CONCERTO DI NATALE - Amao omi (guerra insensata) In evidenza

Informazioni aggiuntive

  • Data: Sabato, 17 Dicembre 2016
  • Ora: 21:00
  • Luogo: Basilica di Santa Trinita, Piazza di Santa Trinita Firenze

Meditazioni in musica, con il Concerto di Natale che si terrà il 17 dicembre (ore 21) alla Basilica di S. Trinita.
Fabio Lombardo ha impaginato un programma di cui fin dal sottotitolo è evidente la valenza riflessiva: Amao omi (guerra insensata, in georgiano) è infatti anche il titolo del lavoro di Giya Kancheli (1935) che conclude il concerto, coinvolgendo la Schola Cantorum “F. Landini” ed il Quartetto di saxofoni Alfa; il percorso musicale riveste un collage di parole, utilizzate non solo per il loro significato, ma spesso anche esclusivamente per il loro suono.
Il programma si apre con il Kyrie dalla Messe des pauvres di Erik Satie, l’unico lavoro sacro del compositore francese, risalente al suo periodo “mistico” (1893-1895).
L’insensatezza della cultura industriale seriale ispira i brani minimalisti di Philip Glass, che impegnano anche il pianoforte di Marcello De Vita; il flauto di Sofia Ferrara Salute si unisce al coro e a due sax per Vessels, estratto dal film-documentario Koyaanisqatsi (in amerindo hopi “vita in tumulto”), mentre il norvegese Ola Gjeilo, che opera stabilmente negli USA, compare con un piccolo pezzo corale a cappella su Pulchra es, amica mea dal Cantico dei Cantici.

Schola Cantorum Francesco Landini
Fabio Lombardo direttore

ERIK SATIE (1866-1925)
Kyrie per coro misto e organo (da “Messes des pauvres”)

PHILIP GLASS (1937)
Opening (da “Glasswork”)
Metamorphosis n. 4
pianoforte

OLA GJEILO (1978)
Northern Lights
coro a cappella

PHILIP GLASS
Vessels (da “Koyaanisqatsi”)
coro misto, flauto e 2 saxofoni

ERIK SATIE
Trois Gymnopedies
pianoforte

GIYA KANCHELI (1935)
Amao Omi (Guerra insensata)
coro misto e quartetto di sax


Quartetto di saxofoni Alfa
Tiziana Maccherini saxofono soprano
Gabriele Nardoni saxofono contralto
Carlo Francisci saxofono tenore
Niccolò Menghini saxofono baritono
Sofia Ferrara Salute flauto
Marcello De Vita pianoforte
Giovanna Riboli organo

Ingresso libero