Crollo muretto

L'accesso alla Scuola è temporaneamente possibile dal solo n. 24 con una circolazione in doppio senso di marcia, per il protrarsi dei lavori di messa in sicurezza del muro crollato in ...

Chiudi

La Befana con l’Orsetto Paddington

Tre appuntamenti pomeridiani (dal 6 all’8 gennaio, ore 17.45) portano al Saloncino del Teatro alla Pergola l’Orchestra dei Ragazzi, con Edoardo Rosadini per Il primo concerto dell’orso Paddington.
Nel 1958 lo scrittore inglese Michael Bond dette alle stampe A Bear called Paddington, ispirato da un solitario orsacchiotto di pezza visto negli scaffali di un negozio londinese nei pressi della stazione di Paddington. Bond dichiarò di aver pensato ai bambini che si allontanavano da Londra durante la guerra per sfuggire ai bombardamenti: tutti aspettavano il treno e avevano un cartoncino ed un bagaglio, esattamente come l’orsetto della storia che, seduto sulla sua valigia, mostra un cartellino che recita: “Per favore prendetevi cura di quest’orso. Grazie”.
L’incontro con la famiglia Brown, che adotta l’orsetto col nome del luogo del ritrovamento, è l’inizio di una serie di divertenti avventure, una delle quali è raccontata nel melologo Il primo concerto dell’orso Paddington.
La musica è dell’eclettico compositore inglese Herbert Chappell (1934) che, dopo una severa formazione cui aveva contribuito Egon Wellesz - esponente della seconda scuola di Vienna -, sceglie una via divulgativa ed accattivante, avvicinando il grande pubblico alla musica con l’aiuto di protagonisti della scena internazionale come Leonard Bernstein e Luciano Pavarotti, e conquista il successo con musiche per il cinema e la TV.
Il progetto che la Scuola di Musica di Fiesole attua in collaborazione con il Teatro della Toscana ha la doppia valenza di uno spettacolo per giovanissimi interpretato da coetanei, poiché a portare in scena le avventure dell’orsetto sono i musicisti dell’Orchestra dei Ragazzi della Scuola, guidati dal loro docente-direttore Edoardo Rosadini; la storia avrà la calda e mutevole voce dell’attore Lorenzo Macrì, da molti anni impegnato in un’intensa attività teatrale e di doppiaggio.