Pianeta OGI

Tre concerti di grande spessore per la conclusione dell’edizione 2017 dell’Orchestra Giovanile Italiana: le sale più prestigiose di Bologna, Roma e Mantova hanno ospitato l’OGI, impegnata in un programma che accostava Wagner, Korngold e Bruckner sotto la direzione di Philippe Auguin, con la partecipazione solistica del violinista Michael Barenboim.

Grande successo di pubblico e intense emozioni per i giovani musicisti, che alla fine della terza serata si sono abbracciati sul palco, commossi per la conclusione del percorso che li ha visti uniti nelle tante avventure di quest’anno. Il concerto di Mantova è stato entusiasticamente recensito in due articoli apparsi su La Voce di Mantova (recensione 1 / recensione 2) ed ancora una volta l’impegno dei ragazzi e di tutti coloro che partecipano al progetto (docente preparatore, insegnanti delle file e della musica da camera, staff organizzativo della Scuola) è stato premiato dal raggiungimento di un’elevata qualità esecutiva, frutto dell’articolato percorso di crescita che ha coinvolto ciascuno dei musicisti.
Tanto entusiasmo trova naturalmente un riscontro nel grande desiderio di partecipazione all’Orchestra Giovanile, che quest’anno registra un record assoluto: ben 330 giovani strumentisti si sono prenotati per partecipare alle prove di ammissione, che sono da poco iniziate. I migliori saranno scelti per formare l’organico dell’OGI 2018, il cui debutto è previsto, come di consueto, in occasione del Concerto di Capodanno.