Le lezioni d’orchestra di Daniele Gatti In evidenza

Grande attesa tra i giovani musicisti dell’OGI per l’arrivo a Fiesole del celebre direttore d’orchestra, che sarà alla Scuola dal 25 al 27 ottobre. Daniele Gatti si è reso disponibile a dedicare tre giorni all’Orchestra Giovanile Italiana, per illuminare col suo magistero didattico due capolavori brahmsiani come le Variazioni su tema di Haydn op. 56a e la Seconda Sinfonia. Le Variazioni risalgono all’estate del 1873 e precedono la stesura delle Sinfonie, offrendo al tormentato compositore –desideroso di cimentarsi col genere principe della scrittura per orchestra, ma preoccupato dal confronto con la grande tradizione mitteleuropea- un campo d’azione nel quale concretare l'incontro fra linguaggio sinfonico e tecnica dell'elaborazione tematica. La Sinfonia in re maggiore op. 73, dopo il rovello compositivo della Prima, nasce nell’estate del 1877 e mostra un Brahms insolitamente sereno, la cui penna sembra fluire con scorrevole naturalezza.
Lavorare con Daniele Gatti su queste partiture sarà una straordinaria occasione di crescita per gli strumentisti dell’OGI, e la sua presenza a Fiesole una festa per tutta la Scuola, legata al Maestro da antico affetto e grata memoria: con grande generosità Daniele Gatti tenne alla Scuola per quattro anni dal 2002 al 2006 un corso di direzione del quale si avvantaggiarono non solo le giovani bacchette, ma anche i ragazzi dell’Orchestra Galilei, impegnata nella partecipazione alle lezioni.
Il vincolo di affetto e stima si è recentemente rinsaldato, grazie al coinvolgimento dell’Orchestra Giovanile Italiana nel corso chigiano di Gatti, e così l’invito del nostro Direttore Artistico ha trovato accoglienza da parte del Maestro. Bentornato!