Visiting Professor del corso di perfezionamento in chitarra di Luigi Attademo e Duccio Bianchi

Nato a Parigi nel 1957, Olivier Chassain divide oggi la sua attività di musicista tra concerti, insegnamento e composizione. Ha iniziato lo studio della chitarra in Limousin con Roger Généraux che lo incoraggiò anche molto rapidamente a scrivere musica. Completò così la sua formazione con Louis Tillet al Conservatorio di Limoges, nella cui classe ottenne i premi per il contrappunto e l'armonia. Primo vincitore della giovanissima classe di chitarra di R. Généraux, creata nel 1974 al Conservatorio di Orléans, Olivier Chassain ha poi seguito corsi di perfezionamento a Parigi con Carel Harms, e con Alexandre Lagoya all'Académie Internationale d'Été de Nice, dal 1975 . Nel 1977 è entrato al Conservatorio di Parigi (l'attuale Cnsmdp) dove si è diplomato nella classe di A. Lagoya, un primo premio per chitarra nel 1982, insieme ai suoi premi di armonia e contrappunto (classi di R. Boutry e B. de Crépy). I suoi inizi come interprete hanno assunto una dimensione internazionale quando ha vinto il Primo Premio della "Guitar Foundation of America International Competition" nel 1988, primo chitarrista non americano a ricevere questo riconoscimento. L'anno successivo compie una grande tournée organizzata dalla GFA, in tutto il continente nordamericano: vi viene quindi regolarmente invitato per concerti e masterclass, oltre che in altri continenti.L'inizio della sua carriera di insegnante è avvenuto ad Orléans nel 1978, al seguito del suo primo insegnante (si è formato dopo aver conseguito il CA all'età di 21 anni), e ha visto il suo compimento quando è stato nominato nel 1992 al Conservatorio Jacques Thibaud de Bordeaux, poi nel 1994 per succedere ad A. Lagoya come Insegnante di Chitarra presso il Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris (Cnsmdp), dove insegna ancora oggi. Diversi studenti della sua classe da allora hanno vinto numerosi premi internazionali e hanno intrapreso carriere particolarmente promettenti, come Thibaut Cauvin, Gabriel Bianco, Thibaut Garcia, Xavier Jara-Bishop, Antoine Morinière, Bogdan Mihailescu, Randall Avers, Benoît Albert, Giani Caserotto, Antoine Guerrero, Romaric Martin, Stijn Könings ... Olivier Chassain è anche professore al PESMD di Bordeaux-Aquitaine sin dagli inizi di questa istituzione, negli anni ’90. Ha ricevuto la Chitarra d'oro 2018 - Premio per la didattica - durante il 23° convegno internazionale di chitarra ad Alessandria, Italia, in occasione del Concorso Internazionale Michele Pittaluga.Il repertorio di Olivier Chassain mostra un grande eclettismo, dal Rinascimento alla musica di oggi. Appassionato di musica antica e barocca, da molti anni si dedica anche al liuto e alla vihuela, al fine di trasmetterne, attraverso un approccio privilegiato, il suono e lo spirito.Ardente difensore della creazione contemporanea, Olivier Chassain è dedicatario di numerose opere per chitarra (Georges Delerue, Stephen Dodgson, Antonio Ruiz-Pipó, A.-M. Riou, Thierry Pécou, Sean Heim) e di concerti, tra cui "Escales" di Roland Creuze, come quello di Édith Lejet, "Fiori a forma di diamanti".Olivier Chassain ha realizzato diversi dischi, sotto diverse etichette, tra cui "Almost a song" (registrazioni Metronome) incoronato con il "Choc" dal mondo della musica e "Éventail" da un "Choc" dalla rivista Classica.Un album dedicato alle composizioni complete di Ida Presti - la prima registrazione al mondo - in duo con il chitarrista norvegese Stein-Erik Olsen, ha ricevuto un'accoglienza entusiastica dalla critica musicale, classificato nei dieci migliori album classici del anno 2009, sotto l'etichetta Simax. Nell'aprile 2015 è uscito un primo album monografico dedicato alle proprie opere, grazie all'iniziativa dell'amico John McClellan durante una delle sue recenti residenze a St. Louis, Missouri. Diverse altre registrazioni sono in cantiere, tra cui un album in un repertorio di opere originali dedicato al Duo Presti-Lagoya, un secondo album monografico delle sue opere, nonché un album dedicato a Johann-Sebastian Bach. Nell'imponente collezione Presti-Lagoya della casa editrice Berben è pubblicata la revisione delle opere originali complete di Ida Presti: una prima raccolta dei suoi duo pubblicata nel 2014, quella delle sue opere per chitarra sola nel 2019.