Crollo muretto

L'accesso alla Scuola è temporaneamente possibile dal solo n. 24 con una circolazione in doppio senso di marcia, per il protrarsi dei lavori di messa in sicurezza del muro crollato in ...

Chiudi

Inaugurata la Casa della Musica di Arezzo

Il 16 dicembre scorso una calorosa partecipazione della città ha salutato l’inaugurazione di CaMu. La giornata si è aperta con il taglio del nastro da parte del Sindaco Alessandro Ghinelli ed è proseguita con una conversazione musicale incentrata sulla figura di Schubert, col musicologo Sandro Cappelletto e Simone Soldati al pianoforte. Subito dopo il pianismo di Liszt è stato il cimento dell’aretino Andrea Trovato.
Nel pomeriggio CaMu ha ospitato concerti e laboratori per bambini, ragazzi e adulti, come “assaggio” delle attività formative che prenderanno il via nel nuovo anno. Hanno collaborato al pieno successo della giornata alcune istituzioni formative attive sul territorio, come l’Associazione Le 7 Note, Opera Viwa e il Liceo Musicale F. Petrarca.
A partire dal mese di gennaio, la Casa della Musica di Arezzo accoglierà iniziative rivolte a fruitori di ogni età, dalla ricerca alla sperimentazione, dalla formazione alla produzione concertistica, fino alla divulgazione musicale destinata ai più piccoli.
Voluto dal Comune di Arezzo e realizzato nei locali della Fraternita dei Laici restaurati con il contributo della Regione Toscana, CaMu è un progetto a cura della Scuola, col determinante sostegno della Fondazione CR Firenze.
Scopo dell’iniziativa è sviluppare collaborazioni fra i soggetti impegnati nella diffusione in ambito musicale, ampliando la vita culturale della città con attività di alta formazione, corsi professionalizzanti e percorsi didattici innovativi per l’infanzia; CaMu intende essere inoltre un valido presidio a supporto delle istituzioni formative del territorio, dalle scuole dell’infanzia fino al Liceo Musicale.

Per informazioni sui corsi scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure chiamare il numero 334 650514