoniche di Monaco e San Pietroburgo, l’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam e molte altre. Le sue partecipazioni a Festival includono il Salzburg Summer Festival, il Berliner e il Wiener Festwochen. W. Sawallisch, R. Muti, C. Abbado, B. Haitink, Y. Svetlanov, Y. Temirkanov, S. Celibidache, M. Rostropovich e K. Masur sono tra i tanti direttori che prediligono N. Gutman. Un altro grande interesse di N. Gutman è la musica da camera e suoi partner musicali abituali sono e sono stati S. Richter, O. Kagan, E. Virsaladze, Y. Bashmet, A. Lubimov, V. Tretjakov. È stata spesso interprete di prime assolute; A. Schnittke le ha dedicato una sonata e il suo primo Concerto per violoncello. Ha eseguito le sei suite per violoncello di Bach a Mosca, Berlino, Monaco, Madrid, Barcellona e altri luoghi. Ha inciso per RCA/BMG-Ariola, EMI. Ultimamente N. Gutman incide di frequente per Life Classics, una piccola compagnia dedicata principalmente al gruppo di musicisti associati a Oleg Kagan. Si dedica ai giovani musicisti e tiene masterclass in tutto il mondo, è stata per molti anni insegnante alla Musikhochschule di Stoccarda e insegna ancora a Mosca, dove ha insegnato dall’età di 24 anni. Ogni anno all’inizio di Luglio, Natalia Gutman invita artisti di fama internazionale all’International Musikfest a Tegernsee sulle Alpi bavaresi, un festival di musica da camera che ha fondato nel 1990 con Oleg Kagan. Il festival alla sua XXI edizione, è stato dedicato a Kagan dopo la sua prematura scomparsa ed un festival simile che porta il nome di Kagan si tiene ogni novembre a Mosca.

 

Russian cellist Natalia Gutman received her early musical training from her grandfather Anisim Berlin and from Galina Kozolupova, and went on to complete her post-graduate studies with Mstislav Rostropovich. From the age of 14 she became strongly influenced by the great pianist Sviatoslav Richter who was later to become her regular chamber music partner. From 1970 she enjoyed an extraordinary musical partnership with her husband, violinist Oleg Kagan. Gutman’s career was launched when she won first prize in the Dvorak competition in Prague in 1961. The following year she received Third prize at the Tchaikovsky Competition. In 1967 she won the Munich ARD Competition in duo with pianist Alexei Nasedkin. Shortly after a sensational USA debut with Leopold Stokowski in Philadelphia, her international career was rudely interrupted for eight years when the Soviet authorities forbade her to play or travel outside the Soviet Union. But from 1979 when she was able to resume travelling Natalia Gutman performs regularly with such prestigious orchestras as the Vienna and Berlin Philharmonic, London Symphony Orchestra, the Munich and St. Petersburg Philharmonic, the Concertgebouw Orchestra, Amsterdam amongst others. Festival appearances include the Salzburg SummerFestival and the Berliner and Wiener Festwochen. She has appeared with such renowned conductors as W. Sawallisch, R. Muti, C. Abbado, B. Haitink, Y. Svetlanov, Y. Temirkanov, S. Celibidache, M. Rostropovich and K. Masur. A dedicated chamber music player, Natalia Gutman’s illustrious musical partners include S.Richter, O. Kagan, E. Virsaladze, Y. Bashmet, A. Lubimov, V. Tretjakov to name a few. Amongst the many new works she has premiered are Alfred Schnittke’s sonata n. 1 and Cello Concerto n. 1 (both of which were dedicated to her). Another of Natalia Gutman’s outstanding achievements are her performances of the cycle of complete Bach solo suites, which she has presented in such cities as Moscow, Berlin, Munich,Madrid, Barcelona, Milan, and Reggio Emilia. Natalia Gutman has recorded for RCA/BMG-Ariola, EMI, while in recent years she frequently records for Life Classics, a company created to publish and record live performances associated with Oleg Kagan and the musicians that were close to him. A dedicated teacher, Natalia Gutman not only holds frequent masterclasses all over the world, but for many years held the position of professor of cello at the Musikhochschule of Stuttgart. She is currently professor at the Moscow Conservatory, where she has taught since the age of 24. Each year at the beginning of July, Natalia Gutman invites internationally renowned artists to the International Musikfest am Tegernsee in the Bavarian Alps, a chamber music festival that she founded in 1990 with Oleg Kagan. The festival, currently in its 21st year, was dedicated to Kagan following his premature death. A similar festival bearing Kagan’s name is held every November in Moscow.

Nico Gori


Nico Gori
Clarinetto, Saxofono e Ance jazz - workshop


Nico Gori (Clarinettista, Saxofonista, Arrangiatore, Compositore), nato a Firenze il 13 settembre 1975, ha cominciato lo studio del clarinetto all’età di 6 anni e quello di sassofono e pianoforte all’età di 10. Inizia molto giovane ad esibirsi grazie a collaborazioni in ambito jazz, classico e della musica pop. Ha suonato e inciso, fra gli altri, con Tom Harrell, Fred Hersch, Stefano Bollani e la Vienna Art Orchestra. Ha all’attivo sette album come band leader e più di cento come side man.
"He has one of the greatest clarinet sounds in jazz and is a fearless improviser." Fred Hersch (pianista) "Nico Gori is the best jazz clarinetist in the world. He has more than the others (Daniels, de Franco, Goodman, Wichman) in his fantastic imagination and variety in his playing." Svend Assmussen (violinista).

Nicola Mazzanti

Nicola Mazzanti è dal 1988 ottavino solista dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino.
Svolge un’intensa attività come solista e in gruppi di musica da camera sia col flauto che con il piccolo, in Italia e all’estero. Molti compositori hanno scritto per lui brani per ottavino e pianoforte o concerti con orchestra. Il suo nome è legato a numerose prime assolute eseguite. Come solista, ha suonato con orchestre come i Pomeriggi Musicali di Milano, la Malta Philharmonic Orchestra,  l’Orchestra Sinfonica di Firenze e l’Orchestra Akronos di Prato.
Convinto sostenitore dell’ottavino come espressiva voce solista, è stato invitato al primo International Piccolo Symposium in Omaha, Nebraska (USA) nel 2007, alla International Convention della British Flute Society nel 2006, alla Convention della National Flute Association in San Diego, California, nel 2005, in New York nel 2009, a New Orleans nel 2013 e a Chicago nel 2014 (di cui si ricorda l'acclamata partecipazione al Concerto di Gala), al Festival flautistico serbo in Belgrado nel 2009 e al Primo European Piccolo Festival in Slovenia nel 2011. E’ stato altresì invitato dal 2008 da Sir James Galway a suonare e insegnare nell’ambito della sua masterclass in Weggis (Svizzera).
È professore di ottavino alla Hochshule di Lucerna in Svizzera, al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano e al Conservatorio “Verdi” di Milano. Dal 2001 tiene regolari e frequentatissimi corsi annuali di ottavino (Firenze e Roma) per i quali a sviluppato una originale ed apprezzata metodologia didattica. Svolge masterclasses in Europa, Usa, Giappone. Ha pubblicato tre CD interamente dedicati al repertorio originale per piccolo e piano. Nel 2014 ha pubblicato il “Mazzanti Method” per la statunitense “Theodore Presser” che ha avuto una enorme risonanza mondiale.
Mazzanti si è diplomato nel 1982 al Conservatorio “Cherubini di Firenze con Sergio Giambi e si è perfezionato con James Galway, Aurèle Nicolet, Maxence Larrieu, Raymond Guiot, Emmanuel Pahud e Mario Ancillotti. E’ laureato in DAMS presso l’Università di Bologna.

 

Nicola Mazzanti currently serves as Solo Piccolo of the Maggio Musicale Fiorentino orchestra, a position he has held since 1988. Many composers have written pieces for him, for piccolo and piano or orchestral concerts. His name is associated with many premières. As a soloist, he has performed with orchestras such as “I Pomeriggi Musicali” of Milan, the Malta Philharmonic Orchestra, the Florence Symphony Orchestra and Akronos of Prato.

Mr. Mazzanti performs frequently as both a flute and piccolo soloist and in chamber ensembles in Italy and abroad. In his role of advocate for the piccolo as a solo voice, he has performed at the 2003 Vienna Flute Festival, the 2005 National Flute Association Convention in San Diego, California, the 2009 in New York, the 2013 in New Orleans, the 2006 International Convention of the British Flute Society, the first International Piccolo Symposium in Omaha, Nebraska (USA) in 2007, the 2009  Serbian Flute Festival in Belgrade, in the 2011 and 2012 Iowa Piccolo Intensive, in the 2011 First European Piccolo Festival in Slovenia, and in several Italian Flute Conventions. In 2011 and 2012 he toured in USA (California, Michigan and Iowa) teaching and playing recitals Sir James Galway invited him to perform at his masterclass in Weggis (Switzerland) every year since 2008.

Since 2001, he has held annual piccolo courses at the “MusicArea” association in Florence and at the Italian Flute Academy in Rome. Since 2009 he teach piccolo at the Hochshule in Luzern, since 2011 at the Conservatorio della Svizzera Italiana in Lugano (Switzerland) and since 2013 at the Conservatorio “Verdi” in Milano.  He is frequently invited to give masterclassses for flute associations and music schools in Italy and abroad. He has released three solo CD's. His web site is a regular destination for dedicated piccolo players. His book "The Mazzanti Method" for piccolo, published in 2014 by Theodore Presser, has been welcomed as a milestone in the teaching of this instrument.

Mr. Mazzanti is a 1982 graduate of the “Luigi Cherubini” Conservatory of Florence, where he studied with Sergio Giambi. He later took lessons or participated in masterclasses given by James Galway, Aurèle Nicolet, Raymond Guiot, Emmanuel Pahud and Mario Ancillotti. In 1986, he earned an additional degree in Music History With Honors from D.A.M.S. (University of Arts and Music).


For more information visit http://www.piccoloflute.it

Olivier Thiery

Visiting Professor
Contrabbasso – Corsi Perfezionamento
www.olivierthiery.com

 

"A stunning recital that displays the bass at its most agile and thrilling". Tim Homfray, The Strad, February 2014.
The Frenchman Olivier Thiery received his first double bass lessons at the age of fifteen by his own father Georges Thiery. In 2004 Olivier entered the class of prof. Niek de Groot at the Folkwang university for music, Essen, Germany.
As an orchestral musician his career began in Amsterdam, where he has been playing as a permanent member with the Royal Concertgebouw Orchestra since august 2008.
In 2009 he was awarded a third prize in the 58th international ARD competition in Munich.
In addition to regular performance in different chamber music festivals over Europe, Olivier teaches, since 2014, at the "Conservatorium van Amsterdam".
In 2013, together with the pianist Sophie Labandibar, Olivier recorded "Illuminated Bass", his first CD for the label "Challenge Records International", including pieces from Shubert, Schumann, Hindemith and Bottesini.

Paolo Beltramini

Paolo Beltramini primo Clarinetto Solista dell’Orchestra della Svizzera Italiana, ha vinto oltre 20 concorsi Nazionali e Internazionali tra i quali  il 1° Premio assoluto al prestigioso Concorso Internazionale di Clarinetto “Primavera di Praga 1996”(unico clarinettista Italiano ad avere vinto tale premio), il 2° premio al  Concorso Internazionale per la Musica di  Camera di  Parigi 1996 e il 1° premio assoluto al Concorso di Musica da Camera di Trapani 1997,  per il quale ha ricevuto altresi’ il “Premio della Stampa”.
Tali affermazioni hanno imposto Paolo Beltramini all’attenzione del pubblico e della critica come uno dei più interessanti virtuosi odierni di strumento a fiato nel panorama musicale Internazionale.
Diplomatosi brillantemente a 18 anni presso il conservatorio “G. Verdi” di Milano, si è perfezionato in seguito presso la Scuola di Alto Perfezionamento di Saluzzo con T. Friedli e W. Boeykens e presso l’Accademia Chigiana di Siena con il  G. Garbarino dove, nel 1987, ha ottenuto il diploma d’Onore e una borsa di studio della Siae.
Raffinato interprete di tutto il repertorio clarinettistico è stato ospite di prestigiose Istituzioni Concertistiche e si è esibito nelle più importanti Sale da Concerto in tutta Europa, Asia, Africa, Stati Uniti e Sud America. In veste di solista ha  suonato più volte i concerti di Mozart, Nielsen, Mercadante, Rossini, Weber, Ponchielli, Francesconi, Anzaghi con l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestra da Camera di Mantova, Camerata S. Petersburg, Kurpfalzisches Kammerorchester Mannheim, Orchestra Sinfonica della Radiotelevisione Slovena, Prague Symphony Chamber Orchestra, Orchestra G. Cantelli, Osnabruker Synphonieorchester, Virtuosi di Aquileia.
Ha collaborato inoltre con M. Argerich, A. Lonquich, A. Lucchesini, G. Carmignola, E. Dindo M. Bourge, M. Rizzi, M. Brunello, il Quintetto Bibiena, i quartetti di Fiesole, Stamic, Prometeo. In qualità di Primo Clarinetto ha suonato con le Orchestre: Royal Concertgebouw di Amstertdam, Filarmonica della Scala, Orchestra Nazionale della Rai di Torino, Santa Cecilia di Roma, Mahler Chamber Orchestra, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra da Camera Italiana … sotto la guida dei direttori: B. Haitink, L. Mazel, G. Pretre, N. Jarvi, W. Askenazy, G.  Sinopoli, M. Wung Chung, M. Jansson , D. Harding, A. Lombard, W. Delman, E. Imbal, S. Accardo, D. Gatti,  M. Pletnev.
Viene invitato regolarmente in giurie di concorsi Nazionali e Internazionali ed è stato docente in Master Classes in Italia, Svizzera, Usa, Giappone, Francia, Slovenia, Cina e Portogallo.
Ha inciso per Chandos, Ricordi, Fonit Cetra, Stradivarius, Rainbow, AS disc, RS, ed ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per Radio France, BBC, RAI, RTSI, Czech Radio, Limen Tv, National Tunisina, Radio Classical National Spagnola.
Paolo Beltramini è un Artista “RIPA”, Silverstein e Legere. Reeds.
È titolare della cattedra alla Hochschule di Luzern.

Paolo Gonnelli

Laboratorio Corale "Le Cure"

Musica Vocale da camera – Assistente del direttore alla Schola Cantorum Landini

Musica da camera repertorio vocale - triennio

 

Coordinatore dipartimento vocalità


Ha studiato pianoforte con Gisella Gori, Rossana Bottai e Michele Marvulli, musica da camera con il Trio di Milano (Canino, Sirbu, Filippini) e musica vocale da camera con Leonardo De Lisi. Nel 2015 ha conseguito il diploma Accademico di secondo livello in Direzione di Coro. Da sempre ha affiancato all’attività didattica quella concertistica, sia da solista che in musica da camera, strumentale e vocale. Ha collaborato con Leandro Carino (violoncello), Monica Benvenuti e Simonida Miletic (soprano), Mya Fracassini (contralto), Alessandro Paliaga (baritono) esibendosi in Italia e all’estero. Negli anni ha lavorato in varie produzioni operistiche come maestro collaboratore (Teatro comunale di Ferrara per "Ariadne auf Naxos" diretta da Zoltan Pesko, Teatro Lirico sperimentale di Spoleto, Teatro Giglio di Lucca)). Collaboro con la Scuola di Musica di Fiesole come insegnante di solfeggio, pianista collaboratore al coro (direttore Fabio Lombardo) e alle classi di canto e arte scenica (Aldo Tarabella). Dal 2012 è insegnante di “Musica vocale da Camera”  e “Maestro preparatore di Spartito” per il Triennio Accademico. Ha collaborato con i Conservatori di Roma, Alessandria, Monopoli e Sassari. Ha registrato come Maestro al Cembalo l’opera “Didone abbandonata” di Galuppi per la Bongiovanni
 
Paolo Gonnelli studied piano at the Conservatory “Giacomo Puccini”in La Spezia (Italy) with professor Gisella Gori. He continued his specialisation with Rossana Bottai and at the Musical Academy in Pescara,  with Maestro Michele Marvulli.
He studied  chamber music with  Trio di Milano (B.Canino, R.Filippini, M.Sirbu) and vocal chamber music with Leonardo De Lisi at the Florence Music Conservatory.
He has being working as a piano soloist, as member of several chamber music ensemble  vocal and instrumental. Since 2000 his usual collaborators are: Leandro Carino (cello), Simonida Miletic soprano), Mya Fracassini (mezzo soprano), Alessandro Paliaga (baritono). With this ensemble he has played many concerts in Italy at abroad. He has worked as piano repetitor in various opera productions (Municipal Theatre of Ferrara for "Ariadne auf Naxos" directed by Zoltan Pesko, Lyric Theatre experimental Spoleto, Teatro Giglio di Lucca).
Paolo Gonnelli collaborate with the Scuola di Musica di Fiesole as piano repetitor for the Schola Cantorum Landini directed by Fabio Lombardo and for singing and opera workshops classes. He is the Chamber Vocal Music Teacher for Accademic Course. He had collaboration with Italian Consevatories  (Roma, Alessandria, Monopoli, Sassari). He has recorded for editor Bongiovanni like Maestro al Cembalo the opera “Didone Abbandonata” di A.Galuppi

Paolo Grazia

Oboe - base

Oboe - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Passi del repertorio orchestrale
Musica da camera

Diplomato col massimo dei voti e la lode al Conservatorio G.B. Martini di Bologna. Ha conseguito col Quintetto Bibiena il secondo premio (primo non assegnato) al 42 Internationaler musikwettbewerb di Monaco ci Baviera e il Primo premio al 4th International oboe competition of Tokyo. Premio Abbiati col Quintetto Bibiena col quale svolge una intensa attività concertistica in Italia e all’estero. In veste di solista è stato diretto da numerosi direttori tra i quali Inbal, Kakydze, Gatti, nel 1999 è stato protagonista nella prima esecuzione assoluta del Divertimento per oboe e orchestra scritto e diretto da quest’ultimo, recentemente ha eseguito inoltre opere prime di Sergio Rendine e Fabrizio Festa. Attualmente è Primo oboe solista dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna ma non mancano collaborazioni con prestigiose compagini italiane e straniere (Chamber Orchestra of Europe, con questa anche in veste di solista, Royal Philharmonic Orchestra, City of Birminghan Symphony Orchestra, Solisti Veneti, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra di Santa Cecilia, Orchestra Filarmonica della Scala). Ospite ormai abituale in Giappone per concerti e masterclass nelle università giapponesi. Docente di oboe presso la Scuola di musica di Fiesole. Ha inciso numerosi CD per Agorà e Tactus.

 

Received his diploma with highest grades and honours from the G. B. Martini Conservatory of Bologna. As a member of the Bibiena Quintet he won the second prize (first prize not awarded) at the 42nd Internationaler Musikwettbewerb of Munich, and the First Prize at the 4th International Oboe Competition of Tokyo. He received the Abbiati Award with the Bibiena Quintet, with which he performs regularly in Italy and abroad. As a soloist he has collaborated with conductors such as Inbal, Kakydze and Gatti. In 1999 he was the soloist for the world premiere performance of the Divertimento per oboe e orchestra composed and conducted by Maestro Daniele Gatti. Recently he performed the world premieres by Sergio Rendine and Fabrizio Festa. Grazia is currently Principal Oboe Soloist of the Orchestra del Teatro Comunale di Bologna but he also collaborates with prestigious Italian and foreign orchestras such as the Chamber Orchestra of Europe (also as a soloist), the Royal Philharmonic Orchestra, the City of Birmingham Symphony Orchestra, Solisti Veneti, Orchestra da Camera di Mantova, Orchestra di Santa Cecilia and the Orchestra Filarmonica della Scala. He is a regular guest in Japan for concerts and masterclasses in Japanese universities and is Professor of oboe at the Scuola di Musica di Fiesole. He has recorded numerous CDs for Agorà and Tactus.

Pavel Vernikov

Pavel Vernikov
Violino - Corsi di Perfezionamento

Allievo di D. Oistrakh e di S. Snitkowsky a Mosca, vincitore del Concorso Internazionale di Monaco e Grand Prix al Vittorio Gui di Firenze, ha un’intensa attività concertistica come solista, in duo e con il Trio Tchaikovsky, suonando nelle più importanti sale da concerto d’America e d’Europa, tra le quali la Concertgebouw di Amsterdam, la Carnegie Hall di New York, la Wigmore Hall di Londra, la Salle Gaveau di Parigi, l’Accademia S. Cecilia di Roma e il Teatro alla Scala di Milano. Si è esibito inoltre in prestigiose stagioni concertistiche con artisti della levatura di S. Richter, C. Zimmermann, J. Galway, C. Ivaldi, A. Meunier, P. Gallois, M. Tipo, N. Gutman, O. Kagan, Y. Bashmet, E. Virsaladze e A. Pay. Tiene corsi di perfezionamento presso la Scuola di Musica di Fiesole e la Scuola di violino di Kuhmo in Finlandia.
È spesso invitato come membro di giuria in importanti concorsi internazionali. Attualmente è docente presso l’Università di Vienna. Ha registrato per RCA, Ondine e Dynamic. Suona un violino Gianbattista Guadagnini (ex Contessa Crespi, ex Brengola), Piacenza 1747, della Fondazione Pro Canale di Milano.

 

Student of D. Oistrach and of S. Snitkowsky in Moscow, winner of the Munich International Competition and Vittorio Gui Grand Prize in Florence. For twenty years he had an intense concert activity as a soloist, in duo and with the Tchaikovsky Trio, performing in the major concert halls in America and Europe, among them Concertgebouw in Amsterdam, Carnegie Hall and Kennedy Center in New York, Wigmore Hall in London, Salle Gaveau in Paris, Accademia S. Cecilia in Rome and La Scala in Milan. He performed in leading concert seasons with artists of the calibre of S. Richter, C. Zimmermann, J. Galway, C. Ivaldi, A.Meunier, P. Gallois, M. Tipo, N. Gutman, O. Kagan, Y. Bashmet, E. Virsaladze and A. Pay. He teaches advanced courses at the Scuola di Musica di Fiesole and the Kuhmo Violin School in Finland. He is often invited to serve as a jury member for important international competitions. Currently he is a Professor at Vienna University. He has recorded for RCA, Ondine and Dynamic. He plays a Gianbattista Guadagnini (ex Contessa Crespi, ex Brengola) violin, Piacenza 1747, courtesy of the Pro Canale Foundation of Milan.

Piero Borri

Piero Borri
Batteria e percussioni jazz - workshop

Piero Borri (Firenze, 1958; batteria, percussioni) è un batterista sensibile, melodico, con un drumming efficace e propulsivo e una cultura musicale enciclopedica. Ha al suo attivo una lunga serie di collaborazioni con jazzisti di fama stranieri e italiani, da Curtis Fuller a Dave Holland, a Enrico Rava. Borri comincia a suonare prestissimo, stimolato dal padre batterista. Suona nei jazz club già da adolescente e più avanti si esibisce nei club più importanti d’Italia, dal Capolinea di Milano al Music Inn di Roma. A metà anni ’70 frequenta il Conservatorio di Firenze, poi quello di Milano. Collabora con il batterista americano Marvin “Boogaloo” Smith e il percussionista Karl Potter, dai quali apprende i segreti delle percussioni nel jazz. Nel 1979 frequenta il Berklee College of Music di Boston. Porta avanti una intensa attività didattica e concertistica. Nel 1988 crea una sua etichetta per produrre all’estero il jazz italiano. Da allora, oltre a tenere concerti e registrare, porta avanti un’intensa ricerca sul suono, il ritmo e la tecnica percussiva. Discografia selezionata: Living Coltrane (Egedis 2011); Living Coltrane-Out of this world (Incipit / Egea 2012).

Piero Di Giuseppe

Chitarra - base

Ha studiato Chitarra Classica presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Silvano Mazzoni, conseguendo il diploma presso l'Istituto Musicale Pareggiato “Pietro Mascagni” di Livorno. Dal 1999 svolge una costante attività concertistica sia come solista che in varie formazioni cameristiche ed è membro, dalla sua costituzione, del “Fiesole Guitar Consort” con il quale si è esibito tra l'altro nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze.
Nel 2005 ha partecipato, con l'Orchestra Giovanile Italiana e l'Orchesra della Toscana, dirette da Gabriele Ferro, all'escuzione della Sinfonia n.7 di Gustav Mahler nei concerti tenuti nei teatri “G. Verdi” di Pisa e di Firenze per la XIV stagione concertistica dell'ORT.
Ha effettuato il tirocinio di formazione all’insegnamento presso la Scuola di Musica di Fiesole come assistente di Silvano Mazzoni, specializzandosi nella didattica dello strumento indirizzata ai bambini in età scolare (7-12 anni).
Attualmente è docente del Corso di Chitarra presso la Scuola di Musica di Fiesole e della Scuola Comunale di Musica “D. Scarlatti” di Montale (PT).

Pietro De Maria

Pietro De Maria
Pianoforte - Corso di Perfezionamento

Premio della Critica al Concorso Tchaikovsky di Mosca nel 1990, ha ricevuto il Primo Premio al Concorso Internazionale Dino Ciani - Teatro alla Scala di Milano (1990) e al Géza Anda di Zurigo (1994). Nel 1997 gli è stato assegnato il Premio Mendelssohn ad Amburgo. La sua intensa attività concertistica lo vede solista con importanti orchestre e con direttori quali Roberto Abbado, Gary Bertini, Myung-Whun Chung, Vladimir Fedoseyev, Daniele Gatti, Alan Gilbert, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Ton Koopman, Ingo Metzmacher, Gianandrea Noseda, Sándor Végh.
Ha studiato con Giorgio Vianello e Gino Gorini a Venezia e con Maria Tipo al Conservatorio di Ginevra. Il suo repertorio spazia da Bach a Ligeti ed è il primo pianista italiano ad aver eseguito pubblicamente l’integrale delle opere di Chopin in sei concerti. L’integrale è stata registrata per la DECCA e ha ricevuto importanti riconoscimenti dalla critica internazionale, tra cui Diapason, International Piano e Pianiste. A partire dal 2011 e per le prossime stagioni sarà impegnato in un progetto bachiano, che prevede l’esecuzione dei due libri del Clavicembalo ben Temperato e delle Variazioni Goldberg.

 

After receiving the Critics’ Prize at the Tchaikovsky Competition in Moscow (1990), Pietro De Maria won First Prize in other prestigious international piano competitions, such as the Dino Ciani - Teatro La Scala in Milan (1990), the Géza Anda in Zurich (1994), and the Mendelssohn Award in Hamburg (1997). An active concert pianist, he has played as soloist with the finest orchestras, with renowned conductors such as R. Abbado, Bertini, Chung, Fedoseyev, Gatti, Gilbert, Inbal, Janowski, Koopman, Metzmacher, Noseda and Végh. De Maria studied with Giorgio Vianello and Gino Gorini in Venice and with Maria Tipo at the Conservatory of Geneva. His repertory ranges from Bach to Ligeti. He is the first Italian pianist to have played Chopin’s complete piano works in six public concerts. These works have been recorded by Decca and have received important acknowledgments from international publications of prestige such as Diapason, International Piano and Pianiste. From 2011 he has focused especially on Bach, performing both books of The Well-Tempered Clavier as well as the Goldberg Variations in concert.

Riccardo Cecchetti

Pianoforte

Fortepiano - base

Musica da camera con pianoforte

Musica da camera - dipartimento amatori

Tastiere storiche: fortepiano - triennio

 

Coordinatore dipartimento amatori

 

Pianista e fortepianista, è membro fondatore di vari gruppi cameristici fra cui il trio Voces Intimae con il quale tiene concerti in tutto il mondo.
Dopo essersi diplomato con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore al Conservatorio di Firenze sotto la guida di Antonio Bacchelli, ha iniziato un’intensa carriera concertistica che lo porta ad esibirsi regolarmente nelle sale da concerto più importanti nel mondo (Library of Congress di Washington, Carnegie Hall e Frick Collection di New York, Concertgebouw di Amsterdam, Vredenburg di Utrecht, Wigmore Hall e St. John’s Smith Square di Londra, Musik Halle di Amburgo, Shenzhen Concert Hall di Shenzhen, Tianjin Concert Hall di Tianjin, Guangzhou Grand Theatre di Guangzhou, DaGuan Theater di Shanghai – Cina, ecc.) e per i Festival e le Associazioni più prestigiose (Festival dei due Mondi - Spoleto, Festival di Granada, Festival di Melbourne, Festival van Vlaanderen (B), Oude Muziek Festival (NL), Amuz (B), Da Camera Society di Los Angeles, Oberlin College Oberlin – Ohio, Bologna Festival, Amici della Musica di Firenze, Unione Musicale di Torino, Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma ecc.).
Dedica la sua attenzione al repertorio solistico e cameristico con particolare interesse al repertorio classico e romantico eseguito su strumenti originali. Il suo repertorio spazia dalla musica del XVIII secolo fino alla musica d’oggi.
Ha effettuato registrazioni per tutte le maggiori reti radiofoniche europee (RAI, BBC, Radio France, Radio Clásica – Spagna, Radio Svizzera Italiana e Romanda ecc.).
Incide in esclusiva per Challenge Classics sia per il repertorio solistico che cameristico, principalmente su strumenti originali. Il suo CD solistico dedicato ad una selezione di musiche di C.Ph.E. Bach è stato nominato CD del mese per Classic Voice e per diverse riviste specializzate in Germania e Olanda. Le registrazioni con Voces Intimae hanno ricevuto moltissimi premi e riconoscimenti internazionali fra cui: Critics CD of the year 2006 e CD of the week da BBC-Radio3, Choice of the Month da BBC Music Magazine e Cdécisif dalla Radio Suisse Romande, Period Instruments Choice per BBC-Radio3, CD del mese per Suonare news. Ha inoltre ha inciso due CD per l’etichetta spagnola Verso su pianoforte moderno in duo con l’oboista Eduardo Martinez.

Riccardo Foti

Riccardo Foti
Lettura dello Spartito

 

Inizia lo studio del pianoforte all’età di undici anni, sotto la guida di Alba Maggini, che in pochi mesi riesce a trasmettergli una grande passione per il profondo significato della musica. Entrato in Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze, studia prima con Francesca Meneghel, per poi diplomarsi brillantemente, nel 1991, sotto la guida di Rosanita Racugno. Dopo il diploma l’incontro con Marian Mika è fondamentale per ridisegnare completamente le basi tecniche e musicali. I dieci anni passati sotto la guida del Maestro polacco iniziano col frequentare i Corsi di Alto Perfezionamento presso il Centro "Karol Szymanowski" di Padova, e culminano con l’ottenimento, nel gennaio 2002, del Diploma di Alto Perfezionamento del Corso Triennale tenuto da Marian Mika e Roberto Bollea presso l’Accademia Internazionale di Novara (I.C.O.N.S.). Per la sua formazione cameristica si è avvalso della guida di Vittorio e Carlo Chiarappa, e dello stesso Marian Mika.
Dal 1985 svolge un'intensa attività concertistica soprattutto in formazioni cameristiche, in Italia ed in Europa (Goteborg, Stoccolma, Ostrava, Dublino). L’interesse per le formazioni meno frequenti gli ha permesso di collaborare con grandi artisti internazionali come Charles Schlueter (prima tromba della Boston Symphony Orchestra) al Teatro Lirico di Milano, il sassofonista Joseph Wytko (docente alla “Arizona State University” USA) nella Sala del Buonumore del Conservatorio di Firenze, e la mezzosoprano Eva Blahová al Teatro La Pergola di Firenze.
Dal 1989, è l'organista della Chiesa Americana St. James di Firenze. Negli anni 1995,’96,‘97 e ‘99 è collaboratore pianistico ai Corsi di Perfezionamento sulla musica del novecento tenuti da Liliana Poli per il G.A.M.O. di Firenze. Dal 2000 collabora ai Corsi dei Cori di Voci Bianche curati da Joan Yakkey e, per cinque anni, con la Schola Cantorum “F. Landini” diretta da Fabio Lombardo presso la Scuola di Musica di Fiesole (FI). In duo con il percussionista Federico Poli tiene regolarmente attività concertistica, in Italia e all’estero (Svizzera, Germania), e discografica. Insieme alla storica dell’arte Rachele Sughi ha ideato e realizzato una serie di Lezioni-Concerto dal titolo “Percorsi comuni fra musica e pittura”. Nel 2009 è impegnato nella doppia veste di direttore artistico e pianista in “Music at St. James”, una rassegna di concerti e Opere in forma semi-scenica che ha ottenuto un grande successo. Nell’ottobre 2011 è pianista concertatore per la prima assoluta dell’Operina “La fabbrica dei giocattoli” di Joan Jakkey, regia di Aldo Tarabella.

Roberto Prezioso

Informatica musicale - triennio


Nato a Männedorf (Svizzera) il 27 Luglio 1973, inizia a suonare il pianoforte, per poi passare al trombone inizialmente con Fabiano Fiorenzani per poi proseguire con Antonio Sicoli, presso la Scuola di Musica di Fiesole, conseguendo il diploma al conservatorio Mascagni di Livorno.
Ha suonato diversi generi di musica, dal funky al gospel, dal samba alla musica classica, musica leggera e disco dance anni ‘70, collaborando con diversi artisti tra cui Dario Cecchini, Cheryl Potter, Johanna Knauf, Mario Ancillotti, Aldo Tarabella, Andrea Portera. Ha suonato in molte formazioni come Big Band, Orchestra Desiderio da Settignano diretta da Johanna Knauf, coro gospel The Pilgrims diretto da Gianni Mini, Funky Beats, Forever Seventy, Boogie Wonder Band, Sambanda ed altri. Ha collaborato registrando alcuni dischi, il più recente "The Bossa Lounge Experience" di Francesco Gazzara.
Nell'edizione 2013 del Concorso di composizione "2 Agosto" di Bologna, ha partecipato come compositore fuori concorso con il brano "Riflessi" eseguita dall'Orchestra del Comunale di Bologna diretta da José Ramón Encinar.
Attualmente è allievo della classe di composizione di Andrea Portera presso la Scuola di Musica di Fiesole.
Dal 2011 ad oggi è docente del corso di videoscrittura della Scuola di Musica di Fiesole. Attualmente collabora con la casa editrice Ut Orpheus come copista. Ha vinto la seconda edizione del Concorso di composizione Veretti nel 2011, si è classificato secondo all'edizione 2013 e in finale per l’edizione del 2014, i suoi brani sono editi dalla casa editrice Sconfinarte di Milano.

Sandra Bacci

Violoncello - base

Ha studiato violoncello al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze con i M° Franco Rossi e Andrea Nannoni. Nel 1985 ha conseguito la maturità artistica ad indirizzo musicale presso il Liceo del Conservatorio stesso, e nel 1988 si è diplomata in violoncello col massimo dei voti. Il suo interesse si rivolge da sempre alla musica da camera: frequenta non ancora diplomata i corsi di musica da camera dell’Accademia musicale di Città di Castello, e subito dopo il diploma costituisce il Trio Ludwig, con il quale frequenta i corsi di perfezionamento tenuti dal Trio di Trieste presso la Scuola di musica di Fiesole, ottenendo il premio “Sergio ed Anna Gengaroli” come miglior trio del corso; inoltre segue il Trio di Trieste presso l’Accademia Chigiana di Siena, ottenendo borsa di studio e Diploma di Merito; frequenta i corsi tenuti dal M° Piernarciso Masi presso l’Accademia pianistica “Incontri col Maestro” di Imola e le Masterclasses tenute dai M° G. Garbarino e B. Canino sempre a Imola. Sempre con il Trio Ludwig ottiene i primi riconoscimenti: 1° Premio al Concorso Internazionale di Capri 1990, 1° Premio alla Rassegna Nazionale “Città di Genova” nel 1990, 2° Premio al Concorso Europeo di Moncalieri nel 1990, 2° Premio al concorso nazionale “Città di Savona” nel 1991, 1° Premio al Concorso nazionale di Musica da camera “Città di Macerata” nel 1992 e 2° Premio al Concorso nazionale di musica da camera “Città di Meda” nel 1993. Inoltre il Trio riceve una menzione speciale alla Selezione Nazionale di giovani concertisti indetta dall’ARAM nel 1991, e vince le selezioni indette dalla Gioventù Musicale d’Italia nel 1993. Non tralascia lo studio del repertorio solistico e contemporaneamente frequenta i corsi di perfezionamento tenuti dal M° Amedeo Baldovino presso la Scuola di musica di Fiesole, ricevendo una borsa di studio dalla scuola stessa. Nel 1995 l’attività concertistica prende una decisa svolta: entra a far parte del Quartetto di Fiesole, giovane ma già affermato complesso. Con il Quartetto tiene concerti in tutta Europa, in America, Giappone e Africa riscuotendo sempre notevoli successi di pubblico e critica. Pur suonando nelle più importanti stagioni concertistiche, quali quella dell’Accademia di S.Cecilia a Roma, degli Amici della musica di Firenze, Perugia, L’Aquila e tante altre, collaborando fra l’altro con musicisti del calibro di Piero Farulli, Andrea Nannoni, Andrea Lucchesini, Pietro De Maria, il Quartetto continua a studiare frequentando i corsi di perfezionamento tenuti dal M° Piero Farulli presso la Scuola di Musica di Fiesole e le masterclasses tenute dal Quartetto Amadeus all’Orlando Festival in Olanda, a Schloss Elmau (Germania), e frequentando l’Amadeus Summer Course presso il Royal College of music di Londra. Inoltre segue le masterclasses tenute dal M° Sadao Harada presso gli Amici della musica di Firenze e quelle del M° Valentin Berlinsky a Portogruaro. Nel 1996 il Quartetto vince il Premio Internazionale di musica da camera “Vittorio Gui” di Firenze, ricevendo anche il premio come gruppo più gradito al pubblico. Da allora l’attività con il quartetto prosegue assidua con concerti in tutta Italia e all’estero, nelle sale e stagioni concertistiche più prestigiose, e con collaborazioni musicali di prestigio, fra le quali con Andrea Lucchesini, Pietro De Maria, Luca Ballerini, Alain Meunier, Konstantin Bogino, Fabio Bidini, Nelson Goerner, Stefania Cafaro, ottenendo sempre calorosi successi. Per ciò che riguarda l’attività didattica, Sandra Bacci è insegnante di violoncello e di musica d’insieme, nonché coordinatore della sezione archi presso la Scuola Comunale di musica “T. Mabellini” di Pistoia dal 1988, e insegnante di violoncello presso la Scuola di musica di Fiesole dal 1995. Ha inoltre insegnato violoncello nella Scuola media Statale ad indirizzo musicale “F. Guicciardini” di Firenze, e dal 2000 insegna violoncello presso la Scuola media ad indirizzo musicale “E. Pea” di Porcari (LU). Con il Quartetto tiene corsi estivi nell’ambito dei corsi internazionali di perfezionamento “Luccaestate”. Recentemente ha frequentato, nell’ambito dei corsi per il conseguimento dell’abilitazione per l’insegnamento tenuti presso il Conservatorio Cherubini, il corso di direzione d’orchestra tenuto dal M° A. Pinzauti e quello di direzione di coro tenuto dal M° M.I. Tosto, ottenendo il massimo dei voti.

Silvano Mazzoni

Chitarra - base

Chitarra - triennio

Tecnica di lettura estemporanea
Metodologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Dal XX sec. alla contemporaneità
Pratica dell'accompagnamento estemporaneo

Musica d'insieme per chitarra

Coordinatore dipartimento corde pizzicate, chitarre, arpe

Fiorentino, ha studiato Chitarra con Henry Rivas, Alfonso Borghese, Alvaro Company, diplomandosi sotto la guida di quest’ultimo presso il Conservatorio statale “Luigi Cherubini” di Firenze. Ha inoltre conseguito, con votazione di merito i diplomi di Chitarra e Teoria Musicale dell’ ”Associated Board of the Royal School of Music” di Londra. Ha seguito i corsi di perfezionamento di Alfonso Borghese e di Alvaro Company a Montecatini ed Arezzo (CIPIMF) oltre che presso l’Accademia Musicale Pescarese. Per la letteratura e la prassi esecutiva del Liuto, ha seguito “Masterclasses” con Orlando Cristoforetti e Hopkinson Smith.
È stato inoltre allievo di Julian Bream nel corso tenuto durante il primo “Cantiere Internazionale d’Arte” di Montepulciano sotto la direzione di Hans Werner Henze.
Interessatosi alla chitarra flamenco, ne ha approfondito stile e tecnica seguendo i seminari di Juan Lorenzo e Manuel Granados.
Svolge un’intensa attività concertistica sia in Italia e all’estero (Europa, Sud America, Nord Africa).
In ambito cameristico, ha suonato in numerosissime formazioni strumentali (Flauto e Chitarra, Violino e Chitarra, Voce e Chitarra, Pianoforte e Chitarra, Duo di Chitarre, Trio di Chitarre, Trio Flauto, Violino e Chitarra, Trio Violino Violoncello e Chitarra, Quartetto d’Archi etc etc), eseguendo gran parte delle opere per tali organici.
È stato tra i fondatori della “Guitar Symphonietta”, prima Orchestra di Chitarre in Europa con la quale ha effettuato numerosissimi concerti e registrazioni televisive, incidendo anche un CD sotto la direzione di Leo Brouwer.
È insegnante di chitarra classica presso la Scuola di Musica di Fiesole e presso la Scuola Comunale di Musica “Teodulo Mabellini“ di Pistoia.
Ha inciso per le etichette Giulia Records, Fonè, EMA Records.

Silvia Da Boit

Pianoforte complementare -base

Pratica pianistica - triennio

Si è diplomata in pianoforte con il massimo dei voti e la Lode presso il Conservatorio di Musica “L. Cherubini“ di Firenze; successivamente ha conseguito il Diploma del Corso triennale di qualificazione per Direttori di Coro promosso dalla Fondazione "Guido d'Arezzo" tenuto dai Maestri  R. Gabbiani, R. Clemencic. Si è perfezionata in Pianoforte e in Musica da Camera con  R.Buchbinder a Zurigo, B.Canino, M.Gendron al “Mozarteum“ di Salisburgo, S. Palm. Da diversi anni è Pianista Collaboratore ai corsi di perfezionamento tenuti da Maestri quali Piero Farulli, A. Farulli, H. Beyerle,  P. Vernikov, al Corso triennale per Vocalisti (Maestri coordinatori R.Gabbiani e J.L.Basso),ai Corsi dell’ Orchestra Giovanile Italiana, Docente di pianoforte complementare e Maestro collaboratore al Coro “F. Landini” presso la Scuola di Musica di Fiesole. Inoltre come Maestro Collaboratore a vari Corsi di Perfezionamento fra i quali: Accademia Chigiana a Siena (M° Meneses), a Lucca con vari Maestri fra cui G. Zhilslin, A. Farulli, L. Simoncini, A. Nannoni, Villa Caruso a Firenze (M°B.De Simone), a Prato “Corso triennale  IFTS” per cantanti lirici, attori, registi .Da qualche anno è Pianista Collaboratore presso la Scuola Comunale di Musica “G.Verdi” di Prato nella classe di canto del M.° A.Rossi. Come elemento del Quartetto “Alma Tèssara“ è attivamente impegnata nella rivalutazione del repertorio  di donne compositrici. Ha collaborato con numerose ed affermate Istituzioni musicali come l’Orchestra Regionale Toscana, il Teatro Comunale di Firenze, il Teatro Comunale di Ferrara, Amici della Musica di Firenze, Ente Teatro Romano di Fiesole, Accademia Chigiana a Siena ed altre. Si dedica da anni all'attività concertistica in Italia ed all’estero prediligendo formazioni prevalentemente cameristiche.

Simonetta Nannoni

Simonetta Nannoni
Pianoforte a quattro mani

Si è diplomata in pianoforte sotto la guida di G. Sacchetti, in Musica Corale e Direzione di Coro e in Didattica della Musica al Conservatorio "L. Cherubini" di Firenze. Nello stesso Istituto ha sostenuto l'esame di compimento medio di composizione e conseguito la maturità musicale. Ha frequentato il Corso di Musica da Camera (Corso Professionale per Orchestra) nella classe del maestro A. Baldovino presso la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole. Insegna pianoforte presso la Scuola di Musica di Fiesole, dove per diversi anni è stata collaboratrice pianistica nella classe del Maestro P. Farulli e in altre classi di perfezionamento.
Insieme alla violista Olga Arzilli ha seguito i Corsi di Musica da Camera tenuti dai Maestri Maureen Jones e Dario De Rosa, divenendo il duo di residenza alla Scuola di Musica di Fiesole, come duo, sono risultate vincitrici di importanti rassegne e concorsi (Premio Speciale "Città di Vittorio Veneto", "Selezione Nazionale di Giovani Musicisti per Concerti all'estero" indetto dall'ARAM, Primo Premio al III Concorso Bienale per duo "Città di Vittorio Veneto") e sono state ospiti di importanti Associazioni Musicali (Amici della Musica di Verona, Padova, Vicenza, Palermo, Agrigento, Perugia e Firenze, degli Amici di Castel S. Angelo di Roma, Amici della Scuola di Musica di Fiesole, Ass. Musicale di Taormina e "A. Marianini" di Ravenna, Estate Fiesolana, Accademia Filarmonica di Messina, Festival De Radio France e Montpellier, Ass. Walton di Ischia, ecc.)

Sonia Perini

Pianoforte complementare - base

Pratica pianistica - triennio


Pianista e concertista fiorentina, suona in varie formazioni cameristiche e dedica all’insegnamento del pianoforte una passione alimentata da una lunga esperienza.
Sonia è accompagnatrice pianistica dell’Orchestra Giovanile Italiana e dei corsi di perfezionamento e di base alla Scuola di Musica di Fiesole. Nel corso della sua carriera ha collaborato con gli Amici della musica di Firenze, l’Accademia musicale di Firenze, la Scuola comunale di musica “Giuseppe Verdi” di Prato, e l’Accademia musicale Santa Caterina di Sesto Fiorentino.
È docente di pianoforte all’Accademia musicale Ars Nova e di pianoforte complementare alla Scuola di Musica di Fiesole. Alcuni tra i suoi migliori allievi hanno vinto importanti premi in concorsi pianistici nazionali e internazionali.
Nel 1999 ha pubblicato per le Edizioni Curci il metodo didattico “DoDo e MiMì accompagnano i bambini nel mondo del pianoforte”, giunto alla seconda ristampa.

Stefano Canuti

Stefano Canuti
Visiting Professor
Fagotto - Corsi di Perfezionamento

Canuti nasce a Parma nel 1961 e si avvicina alla musica all’età di nove anni grazie allo studio della chitarra classica. Solamente a 16 anni intraprenderà la strada del fagotto. Dopo  cinque anni di studio e grazie al prezioso insegnamento di Ovidio Danzi, si diplomerà con il massimo dei voti.Da subito entra a far parte, in qualità di primo fagotto,dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino ed in seguito  dell’allora orchestra della RAI di Torino.Il carattere irrequieto ed il rifiuto per la routine porteranno Canuti ad intraprendere nuove e stimolanti esperienze: il solismo e la musica da camera diventeranno presto la sua ragione di far musica.Queste esperienze solistiche lo porteranno a suonare nelle sale più importanti di tutto il mondo, dall’Europa (Francoforte, Milano, Vienna,  Londra, Manchester, Amsterdam ..) agli Stati Uniti (Chicago, Minneapolis, Bloomington, Phoenix…)  al Sud America (Buenos Aires e Caracas) al Canada (Banff) ed in Cina ( Pechino, Shanghai..)Ha al suo attivo una decina di incisioni come solista, ed alcune di queste (Fantasie di bravura e Bassoon Images)  hanno ricevuto lusinghiere critiche e premi importanti (Double Reed Journal). Per il 25°anniversario della società internazionale delle doppie ance (IDRS) è stato invitato insieme a S.Azzolini, quali unici europei, a partecipare all’incisione del CD commemorativo registrando i duetti di Gebauer dal Barbiere di Siviglia  di Rossini.Il desiderio di suonare ancora la grande musica sinfonica e la maturità artistica riporteranno Canuti a ricoprire il ruolo di fagotto solista nelle file di grandi orchestre quali la Mahler Chamber Orchestra diretta dal M°Claudio  Abbado  e  la  Symphonica Toscanini di cui è direttore musicale  il M° Lorin Maazel.  Canuti è altresì impegnato come docente in Europa,Usa,Sud America e Cina tenendo annualmente masterclasses ed è titolare della cattedra di fagotto presso il Conservatorio di musica “Campiani”di Mantova.Nel 2003 è stato invitato dal M°Antonio Abreu a istituire la scuola di perfezionamento di fagotto presso la “Fundacion del Estado para el Sistema Nacional de las Orquestas Juveniles e Infantiles de Venezuela.Alcuni dei suoi studenti provenienti da diversi stati (Usa,Australia,Inghilterra,Finlandia,Sud America,Portogallo) occupano ora importanti posti in orchestra.Dal 2008 al 2013 è docente del Conservatorio Superior de Musica de Aragon.Nel 2010 gli viene assegnato il ruolo di " International Chair of Bassoon " presso il Royal Northern College of Music di Manchester.Stefano è titolare della cattedra di fagotto presso il Conservatorio “ L .Campiani “ di Mantova.  

Stefano Canuti was born in Parma, Italy in 1961 and became familiar with music at the age of 9, thanks to the study of classical guitar. It was only at sixteen that he undertook studying bassoon. After five years of study,
he graduated with top marks thanks to the invaluable teachings of O. Danzi. Stefano immediately began to collaborate as first bassoonist with the Maggio Musicale Fiorentino Orchestra and soon thereafter the RAI Orchestra of Torino. His unrelenting energy and rejection of the ‘routine’ have brought Canuti to undertake new and stimulating experiences in solo and chamber music playing and quickly became his cause to make music.
These experiences have taken him to play in the most important concert halls in the world: from Europe (Frankfurt, Milan, Vienna, London, Manchester, Amsterdam) to the United States (Chicago, Minneapolis, Bloomington, Phoenix) to South America (Buenos Aires and Caracas) to Canada Banff) and also in China (Beijing and Shanghai). Stefano has several soloist recordings to his credit, some of which (Fantasie di Bravura and Bassoon Images) have received esteemed credit and momentous awards. For the 25th anniversary of the International Double Reed Society (IDRS) he was invited, together with S. Azzolini and as the only European artists, to participate in the making of the commemorative CD recording the duets by Gebauer on Barber of Sevilla. His desire to play great symphonic music and his artistic maturity have brought Canuti to the sections of great orchestras. Stefano collaborated as solo bassoon with the Mahler Chamber Orchestra directed by Claudio Abbado and with the Symphonica Toscanini, where the director is M° Lorin Maazel. Canuti is also active teaching across Europe, the USA, South America and in China, currently holding masterclasses and the title of  ‘Bassoon Chair’ at the Conservatorio di Musica “Campiani” di Mantova. In addition, various of his students from different countries (USA, Australia, England, Finland, South America and Portugal) now hold important positions in orchestras. In June 2003, Canuti was invited by M°Josè Antonio Abreu, as bassoon advanced teacher for the “Fundaciòn del Estado para el Sistema Nacional de las Orquestas Juveniles e Infantiles de Venezuela”.
From 2006 thru 2012 Stefano Canuti was professor for bassoon at the Conservatorio Superior de Musica de Aragon, Spain. In 2006 he was appointed professor at the Royal Northern College of Music (RNCM) in Manchester. Recently Stefano Canuti dedicated himself to Johann Sebastian Bach’s work and together with his pianist Enrique Bagaria recorded the Sonatas di Gamba BWV 1027, 1028 and 1029. The CD was released in 2011. When the playing and teaching let him free, Stefano takes his beloved motorbike to ride around his beautiful hills. Stefano Canuti performs on a Püchner bassoon model Superior.

Stefano Fogliardi

Armonia di Base

Intrapresi gli studi musicali con I. Dapreda, si forma con M. Patuzzi e S. Torri al Conservatorio di Trento, diplomandosi in Pianoforte con il massimo dei voti, poi in Musica Corale, in Didattica della Musica, nonché in Musica vocale da camera con il massimo dei voti e lode.
Perfezionatosi con S. Fiorentino, A. Lonquich, I. Deckers, F. Scala, B. Mezzena e H. Graf, si afferma in concorsi importanti e registra per numerose emittenti e per la RAI.
Svolge attività concertistica soprattutto come camerista, collaborando con molti musicisti, fra cui A. Costa, T. Tramonti, C. Miatello, K. Zimmermann, L. De Lisi, M. Guarino, A. Company, M. Dal Don. Si dedica anche alla valorizzazione di repertori poco noti e recentemente incide un CD con le musiche della compositrice Elvira De Gresti.
Per un decennio direttore della Scuola Musicale Giudicarie, dal ‘99 è docente al Conservatorio Bonporti di Trento. È autore di pubblicazioni, saggi e articoli di argomento musicale e didattico.

Stefano Rimoldi

Violino - Progetto Piagge

Orchestra - Scuola Francese

Violino/Musica d'insieme e orchestra - Nucleo di Sorgane

Responsabile Scuola francese / Progetto Sorgane / Kindergartner

Nato nel 1981 a Cantù (Co), ha iniziato lo studio del violino nella prima infanzia e all’età di nove anni è entrato nel Conservatorio di Como sotto la guida del M° Silvio Moscatelli, a cui subentra nel 2001 la M° Maria Chiara Nonnato. Si è diplomato sotto la sua guida nel febbraio 2003 con la votazione di 9/10. Dopo il diploma, nell’anno accademico 2004-2005 e nel 2005-2006 frequenta il Biennio specialistico di II livello in musica da camera, per poi proseguire gli studi nella classe di violino presso il Conservatorio di Cesena dall’anno accademico 2006-2007. Ha conseguito il diploma specialistico di II livello il 17 marzo 2009 con il massimo dei voti.

Ha frequentato presso il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma il Biennio Formativo Docenti per la classe di concorso A77, abilitante per l’insegnamento del violino nella scuola secondaria, conseguendo l’abilitazione il 23 giugno 2011 con il massimo dei voti.

Parallelamente al corso abilitante nell’anno 2011 ha partecipato al workshop di formazione dei formatori tenutosi presso la Scuola di Musica di Fiesole legato al progetto del Sistema Nazionale delle Orchestre e dei Cori Infantili e Giovanili. A completamento dell'esperienza nel marzo 2012 si è recato in Venezuela per osservare sul campo il funzionamento del Sistema creato dal M° Abreu.

Nel 2002 ha frequentato il Corso di Perfezionamento di Portogruaro sotto la guida del M° Berinskaja.
A seguito di tale corso ha proseguito lo studio con il M° Berinskaja frequentando corsi annuali presso la Nuova Scuola di Musica di Cantù e dal 2005 presso la Scuola di Musica e di Arti classiche di Tenero (CH). Tra i migliori allievi dei corsi, ha avuto l’opportunità nel 2004 di esibirsi in veste di solista con l’Orchestra Sinfonica “Mihail Jora” di Bacau.

Dal gennaio 2008 prosegue gli studi sotto la guida del M° Dejan Bogdanovic presso l’Accademia musicale di Chioggia (Venezia).

Nell’anno 2010 viene ammesso alla Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste (Duino) per partecipare al corso di perfezionamento tenuto dal Trio di Parma nella formazione di trio con pianoforte (Trio Alexandria). In questa formazione ha debuttato in concerto nel marzo 2011 a Trieste, presso l’auditorium del Museo Revoltella. Nel maggio 2011 la formazione ottiene il Terzo Premio al Concorso Nuovi Orizzonti (Arezzo).

Nel febbraio 2005 ha affrontato con successo l’audizione per entrare a far parte dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”, con la quale nel triennio 2005 - 2008 ha tenuto concerti in Italia e all’estero, sotto la guida di direttori di livello internazionale, tra i quali spiccano Riccardo Muti, Rudolph Barshai, Jurij Temirkanov e Kurt Masur. Dal 2009 prosegue la collaborazione con l’Orchestra Cherubini, con concerti a Bari, Udine, Parigi, Colonia, Liegi, Pompei e Lecce sempre sotto la direzione del M° Muti.

Nell’estate 2005 ha frequentato una masterclass presso l’Accademia di Musica “Tibor Varga” di Sion (CH) tenuta dal M° Raphael Oleg. Presso la stessa Accademia ha frequentato nel 2007 e nel 2008 masterclass tenute dai M° Stephan Picard e M° Mi Kyung Lee.

Nel febbraio 2006 è stato selezionato per le audizioni finali dell’European Union Youth Orchestra – EUYO.

Ha frequentato masterclasses tenute dal M° Francesco Manara nel marzo 2006 presso l’Accademia Internazionale di alto perfezionamento “Giovanni Paisiello” di Lucera (FG) e nel 2012 presso Castelnovo de' Monti (RE).

Nell’ambito del Ravenna Festival 2006 ha avuto modo di frequentare una masterclass di musica da camera tenuta dal M° Franz Bartolomey (primo violoncello dei Wiener Philarmoniker) e ha potuto esibirsi in più occasioni in varie formazioni da camera composte dai musicisti dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini.

Dopo il diploma di violino, ha avuto modo di collaborare con Orchestre del territorio lombardo quali l’Orchestra Stabile di Como, l’Orchestra Sinfonica di Lecco e l’Orchestra Sinfonica del Lario.

Nel 2004 ha collaborato con la Fondazione Orchestra “Guido Cantelli” di Milano.

Dal 2007 al 2012 collabora regolarmente con l’Orchestra del Teatro Regio di Parma, con la quale ha tenuto concerti in Italia e all’estero, sotto la guida di direttori di fama internazionale quali Lorin Maazel, Riccardo Muti, Michel Plasson, Gianluigi Gelmetti e Jurij Temirkanov.

Durante il 2011 ottiene l’idoneità presso l’Orchestra Regionale Filarmonica Veneta.

Nel 2012 collabora con l’Orchestra 1813 di Como e con la Filarmonica Arturo Toscanini.

Nel maggio 2006 e nel settembre 2006 ha collaborato con l’Orchestra dell’Accademia del Teatro alla Scala per due produzioni (Il Barbiere di Siviglia, il Pipistrello), presso il Teatro degli Arcimboldi e il Teatro alla Scala.

Nel 2004 e nel 2005 si è esibito in duo con pianoforte per la manifestazione Parolario di Como.
Nel 2004 si è esibito in quartetto per il Festival Internazionale Autunno Musicale a Como.
Nel 2004 e nel 2005 si è esibito in trio per l’Associazione Giosuè Carducci di Como.
Nel 2012 si è esibito in quintetto per il Festival Tempo Reale di Firenze e per il Armunia Festival di Castiglioncello.

Dal 2004 si dedica all’insegnamento, con collaborazioni occasionali presso l’Associazione Musica Insieme di Villaguardia (CO) e in maniera stabile dall’anno 2006 all’anno 2009 presso l’istituto Scolastico Statale di Ponte in Valtellina (SO).

Da ottobre 2012 collabora con la Scuola di Musica di Fiesole (Fondazione ONLUS) come docente per le attività dell'Orchestra Crescendo e come docente di strumento per il progetto Orchestra delle Piagge.
Sempre da ottobre 2012 collabora inoltre con l'Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia come docente di strumento per i corsi di propedeutica strumentale dell'istituto.

Nel 2001, dopo aver conseguito la maturità scientifica, si è iscritto all’università IULM di Milano, per la facoltà di “Relazioni pubbliche e pubblicità” per conseguire una preparazione nell’organizzazione di eventi e attività musicali e culturali.
Ha conseguito la laurea di primo livello nel marzo 2004, con una tesi sulle strategie di finanziamento delle orchestre americane e italiane.

Nel 2003 ha collaborato con la Fondazione Festival Autunno Musicale a Como per la promozione degli eventi organizzati dal Festival, e durante le manifestazioni autunnali del 2004 ha ricoperto il ruolo di coordinatore della promozione.

Stefano Zanobini

Orchestra amatori

Viola - orchestra amatori

Ha studiato viola sotto la guida di Piero Farulli presso la Scuola di Musica di Fiesole, perfezionandosi successivamente con Nobuko Imai e Hanns Kohlhase in Germania. È Prima Viola dell’ORT - Orchestra della Toscana. Dal 2005 è docente dei corsi di base della Scuola di Musica di Fiesole.

Susanna Bertuccioli

Arpa
Arpa - Corsi di Perfezionamento

Susanna Bertuccioli ha studiato presso il conservatorio “G.Rossini” di Pesaro sotto la guida di B.M. Monteverde. Si è perfezionata con M. Costello presso il Curtis Institute di Philadelphia, I.I. Roncea all’Istituto di Cultura Italiano a Bucarest e S. McDowell a Umbria Jazz. Ha vinto i primi premi assoluti del Concorso arpistico “Victor Salvi” e del Concorso “Petrini-Zamboni”. Dal 1982 al 1984 ha ricoperto il ruolo di Prima Arpa dell’European Comunity Youth Orchestra sotto la direzione di Claudio Abbado, collaborando parallelamente con l’Orchestra Giovanile Italiana. È dal 1985 Prima Arpa nell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Nel corso della sua carriera ha collaborato inoltre con le Orchestre della Radio Svizzera Italiana, la London Sinfonietta, la Filarmonica Toscanini, la Filarmonica della Scala e infine, nel 2007, 2009 e 2014, su invito del Maestro Zubin Metha, ha suonato come Prima Arpa nella Philharmonic Israel Orchestra. Dal 2009 a oggi ha tenuto master class in Argentina, Brasile e Messico. Nel 2013 è stata invitata all’8° Festival Mondiale dell’Arpa di Rio de Janeiro e nel 2015 al 4° Festival Mondiale dell’Arpa in Paraguay. Dal 2001 ha realizzato una serie di incisioni: il CD per Arpa sola “Nevel” per la Beat Records con propri arrangiamenti, poi i due CD “Celtic Music” e “New Percussion” per RAI Trade, utilizzati dalla Televisione Italiana come colonna sonora di alcune trasmissioni. È attiva anche sotto il profilo didattico, come docente di Arpa presso la Scuola di Musica di Fiesole e tenendo masterclass riguardanti la letteratura italiana per Arpa in orchestra in Italia e in Europa.

 

Susanna Bertuccioli studied at the Conservatorio “G. Rossini” in Pesaro, under the guidance of B. M. Monteverde. She studied also with M. Costello at the Curtis Institute in Philadelphia, л.I. Roncea at the Italian Cultural Institute in Bucharest and S. McDowell in Umbria Jazz.
She won first prizes of the harp competition “Victor Salvi” and the competition “Petrini-Zamboni”. From 1982 to 1984 he served as First Harp at the European Community Youth Orchestra under the baton of Claudio Abbado, working in parallel with the Italian Youth Orchestra. Since 1985 she plays as First Harp at “Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino”. Throughout his career she has also collaborated with the Italian Swiss Radio Orchestra, the
London Sinfonietta, the Toscanini Philharmonic, La Scala Philharmonic and finally, in 2007, 2009 and 2014, at the invitation of Maestro Zubin Mehta, she has performed as First Harp with the “Israel Philharmonic Orchestra”.
Since 2009 she has held master classes in Argentina, Brazil and Mexico. In 2013 she was invited to the 8th World Harp Festival in Rio de Janeiro and in 2015 at the 4th World Harp Festival in Paraguay.
Since 2001 she has recorded a series of albums: the CD for Harp only “Nevel” for Beat Records with their arrangements, then the two CD “Celtic Music” and “New Percussion” for RAI Trade, used by the Italian Television as the soundtrack of some transmissions.
She is also active in the educational field, as Professor of Harp at the Fiesole School of Music and holding master classes about Italian literature for harp in the orchestra in Italy and Europe.

Thomas Indermühle

Thomas Indermühle
Oboe - Corso di Perfezionamento

È nato a Berna nel 1951 da una famiglia di musicisti svizzeri. Ha studiato con Heinz Holliger al Musikhochschule di Freiburg (Germania) e con Maurice Bourgue a Parigi. In seguito è stato per molti anni oboe solista nella Netherlands Chamber Orchestra e nella Rotterdam Philharmonic Orchestra. Nel 1974 è stato premiato al Concorso Internazionale di Praga e nel 1976 al Concorso Internazionale ARD di Monaco. In seguito è apparso come solista in quasi tutti i paesi europei, negli Stati Uniti, in Canada, in Giappone, Corea, Australia. Ha formato l’Ensemble Couperin, con il quale si dedica al repertorio barocco, e svolge un’intensa attività direttoriale oltre a quella didattica. Ha insegnato al Conservatorio di Zurigo sin dal 1984, e dal 1989 ha la cattedra di oboe alla Staatliche Hochschule für Musik di Karlsruhe. Ha effettuato numerose incisioni per la Philips, la EMI, la Claves, la Novalis e la Camerata Tokyo.

 

Was born in Bern in 1951 into a Swiss family of musicians and received his musical training from Heinz Holliger at the Musikhochschule in Freiburg, Germany, and from Maurice Bourgue in Paris. He subsequently served as solo oboist of both the Netherlands Chamber Orchestra and the Rotterdam Philharmonic Orchestra for many years. In 1974 he was a prize winner at the Prague International Competition and in 1976 at the International ARD Competition in Munich. Since then he has appeared as a soloist in nearly all the European countries, the United States, Canada, Japan, Korea and Australia. He is the founder of the Couperin Ensemble which specializes in Baroque repertoire, and he is also active as both teacher and conductor. He has taught at the Conservatory in Zürich since 1984 and has been Department Chair of Oboe at the Staatliche Hochschule für Musik in Karlsruhe since 1989. He has made numerous recordings for Philips, EMI, Claves, Novalis and Tokyo Camerata.

Tiziana Tramonti

Canto - triennio

Ha studiato al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, diplomandosi in viola con il massimo dei voti sotto la guida di P. Farulli. Contemporaneamente ha studiato canto con i Maestri E. Campogalliani, G. Favaretto, E. Werba e S. Danco. Ha preso parte ad importanti produzioni nei più prestigiosi teatri italiani, quali il Teatro alla Scala, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Comunale di Bologna, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Massimo Bellini di Catania, il Teatro Carlo Felice di Genova ed il Teatro San Carlo di Napoli. Ha collaborato con prestigiosi direttori d’orchestra, fra i quali ricordiamo B. Bartoletti, S. Bichkov, R. Chailly, G. Gavazzeni, G. Gelmetti, G. Kuhn, L. Maazel, E. Mata, Z. Mehta, R. Muti, D. Oren, S. Ozawa, H. Soudant ed E. Tchakarov. Nelle recenti stagioni ha calcato i palcoscenici delle maggiori Teatri e Festival del circuito teatrale internazionale, fra i quali l’Opéra de Lyon, l’Opéra di Nanterre, il Concertgebouw di Amsterdam, la Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera ed il Festival di Salisburgo.
Di rilievo il vasto repertorio sinfonico e liederistico.

Tiziano Mealli

Masterclass pianoforte

Allievo di Alessandro Specchi presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, formatosi alla scuola del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano, ha fatto della musica da camera il fulcro della sua attività concertistica e didattica, dedicandosi con passione a tramandare ed esportare “con nuova forza” quei valori e quei principi ispiratori della scuola cameristica Italiana. Premiato ad importanti concorsi nazionali ed internazionali, ha intrapreso un’attività concertistica che lo ha visto protagonista in veste di solista, direttore e in varie formazioni cameristiche. Ha suonato con artisti quali Dino Asciolla, Ifor James, Mario Brunello, Giuliano Carmignola, Piero e Antonello Farulli, Riccardo Brengola, Alain Meunier, Hatto Bayerle, Andrea Nannoni, Pavel Vernikov e con ensemble quali il Nuovo Quartetto Italiano, il Quartetto Fonè, il Quartetto di Milano, il Quartetto di Venezia, il Quartetto di Torino, e il Navarra String Quartet, tenendo concerti nelle più importanti città italiane ed estere, ospite delle società e dei festivals più prestigiosi.
Ha effettuato numerose registrazioni radiofoniche e televisive ed ha inciso per le etichette Tactus, Frame, Emarecords e Primrose Records.
È regolarmente invitato in giurie di concorsi ed è membro del Comitato Artistico del prestigioso Concorso Internazionale di musica da camera “Vittorio Gui” di Firenze.
Da vari anni si dedica con passione anche alla direzione d’orchestra.
È stato per molti anni docente presso il Conservatorio “Girolamo Frescobaldi” di Ferrara e attualmente è titolare della cattedra di Musica da Camera presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze.
Tiene numerose Master Class e da molti anni ha una fruttuosa collaborazione didattica con la Scuola di Musica di Fiesole dove tiene un corso di pianoforte e dove dal 1997 è titolare della cattedra di Musica da Camera dei Corsi di Qualificazione Professionale e dell’Orchestra Giovanile Italiana.

 

He studied in Florence (Cherubini Conservatory of Music), his teacher being Alessandro Specchi and then attendant Master Classes held by Trio di Trieste.
Chamber Music then became the cornerstone of his musical career both as a player and as a teacher, his main purposes being conveying the values and legacy of the Italian Chamber Music tradition .
Awarded many National and International prizes, he then started a brilliant career as a soloist, as a conductor and as a member ofchamber music groups, playing with: Dino Asciolla, Ifor James, Mario Brunello, Giuliano Carmignola, Piero Farulli, Riccardo Brengola, Felice Cusano, Christophe Giovaninetti,  Alain Meunier,  Andrea Lucchesini, Hatto Bayerle, Andrea Nannoni, Pavel Vernikov, Mario Caroli and with ensembles like Nuovo Quartetto Italiano, Quartetto Fonè, Quartetto di Milano, Quartetto di Venezia, Quartetto di Torino and Navarra String Quartet.
He has recorded for many Radio and TV channels and for many labels, among which Tactus, Frame, Emarecords and Primrose Records.
He is the Artistic Director of the Pentecoste Festival organized by "Amici della Musica" of Tavarnelle.
Often  invited as a Jury member in various competitions, he is now also one of the members of the Artistic Committee of Premio Vittorio Gui International Chamber Music Competition
He has also started a career as a Conductor
For many years, he has been teaching at Girolamo Frescobaldi Conservatory of Music, in Ferrara and at present teaches at Cherubini Conservatory of Florence.
As a teacher, he regularly holds Piano and Chamber Music Master Classes and is one of the teachers of Orchestra Giovanile Italiano, in Scuola di Musica di Fiesole, a role which once belonged to Dario De Rosa

Tommaso Ferrini

Laboratorio strumentale presso Aeronautica Militare di Firenze

Uta Weyand

UTA WEYAND
Visiting Professor
Pianoforte – Corsi Perfezionamento
http://www.utaweyand.de


German born pianist Uta Weyand comes from a musical family As a daughter of a choir conductor and an organist she grew up with choir music and the organ repertoire.
During her childhood she expressed her extraordinary musical talent not only with the piano. She played the violin, received voice classes and composed with great success.

The Post and Courier (South Carolina,USA) forecasted her „Weyand demonstrates genius at the piano...she is a pianist of genius, who should have a long career.“
And the Nürnberg News confirms “...especially admirable is her amazing art to bring the great Steinway to sing and to wrest him many captivating colors.“

After her studies in Freiburg/Germany, Baltimore/USA and Madrid/Spain with Elza Kolodin, Vitaly Margulis, Leon Fleisher and Joaquín Soriano Uta Weyand has had great international success giving numerous piano recitals and appearing with orchestras in most of the European countries, in Russia, Brazil, Cuba and the United States.

She played with orquestras like the Orquestra of Madrid, Barcelona and Valencia, the Nürnberg and Bamberg Symphony, the Stuttgart Philharmonic and the National Orquestra of Brazil close to conductors like Jesús López Cobos, José Ramón Encinar, Enrique García Asensio, Manuel Galduf, Jac van Steen, Marc Tardue and Gabriel Chmura.

After several scholarships of the German Government Uta Weyand won the first prize in the Steinway Piano Competition in Berlin and 1996 the first prize in the Jose Iturbi International Piano Competition in Valencia with two special prices: one for the best interpretation of Spanish music and the other for Spanish contemporary music.

Since then Uta Weyand's repertoire doesn't ignore any epoch from baroque to contemporary music. After having been living for more than  ten years in Spain, Uta Weyand is a passionate interpreter of the spanish piano repertoire. She dedicates herself to unknown  piano works performing constantly music by Montsalvatge, Guridi, Ohana and Dupont among many others. She worked close to composers like Michael Braunfels and Xavier Montsalvatge.

Uta Weyand received world wide press reviews with her recordings published at Hänssler Classics with music by Schumann, Mozart, Debussy, Montsalvatge, Granados and the Complete Works for Piano Solo by Manuel de Falla.

Uta Weyand combines her dynamic concert life with pedagogical activities giving master classes and conferences in Germany, Spain, Brazil and Cuba. In 2000 she became a professor at the Conservatorio Superior de Musica in Castellon/Spain. Since 2002 she is teaching at the Royal Conservatory of Music in Madrid.

Uta Weyand is founder of the PIANALE Piano Academy for pianists between 18 and 30 and the PIANALE JUNIOR for young pianists between 11 and 17 (www.pianale.com). She is initiator of the series of concerts “Schlosskonzerte Osthessen” in Germany, which provides young musicians with a high-standard performance platform.

Valentina Pagni

Pianoforte - base

Nata a Vinci nel 1966, ha compiuto gli studi musicali sotto la guida di Maria Tipo, risultando vincitrice di varie rassegne per giovani pianisti e conseguendo il diploma in pianoforte col massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze. Contemporaneamente ha svolto gli studi classici, proseguendoli sino ad ottenere la laurea in lettere moderne con indirizzo “Storia della Musica” presso l’ Università di Firenze. Dopo un tirocinio triennale presso la classe di perfezionamento di Maria Tipo alla Scuola di Musica di Fiesole, ha ottenuto nel 1991 la cattedra di pianoforte principale nei corsi di base della Scuola. Da tempo cura, inoltre, vari progetti di alfabetizzazione musicale dei bambini della scuola primaria, in collaborazione con il Centro Studi Musicali “F. Busoni “ di Empoli (FI).

Valeria Brunelli

Violoncello - base

Orchestra dei Piccolissimi Musici

Ha iniziato lo studio del violoncello presso l'Istituto Musicale Comunale di Grosseto per poi continuarlo, dal 1999, alla Scuola di Musica di Fiesole, sotto la guida di Francesco Dillon, diplomandosi nel 2003. Il suo percorso di perfezionamento l'ha portata successivamente a intraprendere studi con docenti quali Enrico Bronzi, Marianne Chen, Andrea Nannoni. Con quest' ultimo, in particolare, ha seguito il corso di Laurea Specialistica in violoncello presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze. Dal 2000, inoltre, ha affiancato al perfezionamento individuale anche l'attività orchestrale (con l'Orchestra “V. Galilei”, l'Orchestra Giovanile Italiana, l'Orchester Institut Attergau, l'Orchestra Promusica di Pistoia ) e cameristica. Si è dedicata in special modo alla formazione del quartetto d'archi, frequentando i corsi dell'Accademia Chigiana di Siena, della Royal Academy of Music di Londra, dell'Accademia Europea del Quartetto, con maestri come Hatto Beyerle, i membri del Quartetto Amadeus, Milan Skampa, Piero Farulli, Christophe Coin. Attualmente è docente presso il Dipartimento Educazione Musicale dell'Infanzia della  Scuola di Musica di Fiesole.

Veronica Fabbri

Violoncello, Musique Ensemble -  Scuola francese

Violoncello - Progetto Sorgane

Volodymyr Kuzma

Violino - triennio
Tecniche di lettura estemporanea
Metologia dell'insegnamento strumentale (pratica)
Passi del repertorio orchestrale

Yejin Gil

pianoforte

Yejin Gil è una fra le pianiste più brillanti della nuova generazione. Premiata in molti concorsi internazionali, combina una tecnica impeccabile ad una profonda musicalità e una ricerca senza compromessi di autenticità artistica. Il suo repertorio spazia da quello classico e romantico fino alla musica del XX e XXI secolo. Il suo debutto discografico con musiche di Chin, Ligeti, Boulez e Messiaen è stato premiato con il "Coup de Coeur" 2014 da parte dell’Académie Charles Cros, uno dei massimi riconoscimenti da parte dei critici musicali francesi, oltre ad essere accolto con entusiasmo da parte degli appassionati di tutto il mondo: “Gil ha dita per articolare i passaggi più densi e veloci di questa musica con abbagliante precisione, ma tutto quello che lei esegue rimane sempre assolutamente intelligente, acuto, musicale ed al tempo stesso profondo” (The Guardian)
Negli ultimi anni ha collaborato con compositori quali Unsuk Chin, Pierre Boulez, Philippe Hurel, Heiner Goebbels, Helmut Oehring, Martin Matalon, Oscar Strasnoy e tenuto concerti accompagnata da importanti orchestre quali Philharmonisches Staatsorchester Hamburg, Staatskapelle Halle, Anhaltische Philharmonie Dessau, Seoul Chamber Ensemble, Percussions de Strasbourg, Ensemble Court-Circuit e Zafraan Ensemble. Nel 2014 è stata nominata "Artist in Residence" dell’Impuls Festival eseguendo il concerto per pianoforte e orchestra di Bernstein “The Age of Anxiety” insieme ad altri brani a Bruxelles, Berlino, Magdeburgo e Halle, concerto trasmesso live su MDR. Alla fine del 2015 è stato pubblicato il suo secondo CD dedicato alla musica per pianoforte di Mussorgsky, seguito da un intenso tour di concerti in Francia e Germania. Nel luglio 2016 ha debuttato con "Turangalîla" di Olivier Messiaen con la direzione di Kent Nagano in una produzione dell’Opera di Stato di Amburgo.
La presente stagione di Yejin Gil prevede, fra gli altri, concerti al Festspiele Mecklenburg-Vorpommern, al Thüringer Bachwochen, con la Hamburg Philharmonic State Orchestra sotto la direzione di Kent Nagano, con la Magdeburgische Philharmonie sotto la direzione di Hans Rotman, al Konzerthaus Berlin. Parteciperà inoltre a diversi progetti cameristici insieme a Jörg Widmann, David Adorjan, Rahel Rilling e Martin Funda. Il suo repertorio sarà principalmente dedicato a lavori di Messiaen, Debussy, Scriabin, Liszt e Bach, insieme a nuova musica commissionata a selezionati compositori contemporanei.
Il suo nuovo album discografico dedicato a Scriabin, inciso al Teldex Studio di Berlino, sarà pubblicato dall’etichetta Bastille Musique nella primavera 2017.
Yejin Gil ha tenuto concerti al Klavier Festival Ruhr, Kasseler Musiktage, IFCP Festival New York, Frontiers Plus Birmingham, Young Euro Classic Berlin, International Piano Festival La Roque d’Anthéron, Acanthes Festival Metz, Tongyeong International Music Festival, The Reflective Musician Oslo, Composer in Residence Festival Stavanger, Encuentros Buenos Aires, Festival de Sully et du Loiret, Choriner Musiksommer e partecipato in prestigiose stagioni in sale da concerto quali il Grand Théâtre de Genève, Essen Philharmonie, Théâtre des Bouffes du Nord, Salle Cortot Paris, Weimarhalle, Konzerthaus Berlin e Seoul Arts Center.
Yejin Gil ha iniziato a studiare pianoforte all’età di cinque anni. Dopo aver studiato alla Seoul National University, la più importante Università coreana, si è trasferita in Germania per studiare alla Folkwang University Essen con Bernhard Wambach e Michael Roll, grazie ad una borsa di studio offerta dai Lions Club, laureandosi con il massimo dei voti e la lode. Durante i suoi studi ha partecipato con successo a diversi concorsi, fra cui il Korea National Competition (primo premio), il Köhler-Osbahr-Wettbewerb (primo premio) ed l’Orléans Concours International (vincitrice ed unica finalista con quattro premi principali: Prix Nadia Boulanger, Prix Albert Roussel, Prix Sacem, Prix Hitachi e premio speciale per la migliore interpretazione della composizione "Interstices” di Philippe Hurels).
Yejin Gil vive e lavora a Berlino.
http://www.yejingil.com


Yejin Gil is an outstanding, award-winning young pianist. She combines technical brilliance with musical depth and the uncompromising pursuit of artistic authenticity. The main emphasis of her work is put both on the classical and romantic repertoire as well as on the music of the 20th and 21st centuries. Her brilliant debut CD with works by Chin, Ligeti, Boulez and Messiaen won the "Coup de Coeur" 2014 of the Académie Charles Cros, one of the major critics awards in France, and filled listeners worldwide with enthusiasm: "Gil has the fingers to articulate the densest, fast-moving passages in such music with dazzling precision, but everything she does is also perceptive and utterly musical, none of the wit in either set eluding her." (The Guardian)
Over the past years, she has been working together with composers such as Unsuk Chin, Pierre Boulez, Philippe Hurel, Heiner Goebbels, Helmut Oehring, Martin Matalon or Oscar Strasnoy and performed with orchestras such as the Philharmonisches Staatsorchester Hamburg, Staatskapelle Halle, Anhaltische Philharmonie Dessau, Seoul Chamber Ensemble, Percussions de Strasbourg, Ensemble Court-Circuit and Zafraan Ensemble. In 2014, she was featured as "Artist in Residence" at the Impuls Festival in Brussels, Berlin, Magdeburg and Halle, playing Bernstein’s piano concerto "The Age of Anxiety" among other pieces, and was broadcasted live on MDR. By the end of 2015, her second CD was released with a pure Mussorgsky programme, which could be experienced at a series of recitals in France and Germany. In July 2016, she made her debut under the baton of Kent Nagano with Olivier Messiaen’s "Turangalîla" on the stage of the Hamburg State Opera.
In the current season, Yejin Gil presents new programmes as a soloist, among others at the Festspiele Mecklenburg-Vorpommern, the Thüringer Bachwochen, the Hamburg Philharmonic State Orchestra under Kent Nagano, the Magdeburgische Philharmonie under Hans Rotman, the Konzerthaus Berlin, as well as a chamber music project with Jörg Widmann, David Adorjan, Rahel Rilling and Martin Funda. The emphasis is put on works by Messiaen, Debussy, Scriabin, Liszt and Bach, as well as newly commissioned works by selected contemporary composers. Additionally, she has just recorded a Scriabin album at the Teldex Studio Berlin that will be released on the label bastille musique in spring 2017.
In an international context, Yejin Gil has appeared previously at events such as the Klavier Festival Ruhr, Kasseler Musiktage, IFCP Festival New York, Frontiers Plus Birmingham, Young Euro Classic Berlin, International Piano Festival La Roque d’Anthéron, Acanthes Festival Metz, Tongyeong International Music Festival, The Reflective Musician Oslo, Composer in Residence Festival Stavanger, Encuentros Buenos Aires, Festival de Sully et du Loiret oder Choriner Musiksommer and has performed in concert series and venues such as the Grand Théâtre de Genève, Essen Philharmonie, Théâtre des Bouffes du Nord, Salle Cortot Paris, Weimarhalle, Konzerthaus Berlin and Seoul Arts Center.
Yejin Gil began her piano studies at the age of five years. Upon successful completion at the Seoul National University, the leading conservatory in Korea, she moved to Germany where she studied, supported by a grant of the Lions Club, at the Folkwang University Essen with Prof. Bernhard Wambach and Prof. Michael Roll graduating the diploma and concert exam with honors. During her studies she also participated successfully at selected competitions, including the Korea National Competition (first prize) , the Köhler-Osbahr-Wettbewerb (first prize) and the Orléans Concours International (winner and only finalist with four main prizes: Prix Nadia Boulanger, Prix Albert Roussel, Prix Sacem, Prix Hitachi and special prize for the best interpretation of Philippe Hurels piece "Interstices"). Yejin Gil lives and works in Berlin.

http://www.yejingil.com

Eventi

Amateur Music Ensemble

Un gruppo orchestrale di appassionati cultori della musica, attualmente costituito in gran parte da strumenti ad arco, ti aspetta per condividere il piacere di fare musica insieme, sotto la guida...

Read more

Successi fiesolani

Ancora una bella affermazione per Nora e Aran Spignoli Soria: hanno vinto il primo premio al IX Concorso Internazionale di arpa “Marcel Tournier”, che si è tenuto pochi giorni fa...

Read more

I Teatri di Sylvano Bussotti 4 - Convegn…

Compositore, interprete, pittore, letterato, scenografo, regista, costumista, attore, docente, organizzatore musicale… la proteiforme attività di Sylvano Bussotti, nato a Firenze nel 1931, nutre da tempo il lavoro degli studiosi, che...

Read more

Giornata di studi: Musica Memoria Materi…

Il prossimo 10 ottobre la Certosa Monumentale di Calci (Pisa) ospita una giornata di studi dal titolo Musica – Memoria - Materia: i libri liturgici con notazione musicale: riflessioni per...

Read more

La nostra biblioteca

Grazie alla presenza dei collaboratori del Centro Documentazione Musicale della Toscana, progetto sostenuto dalla Regione per il censimento e la promozione dei fondi musicali conservati sul territorio (www.cedomus.toscana.it), la...

Read more

Claudia Bucchini a S. Cecilia

Meritati successi premiano il talento e l’impegno della nostra docente Claudia Bucchini, che da tempo collabora con compagini prestigiose tra cui l’Orchestra del Teatro alla Scala: ha vinto in luglio...

Read more

Giovanni Gnocchi - una classe di success…

Grandi risultati nei concorsi internazionali, per i brillanti violoncellisti della classe di Giovanni Gnocchi: il venticinquenne Shizuka Mitsui, semifinalista nel maggio scorso al Concours Reine Elisabeth di Bruxelles, ha vinto...

Read more

Audizioni OGI

Desideri approfondire la tua preparazione musicale e partecipare alle attività del progetto formativo dell’Orchestra Giovanile Italiana? Hai tempo fino alla mezzanotte del 22 ottobre per presentare domanda ed accedere alle...

Read more

Workshop CeDoMus 29 settembre

La musica come pretesto: casi di studio per una divulgazione del nostro patrimonio culturale tra libri, carte e arte è il tema del workshop che si terrà il prossimo 29...

Read more

Nuovi trienni accreditati

Dall’anno accademico 2017/2018 l’offerta formativa del Triennio si apre a nuovi insegnamenti, avvantaggiando gli studenti che vogliano dedicarsi alla musica antica. La Scuola è stata infatti recentemente autorizzata -ai sensi...

Read more

Cerca