Il 13 gennaio è da sempre a Fiesole un giorno di festa: il compleanno di Piero Farulli si celebra ogni anno con un concerto speciale, a lui dedicato. Per questa speciale occasione, che si apre con una Tavola Rotonda "Piero Farulli, fiorentino uomo del mondo", l’Orchestra Galilei si presenta a Palazzo Vecchio, nel Salone dei Cinquecento, per eseguire un capolavoro caro al Maestro.

Si tratta della celebre Sinfonia Concertante in mi bemolle maggiore per violino e viola K. 364 (1779), con la quale Mozart offre una luminosa testimonianza della sua predilezione per la densa tessitura della viola: ad essa affida infatti un ruolo espressivo centrale, all’interno di un’opera dall’elaborazione formale articolata ed eloquente, in cui l’autore fa tesoro del recente ascolto della celebre orchestra di corte di Mannheim. 
La partecipazione di due tra gli ultimi allievi di Piero Farulli, ovvero Edoardo Rosadini in veste di direttore e Stefano Zanobini impegnato come solista insieme al giovanissimo violinista Matteo Cimatti, rende ancor più festoso ed affettuoso l’omaggio della Scuola all’indimenticabile Maestro.

Il Concerto del 13 gennaio è parte della serie di manifestazioni che nel corso dell’anno saranno promosse dal Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Centenario della nascita di Piero Farulli che, presieduto da Gianni Letta, riunisce alcune fra le più illustri istituzioni musicali del nostro Paese (Accademia Musicale Chigiana, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Associazione Amici della Musica di Firenze, Associazione le Dimore del Quartetto, Conservatorio Luigi Cherubini, Fondazione Orchestra Regionale Toscana, Fondazione Scuola di Musica di Fiesole O.n.l.u.s., Società del Quartetto di Milano, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e Associazione Piero Farulli ONLUS) oltre che istituzioni ed enti d’eccellenza del territorio toscano (Comune di Fiesole, Fondazione CR Firenze, LENS Laboratorio Europeo di Spettroscopia Non Lineare, Scuola Normale Superiore di Pisa). Il progetto "Farulli 100" Nasce con l'aiuto di alcuni fra gli innumerevoli ed illustri allievi di Piero Farulli per ricordare - in occasione dei cento anni dalla nascita - il dirompente messaggio culturale di un uomo che per anni ha operato gratuitamente all’interno delle istituzioni, convinto della capacità della grande musica di ispirare l’umanità, contribuendo a creare una società più solidale e armonica, lottando tutta la vita perché venisse insegnata e praticata attivamente nella Scuola fin dalla più tenera infanzia.

www.farulli100.com